NON È UN DETTAGLIO – SECONDO L’ISTAT A GENNAIO DEL 2021 LE VENDITE AL DETTAGLIO SONO CROLLATE DEL 3% RISPETTO AL MESE PRECEDENTE E DEL 6,8% RISPETTO ALLO SCORSO ANNO. CRESCE SOLO IL COMMERCIO ELETTRONICO (TE PAREVA) – L’ANDAMENTO NEGATIVO È DETERMINATO DAI BENI NON ALIMENTARI, CALATI DEL 13,2%. LE FLESSIONI PIÙ MARCATE RIGUARDANO CALZATURE, ARTICOLI IN CUOIO E DA VIAGGIO...

-

Condividi questo articolo


 

Da www.ansa.it

chiusi per decreto chiusi per decreto

 

A gennaio 2021 l'Istat stima un calo congiunturale per le vendite al dettaglio del 3% in valore e del 3,9% in volume. Ad una lieve crescita delle vendite dei beni alimentari (+0,1% in valore e +0,3% in volume) si contrappone una forte riduzione per i beni non alimentari (-5,8% in valore e -7,2% in volume).

 

protesta dei commercianti del centro di roma 9 protesta dei commercianti del centro di roma 9

Su base tendenziale, a gennaio, le vendite al dettaglio diminuiscono del 6,8% in valore e dell'8,5% in volume. Con la pandemia vola il commercio elettronico. A gennaio, su base annua, è l'unica forma distributiva che segna una decisa crescita (+38,4%), secondo i dati diffusi dall'Istat.

 

"Il 2021 si apre con il protrarsi dell'emergenza sanitaria e, conseguentemente, delle limitazioni alle attività degli esercizi commerciali stabilite a livello regionale e nazionale", nota l'Istat nel suo report da cui emerge che nel trimestre novembre 2020-gennaio 2021 le vendite al dettaglio diminuiscono in termini congiunturali del 6,7% in valore e del 7,3% in volume.

 

Italia in crisi Italia in crisi

L'andamento negativo è determinato dai beni non alimentari che calano del 13,2% in valore e del 14,0% in volume, mentre le vendite dei beni alimentari sono in crescita (+1,9% sia in valore, sia in volume). Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali negative per quasi tutti i gruppi di prodotti ad eccezione di elettrodomestici, radio, tv e registratori (+11,7%) e dotazioni per l'informatica, telecomunicazioni, telefonia (+9,9%).

 

Le flessioni più marcate riguardano calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-36,4%) e abbigliamento e pellicceria (-33%). Rispetto a gennaio 2020, si registra una diminuzione assai ampia delle vendite al di fuori dei negozi (-18,7%) e di quelle delle imprese operanti su piccole superfici (-14,3%); calano lievemente anche le vendite della grande distribuzione (-1,5%).

 

EURO CRAC EURO CRAC

"Le imprese operanti su piccole superfici e gli esercizi specializzati - spiega l'Istat - risentono pesantemente del calo del settore non alimentare, mentre le vendite degli esercizi non specializzati della grande distribuzione risultano in aumento (+3,6%), trainate dai discount di alimentari (+14,1%), che confermano la tendenza positiva già registrata negli ultimi mesi del 2020.

tavola calda chiusa in via del corso a roma tavola calda chiusa in via del corso a roma

 

Condividi questo articolo

business

CE LA FARÀ ORCEL A SALVARE LA BARACCA UNICREDIT? - IL MERCATO E GLI INVESTITORI SI ASPETTANO UNA SVOLTA RISPETTO ALLA GESTIONE MUSTIER: IL NUOVO AD DOVRÀ PROVARE A RECUPERARE IL GAP CON INTESA SANPAOLO E AUMENTARE LA REDDITIVITÀ. OLTRE A MPS, PUNTERÀ ANCHE BPM? - TRA LA DELIBERA DI NOMINA E QUELLA SULLA MAXI-RETRIBUZIONE C’È UNA DIFFERENZA DEL 22% DEI CONSENSI: I FONDI E GLI ALTRI SOCI FORTI NON HANNO GRADITO CHE LO STIPENDIO SARÀ SGANCIATO DAI RISULTATI, ALMENO PER IL PRIMO ANNO...