LI PEDAGGI VOSTRI! - LA FRANCIA “IN GUERRA” CONTRO I BENETTON DI AUTOSTRADE (NON CONTIAMO UN TUBO A CASA NOSTRA, FIGURARSI SE POSSIAMO FARE QUALCHE AFFARE ALL’ESTERO)

L’ecotassa per i tir, voluta dal governo di François Fillon, potrebbe essere sospesa - Il motivo? Ai francesi non va giù che la riscossione sia affidata (per la maggior parte) a “Atlantia”, società dei Benetton e azionista di maggioranza di “Ecomouv” - E Lupi si incazza…

Condividi questo articolo


GILBERTO BENETTONGILBERTO BENETTON

Carlotta Scozzari per "la Repubblica"

I francesi non gradiscono che la maggior parte del ricavato sull'ecotassa per i tir destinata ai privati finisca in mani italiane. Si tratta di quelle di Atlantia, la società della famiglia Benetton che, attraverso Autostrade per l'Italia, è azionista di maggioranza al 70% di Ecomouv, il consorzio incaricato di riscuotere il balzello pensato dal precedente governo di François Fillon che dal primo gennaio sarebbe dovuto diventare obbligatorio per i mezzi oltre le 3,5 tonnellate in transito sulla rete stradale francese.

AUTOSTRADEAUTOSTRADE

Il condizionale è d'obbligo perché l'esecutivo di Jean-Marc Ayrault, il 29 ottobre, complice anche la dura protesta dei camionisti della Bretagna dei giorni scorsi, ha deciso di sospendere la tassa in attesa di rinegoziare il contratto con Ecomouv, con l'obiettivo di abbassare l'onere per i contribuenti.

autostradeautostrade

Stando agli attuali accordi, l'incasso legato alla tassa si sarebbe dovuto attestare a 1,15 miliardi annui, il 20% dei quali, circa 250 milioni, di competenza del consorzio (il resto sarebbe dovuto andare allo Stato e agli enti locali). A mandare su tutte le furie il governo sembrano essere soprattutto i 175 milioni annui di spettanza di Atlantia, tant'è che ieri il ministro dell'Economia francese, Pierre Moscovici, in un'intervista, si è detto «sorpreso
che si sia delegata la riscossione di una tassa nazionale a un fornitore straniero».

fci10 romano prodi francois fillonfci10 romano prodi francois fillon francois fillonfrancois fillon

Non si è fatta attendere la replica del ministro italiano delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, che si è detto a sua volta stupito «che un esponente di spicco del governo francese utilizzi questi argomenti a danno di una grande e competitiva azienda italiana, peraltro su un progetto che vede una partnership di così alto livello tecnologico tra Autostrade per l'Italia e importanti imprese francesi», ossia Thales, Sncf, Sfr e Steria, che hanno in portafoglio il 30% di Ecomouv.

Pierre Moscovici and Marie Charline Pacquot article A CAFA DC xPierre Moscovici and Marie Charline Pacquot article A CAFA DC x Napolitano Maurizio Lupi ed Enrico LettaNapolitano Maurizio Lupi ed Enrico Letta

«Autostrade - osserva Lupi - si è aggiudicata questa commessa a seguito di una regolare gara di appalto su bando europeo promosso dal governo francese», perciò «il governo italiano continuerà a seguire con estrema attenzione la vicenda». Per spiegare il motivo dello "stop" all'ecopedaggio, Moscovici ha anche addotto il mancato rispetto di alcuni obblighi da parte del consorzio, pare relativi alle tempistiche di operatività del sistema, tant'è che indiscrezioni riferiscono l'intenzione dello Stato francese di chiedere a Ecomouv il pagamento di un'indennità di ritardo da 20 milioni.

Eppure, già all'inizio dell'estate, è stata avviata una sperimentazione tecnica della tassa che ha coinvolto 150mila camion. Al 30 giugno scorso, spiega la semestrale di Atlantia (ultimi numeri disponibili), «nell'ambito della fase di progettazione e allestimento del servizio», Ecomouv aveva completato investimenti per 148,7 milioni.

MAURIZIO LUPIMAURIZIO LUPI

Una cifra che a oggi dovrebbe essere verosimilmente cresciuta e che, in caso di totale cancellazione della tassa, dovrebbe giustificare a carico del governo francese il pagamento di una penale da 800 milioni.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA