LA LOCOMOTIVA TEDESCA SI È FERMATA. E PER L’ITALIA SO’ DOLORI – A LUGLIO GLI ORDINI DELL’INDUSTRIA, IN GERMANIA, SONO CROLLATI DELL’11,7%: È IL DATO PEGGIORE DALLA PRIMA ONDATA DI COVID, NELLA PRIMAVERA DEL 2020. IL PAESE, PRIMO ESPORTATORE D’EUROPA, SOFFRE LA FRENATA DELLA CINA, ED È IMPANTANATO. UN FATTORE CHE INDEBOLIRÀ ANCHE L’ECONOMIA ITALIANA, STRETTAMENTE CONNESSA A QUELLA DI BERLINO – IL MONITO DELL’UE SUI TRUCCHETTI CONTABILI DEL MINISTRO DELLE FINANZE, LINDNER

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tonia Mastrobuoni per “la Repubblica”

 

olaf scholz con la benda sull occhio olaf scholz con la benda sull occhio

A prima vista, l’ultima volta che la Germania ha sofferto un crollo così drammatico degli ordini risale alla primavera del 2020, al periodo più buio della prima ondata da Covid. L’ufficio statistico ha scioccato ieri anche gli analisti più pessimisti che avevano preventivato una caduta, mese su mese, del 4%. Invece gli ordini hanno registrato a luglio un -11,7%. […]

 

[…] Entrando nel dettaglio, si riconoscono le fragilità tipiche del “campione di export”: la caduta degli ordini dall’estero sfiora il 13%. Pesa pure la frenata della Cina. Ieri dalle colonne dell’Handelsblatt è intervenuto il presidente della Bundesbank, Joachim Nagel, a mitigare i timori di una crisi grave della locomotiva europea: «La Germania non è il malato d’Europa. La ritengo una diagnosi sbagliata di cui ci si innamora con troppa facilità».

 

Olaf Scholz e Christian Lindner Olaf Scholz e Christian Lindner

Il numero una della Buba ha anche ricordato che la Germania è un Paese tradizionalmente in grado di reagire rapidamente alle crisi e ha concluso: «Il suo modello economico non è obsoleto». Nagel ritiene la stagnazione attuale un fatto contingente, legato alla guerra in Ucraina e alla crisi energetica, ma aggiunge: «Prevediamo che nel prossimo anno il quadro migliorerà».

 

OLAF SCHOLZ XI JINPING OLAF SCHOLZ XI JINPING

Intanto da Bruxelles è arrivata una prima reazione al pesante monito lanciato dalla Corte dei Conti tedesca sui “Sondervermoegen”, sui bilanci ombra della Germania. Secondo i magistrati contabili il fatto di tenere fuori dal calcolo del disavanzo le maxi poste pluriennali per il risanamento della Bundeswehr (100 miliardi di euro) o anti-crisi energetica (200 miliardi) del 2022 denotato scarsa trasparenza e mina la credibilità del “freno al debito”.

 

Lunedì il ministro delle Finanze, Christian Lindner, ha annunciato che la Germania torna nel 2024 al rigore - ma al netto delle colossali somme dei “fondi speciali”, che conta di calcolare soltanto ex post ai fini del conteggio dell’indebitamento.

 

GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ

Ieri Bruxelles ha lasciato intendere che è un trucco contabile sgradito. «Monitoriamo gli sviluppi fiscali in tutti gli Stati con riferimento al loro disavanzo pubblico generale. Si tratta di un concetto statistico calcolato dalle autorità statistiche nazionali ed europee secondo un metodo concordato», ha precisato un portavoce. «Ai fini della nostra valutazione di conformità degli Stati membri alle norme di bilancio dell’Ue […]  non è possibile per nessuno Stato membro escludere una spesa particolare dal proprio disavanzo pubblico». […]

olaf scholz fa jogging olaf scholz fa jogging

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…