MUSK ATTACK! - IL FONDATORE DI TESLA SUPERA DI NUOVO BEZOS: È LUI ORA IL PIÙ RICCO DEL MONDO. ELON È DIVENTATO LA TERZA PERSONA NELLA STORIA AD AVER ACCUMULATO UNA FORTUNA DEL VALORE DI 200 MILIARDI DI DOLLARI – AL SECONDO POSTO SI TROVA  IL FONDATORE DI AMAZON, CON 194 MILIARDI, MENTRE IL TERZO È BERNARD ARNAULT (150 MILIARDI) – LA LISTA DI “FORBES” DELLE 10 PERSONE PIÙ RICCHE DEL MONDO...

-

Condividi questo articolo


Riccardo Lichene per www.corriere.it

Elon Musk fuma Elon Musk fuma

 

1. Elon Musk (200 miliardi)

Lunedì 27 settembre Elon Musk è diventato la terza persona nella storia ad aver accumulato una fortuna del valore di 200 miliardi di dollari, secondo Forbes, superando il fondatore di Amazon Jeff Bezos. 

 

elon musk elon musk

Quando gli è stato chiesto un commento, Musk ha detto: «Sto inviando una statua gigante del numero 2 a Jeffrey B., insieme a una medaglia d'argento», riferendosi ovviamente al rivale Bezos. La beffa non è una sorpresa dell'eccentrico amministratore delegato di Tesla, che in passato ha utilizzato Twitter per etichettare scherzosamente il patron di Amazon come un «copione» ben due volte (entrambe usando un'emoji di gatto). 

elon musk elon musk

 

La prima nell'aprile 2019, quando Amazon ha annunciato l'intenzione di lanciare satelliti di trasmissione Internet in concorrenza con la SpaceX di Musk e di nuovo nel giugno 2020, quando Amazon ha acquisito la società di auto a guida autonoma Zoox, che vuole imitare Tesla.

 

2. Jeff Bezos (194 miliardi)

Jeff Bezos Jeff Bezos

Negli ultimi anni Bezos e Musk sono stati in rotta di collisione su due binari: i loro valori netti e le loro ambizioni spaziali. Nell'agosto 2020, Bezos è diventato la prima persona in assoluto a raggiungere i 200 miliardi di dollari mentre le azioni di Amazon crescevano senza sosta. 

 

Ma un aumento del 720% delle azioni della società di veicoli elettrici di Musk, Tesla, lo ha aiutato a recuperare il distacco, diventando per breve tempo la persona più ricca del mondo nel gennaio 2021. Ora il titolo è di nuovo suo.

arnault arnault

 

3. Bernard Arnault (150 miliardi)

Bernard Arnault è presidente e Ceo di Lvmh, la più grande azienda di beni di lusso al mondo. La compagnia possiede alcuni dei più prestigiosi marchi del settore tra cui Louis Vuitton, Moët Hennessy, Marc Jacobs, Sephora e molti altri. 

 

bernard arnault bernard arnault

La maggior parte della sua ricchezza, tuttavia, proviene in realtà dalla sua massiccia partecipazione in Christian Dior Se, la holding che controlla il 41,25% di Lvmh. Le sue azioni in Christian Dior SE, più un ulteriore 6,2% in Lvmh sono detenute attraverso la sua holding di famiglia, Groupe Arnault Se. 

 

Ingegnere di formazione, Arnault ha dimostrato la sua capacità imprenditoriale mentre lavorava per l'impresa edile di suo padre, la Ferret-Savinel, di cui avrebbe preso il controllo nel 1971. Successivamente ha convertito Ferret-Savinel in una società immobiliare denominata Férinel Inc nel 1979.

Bill Gates 2 Bill Gates 2

 

4. Bill Gates (124 miliardi)

Mentre frequentava l'Università di Harvard nel 1975, Bill Gates andò a lavorare insieme al suo amico d'infanzia Paul Allen per sviluppare un nuovo software per i primi personal computer. Dopo il successo di questo progetto, Gates ha lasciato l’università e fondato Microsoft con Allen. 

 

bill e melinda gates bill e melinda gates

Oltre ad essere la più grande azienda di software al mondo, Microsoft produce anche una propria linea di personal computer, pubblica libri tramite Microsoft Press, fornisce servizi di posta elettronica tramite il proprio server Exchange e sviluppa videogiochi e console. Gates è stato presidente e amministratore delegato di Microsoft fino al 2000 e dal 2014 non è più l'azionista di maggioranza.

Mark Zuckerberg Mark Zuckerberg

 

5. Mark Zuckerberg (97 miliardi)

Mark Zuckerberg ha sviluppato Facebook insieme ai compagni d’università Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes mentre frequentava Harvard, nel 2004. Quando Facebook iniziò ad essere utilizzato in altre università, Zuckerberg lasciò Harvard per concentrarsi interamente sulla sua attività in crescita. 

 

Oggi è Ceo e presidente di Facebook, che nel primo trimestre del 2021 contava oltre 2,8 miliardi di utenti attivi mensili. Il social è poi al centro di una galassia composta da app come Instagram, acquisita nel 2012, il servizio di messaggistica WhatsApp e il produttore di visori per realtà virtuale Oculus, entrambi acquisiti nel 2014.

warren buffett 2 warren buffett 2

 

6. Warren Buffett (96 miliardi)

Il più famoso investitore vivente, Warren Buffett ha presentato la sua prima dichiarazione dei redditi nel 1944 all'età di 14 anni, quando consegnava i giornali. Le sue prime azioni sono state quelle di una società tessile chiamata Berkshire Hathaway nel 1962, di cui è diventato azionista di maggioranza nel 1965. 

 

Da allora ha ampliato la società alle assicurazioni e ad altri investimenti e ora, Berkshire Hathaway è una società con un fatturato di 245,5 miliardi di dollari. Conosciuto come «l'Oracolo di Omaha», Buffett ha guadagnato la maggior parte della sua fortuna acquistando azioni di società con operazioni commerciali di facile comprensione. 

warren buffett warren buffett

 

Mentre molti investitori si sono lanciati sulle società tecnologiche, Buffett ha optato per un approccio più cauto, acquistando solo azioni di società consolidate che sono più facili da capire, come Ibm e Apple. È da sempre un noto scettico dei bitcoin e ha acquisito una lunga lista di aziende come Dairy Queen, Duracell, Geico e Kraft Heinz.

 

larry ellison larry ellison

7. Larry Ellison (93 miliardi)

Dopo aver lasciato l'Università di Chicago nel 1966, Larry Ellison si è trasferito in California e ha lavorato come programmatore di computer per diverse aziende nel corso degli anni. In primo luogo, nel 1973, è stato un dipendente della società di elettronica Ampex, dove ha incontrato i futuri partner Ed Oates e Bob Miner.

 

LARRY ELLISON DI ORACLE LARRY ELLISON DI ORACLE

Tre anni dopo è entrato a far parte di Precision Instruments, ricoprendo il ruolo di vicepresidente per la ricerca e sviluppo dell'azienda. Nel 1977, Ellison aveva fondato Software Development Laboratories (SDL) insieme a Oates e Miner, che, due anni dopo, rilasciarono Oracle, il primo programma di database relazionale commerciale ad utilizzare un linguaggio di programmazione strutturato. 

 

Il programma si dimostrò così popolare che SDL cambiò il suo nome in Oracle Systems Corporation nel 1982. Oggi Oracle è la seconda società di software più grande al mondo e fornisce un'ampia varietà di programmi di cloud computing, nonché altri software, come Java, e la piattaforma di elaborazione Oracle Exadata. Ellison è poi entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Tesla nel dicembre 2018.

larry page larry page

 

8. Larry Page (91 miliardi)

Come molti miliardari della tecnologia in questa lista, la fama di Larry Page è iniziata in una stanza del dormitorio del college. Mentre frequentavano la Stanford University nel 1995, Page e il suo amico Sergey Brin hanno avuto l'idea di migliorare le capacità di estrazione dei dati durante l'accesso a Internet. 

 

Il duo ha ideato un nuovo tipo di tecnologia per motori di ricerca che hanno soprannominato Backrub, dal nome della sua capacità di analizzare i «link di supporto». Da lì, Page e Brin hanno fondato Google nel 1998, con Page a fare da Ceo fino a quando non si è dimesso nel 2001. Google è uno dei più grandi motori di ricerca Internet del pianeta e rappresenta oltre il 70% delle ricerca online globali. 

larry page e sergey brin larry page e sergey brin

 

Nel 2006, l’azienda si è espansa acquistando YouTube, la più grande piattaforma per i video generati dagli utenti. Il 2008, poi, ha visto il rilascio del primo smartphone con il sistema operativo Android, originariamente sviluppato da Android Inc., che Google ha acquisito nel 2005.

 

9. Sergey Brin (89 miliardi)

Ciò che rende Google unica rispetto alle altre società presenti in questo elenco, è che i suoi co-fondatori sono relativamente vicini in termini di ricchezza totale.

sergey brin sergey brin

 

Il coinvolgimento di Sergey Brin in Google segue un percorso simile a quello di Page. Dopo che il duo ha fondato la società nel 1998, Brin è stato co-presidente al fianco di Page fino a quando Eric Schmidt ha assunto la carica di CEO nel 2001. 

 

Allo stesso modo, dopo aver fondato Alphabet nel 2015, Brin ha agito come presidente della holding prima di dimettersi nel 2019 a favore di Sundar Pichai. Oltre ad essere un motore di ricerca, Google offre anche una suite di strumenti e servizi online, nota come Google Workspace, che include Gmail, Drive, Calendar, Meet, Chat, Docs, Sheets, Slides e altro ancora. 

 

Oltre al software, l’azienda si occupa anche di un'ampia varietà di dispositivi elettronici come gli smartphone Pixel, i computer e i tablet Pixelbook e i device per la smart home Nest oltre alla piattaforma di gioco Stadia

 

10. Mukesh Ambani - (84,5 miliardi)

mukesh d. ambani 3 mukesh d. ambani 3

Reliance Industries è stata originariamente fondata come un piccolo produttore tessile da Dhirubhai Ambani nel 1966. Nel 1979, il figlio di Dhirubhai, Mukesh, si è trasferito a Palo Alto, in California, per frequentare la Stanford Business School. 

 

Un anno dopo, Mukesh tornò a casa per volere di suo padre per supervisionare la costruzione di un nuovo impianto di lavorazione del poliestere, durante la quale entrò anche a far parte del consiglio di amministrazione di Reliance Industries. Piuttosto che tornare negli Stati Uniti per finire il suo programma universitario, Mukesh è rimasto in India per guidare lo sviluppo di Reliance. 

Mukesh Ambani Mukesh Ambani

 

Durante gli anni '90 ha guidato gli sforzi dell'azienda per creare, oltre che acquisire, più impianti petrolchimici e raffinerie di petrolio. Nel 2002 Dhirubhai è venuto a mancare a causa di un ictus e la mancanza di un testamento portò a una faida tra Mukesh e suo fratello Anil su come sarebbe stato diviso l'impero del padre. 

 

mukesh d. ambani mukesh d. ambani

Tre anni dopo, a seguito di un accordo mediato dalla madre, i fratelli accettarono di dividere l'attività, con Mukesh che mantenne il controllo sulle operazioni di raffinazione, petrolchimica, gas e tessili. 

 

Questo non ha alleviato completamente la tensione tra i due fratelli, in quanto non ha risolto né la controversia legale sulla condivisione dell'industria del gas naturale né gli accordi di non concorrenza. 

 

Nel 2013, Mukesh e Anil hanno apparentemente seppellito l'ascia di guerra con l'annuncio di un patto da 220 milioni di dollari per condividere una rete in fibra ottica tra le loro due società.

 

 

Condividi questo articolo

business