QUAGLIA RISCHIA DI FINIRE SPENNATO – STA PER ARRIVARE LA RESA DEI CONTI ALLA FONDAZIONE CRT: DOMANI DOVREBBE ARRIVARE LA SCELTA DEL PRESIDENTE – LA NOVITÀ È L’UFFICIALIZZAZIONE DELLA CANDIDATURA DELL’EX VICEPRESIDENTE DI UNICREDIT, FABRIZIO PALENZONA, CHE SFIDA L’USCENTE GIOVANNI QUAGLIA, CHE SCHIERÒ LA FONDAZIONE CON CALTAGIRONE NELLA BATTAGLIA PER GENERALI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Claudia Luise per “La Stampa”

 

giovanni quaglia giovanni quaglia

Domani dovrebbe essere il giorno della scelta per la presidenza della Fondazione Crt. Il condizionale ormai è un obbligo perché dopo mesi avvelenati da contrasti e colpi di scena non si può escludere nulla.

 

[…] Bisogna partire dalle novità di giornata che riguardano i due sfidanti: l'attuale presidente Giovanni Quaglia, che mira alla riconferma, e il banchiere alessandrino Fabrizio Palenzona.

 

È stata ufficializzata la candidatura di Palenzona. L'ex vicepresidente di Unicredit e attuale presidente di Prelios ieri ha formalmente consegnato il suo programma e il curriculum. Le firme dei Consiglieri di indirizzo che poi dovranno votare (almeno sei, anche se persone vicine al banchiere assicurano essere nove-dieci), che sono richieste per la candidatura, verranno presentate domani mattina.

 

fabrizio palenzona 8 fabrizio palenzona 8

Il programma è diviso in dieci capitoli e ha tra i punti fondamentali l'istituzione di «una cabina di regia condivisa» tra tutte le altre grandi fondazioni del Nord Ovest. E nelle conclusioni sottolinea: «Abbiamo avuto il tempo di analizzare e comprendere bene le disfunzioni di un modello di gestione semplicemente non più adatto ai tempi. E abbiamo cercato di mettere a frutto questa consapevolezza con il massimo rispetto delle istituzioni e dei ruoli istituzionali». Un doppio messaggio, di sfida al presidente uscente e di ricerca d'appoggio da Comune e Regione. Nulla si sa, invece, del programma di Quaglia.

 

FONDAZIONE CRT FONDAZIONE CRT

[…] Ieri […] sono circolati anche i due pareri legali che nei giorni scorsi erano stati chiesti. Il primo è quello sull'inelegibilità di Quaglia, commissionato allo studio legale Grande Stevens e firmato dall'avvocato Michele Briamonte. Il punto è che il politico cuneese non si potrebbe candidare nuovamente perché avrebbe superato il limite di mandati previsto dallo Statuto della Fondazione.

 

«Il presidente Quaglia ha espletato la carica per 27 mesi (durante il primo mandato, quando è succeduto al notaio Marocco, ndr) su 48 previsti in un mandato - scrive il legale nel suo parere […] ».

 

Lo Statuto prevede che si possa mantenere la carica per un massimo di due mandati da 48 mesi ciascuno e che il primo non valga se è durato al massimo la metà del tempo ordinario (24 mesi).

 

Pertanto […] «sarebbe illegittima la nomina dell'attuale presidente della Fondazione Crt per un nuovo ulteriore mandato di presidente, sussistendo nei suoi confronti un insuperabile impedimento assoluto normativo e statutario». Non è chiaro, però, chi abbia interpellato Briamonte e se e quando questo parere verrà utilizzato per bloccare Quaglia.

 

giovanni quaglia giovanni quaglia

C'è poi un secondo parere legale, questa volta richiesto proprio dalla Fondazione Crt allo studio legale Chiomenti […] . In questo caso si affronta la questione della lettera a supporto di Quaglia da parte degli ex magistrati Arturo Soprano e Massimo Terzi: una iniziativa che, si legge, «merita di essere stigmatizzata nella prospettiva del dovere di riservatezza». Una questione che potrebbe creare problemi a due dei sostenitori del presidente uscente.

fabrizio palenzona 7 fabrizio palenzona 7 giovanni quaglia giovanni quaglia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...