LE PIATTAFORME DI FOOD DELIVERY SI PAPPANO TUTTO (E NON CONDIVIDONO NULLA) – LE APP CHE CONSENTONO DI ORDINARE IL CIBO A DOMICILIO SI PRENDONO (IN MEDIA) UNA COMMISSIONE DEL 18,2% DAI RISTORANTI CHE SCELGONO DI UTILIZZARE IL SERVIZIO. LE TRE APP PIÙ USATE (“JUST EAT”, “GLOVO” E “DELIVEROO”) NEL 2021 HANNO FATTURATO IL 40% IN PIÙ RISPETTO AL 2020 (358 MILIONI DI EURO) E NON HANNO SCUSE PER AUMENTARE GLI STIPENDI AI POVERI RIDER CHE SI SBATTONO PER STRADA CON NESSUNA TUTELA PER UNA PAGA DA FAME…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesco Bertolino per “la Stampa”

 

RIDER RIDER

L'algoritmo presenta il conto ai ristoranti ed è assai salato. Secondo un'indagine condotta dall'Inapp su un campione di 40 mila aziende, le piattaforme di food delivery esigono in media una commissione del 18,2% dai circa 19 mila esercizi italiani che le utilizzano per raccogliere consegnare gli ordini a domicilio. Per un ristoratore su tre, però, il costo del servizio via app oltrepassa addirittura la soglia del 20%. […]

 

RIDER GLOVO RIDER GLOVO

Questa attività ha generato nel 2022 un giro d'affari di 1,8 miliardi di euro, con un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Segno che il food delivery ha superato la fase di emergenza dei lockdown per trasformarsi in un'abitudine di consumo. […]

 

Di sicuro, però, c'è che nel 2021 le tre piattaforme leader, Just Eat, Glovo e Deliveroo, hanno fatturato nel complesso oltre 358 milioni in Italia, incrementando del 40% il risultato dell'anno precedente. Anche se i bilanci del 2022 non sono ancora disponibili, è probabile che i loro ricavi siano di nuovo saliti in misura più che proporzionale alla crescita del mercato italiano, siano cioè aumentati più del 20%.

rider rider

 

[…] Questo consolidamento dovrebbe consentire alle piattaforme di raggiungere finalmente il profitto e, forse, potrebbe favorire un miglioramento delle condizioni di lavoro e retributive dei circa 30 mila fattorini alle dipendenze dell'algoritmo in Italia. […]

 

Già ora le app di food delivery gestiscono gli incassi per due terzi dei ristoranti affiliati e nel 92% dei casi non li trasferiscono immediatamente al titolare. Oltre che un costo, nota l'istituto, il ritardo nel pagamento è un fattore di rischio finanziario per le imprese e comprova il potere negoziale delle piattaforme che, del resto, sono spesso in grado di imporre e modificare a piacimento le condizioni contrattuali. […]

fare i rider durante l'emergenza coronavirus 5 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 5 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 9 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 9 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 2 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 2 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 4 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 4 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 7 fare i rider durante l'emergenza coronavirus 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...