OGNI TANTO, UNA BUONA NOTIZIA PER TIM – IL TRIBUNALE DI MILANO HA RESTITUITO I 249 MILIONI DI EURO CHE ERANO STATI SEQUESTRATI ALLA SOCIETÀ A FEBBRAIO, NELL’AMBITO DELLE INDAGINI SULLA MAXI TRUFFA DEI SERVIZI DI TELEFONIA A PAGAMENTO “VAS”, ATTIVATI AGLI UTENTI SENZA CHE FOSSERO MAI STATI RICHIESTI…

- -

 

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.ilsole24ore.com

 

pietro labriola a Italian Tech Week pietro labriola a Italian Tech Week

Il Tribunale di Milano restituisce a Tim i 249 milioni di euro che aveva preventivamente sequestrato a fine febbraio nell’ambito dell’indagine su una maxi truffa attraverso i servizi di telefonia, per i cosiddetti “servizi vas”. Tim aveva impugnato il procedimento e ora il Tribunale ha annullato il decreto di sequestro preventivo e depositerà la motivazione entro 30 giorni.

 

[…] A fine febbraio i militari del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano, con i colleghi del Nucleo speciale tutela privacy e frodi di Roma, avevano notificato un provvedimento di sequestro per quasi 322 milioni di euro nel secondo filone dell’indagine milanese, aperta nel 2018, su una maxi truffa attraverso i servizi di telefonia che questa volta ruota attorno a Tim, azienda che non è indagata.

 

TIM - TELECOM ITALIA MOBILE TIM - TELECOM ITALIA MOBILE

Il decreto di sequestro […] riguardava altre 5 società che con l’azienda di tlc […] avrebbero venduto cosiddetti “servizi vas”. Gli indagati sono oltre 20. Cinque […] avrebbero beneficiato […] degli euro sottratti dal credito telefonico per giochi, suoneria, meteo, oroscopo e gossip, servizi ’premium’ mai richiesti dagli utenti.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)