IL SOLITO GIOCHINO DI PUTIN: CI RICATTA SUL GAS PER SCATENARE IL PANICO E FAR AUMENTARE I PREZZI – GAZPROM FA CAPIRE CHE LA CHIUSURA DEFINITIVA DEL “NORD STREAM” POTREBBE ESSERE PRESTO REALTÀ, NONOSTANTE IL “BEAU GEST” DEL CANADA, CHE HA RICONSEGNATO UNA TURBINA ALLA GERMANIA – LA NOTA UFFICIALE DEL COLOSSO ENERGETICO: “NON SIAMO IN GRADO DI GARANTIRE IL BUON FUNZIONAMENTO DEL GASDOTTO”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Da www.repubblica.it

 

GAZPROM GAZPROM

Gazprom torna ad allarmare l'Europa e avvicina il momento della chiusura definitiva dei rubinetti del gas. Lo ha fatto con una nota ufficiale in cui il gruppo controllato dal Cremlino ha fatto sapere ai suoi clienti all'interno dell'Unione europea di "non essere in grado di garantire il buon funzionamento del Nord Stream 1". Si tratta del gasdotto che collega Russia e Germania (passando sotto il Mar Baltico) e che costituisce uno dei principali collegamenti per le forniture di gas dirette alla Ue.

 

NORD STREAM NORD STREAM

Il Nord Stream è stato fermato lunedì scorso per lavori di manutenzione, come avviene ogni anno nel mese di luglio, quando la domanda di metano è solitamente più bassa. E - sulla carta - dovrebbe tornare in servizio il prossimo 21 luglio. Ma la comunicazione improvvisa di Gazprom aumenta i timori dell'Europa per un taglio definitivo delle forniture.

 

PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI

L'impressione è sempre la stessa: Gazprom si sta avvicinando alla chiusura dei rubinetti come se giocasse una partita a scacchi, con una strategia di mossa dopo mossa già studiata da tempo. Per sostenere che non è più in grado di  garantire il funzionamento del Nord Stream, da cui arriva il ga diretto alla Germania e a tutta l'Europa del Nord - fa riferimento ai lavori di manutenzione di alcune turbine fornite dal gruppo tedesco Siemens che si trovano in Canada per lavori di manutenzione

 

La società russa sostiene di essere nell'impossibilità di confermare se recupererà dal Canada le turbine tedesche che erano in riparazione. In una nota si legge che "Gazprom non e' in possesso di alcun documento che permetta a Siemens di far uscire dal Canada il motore della turbinà che Ottawa ha detto di voler restituire alla Germania".

 

I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA

'In queste condizioni - si legge ancora - non e' possibile indicare una conclusione oggettiva agli sviluppi della situazione relativa al funzionamento in tutta sicurezzà del gasdotto, aggiunge il gruppo russo. Gazprom ha sospeso per 10 giorni l'approvvigionamento di gas all'Europa attraverso Nord Stream indicando come motivo lavori di manutenzione".

 

Il governo di Berlino ha salutato nei giorni scorsi con favore la decisione di Ottawa di sbloccare la consegna della turbina che dovrebbe essere installata dalla Siemens, ritenuta fondamentale da Mosca per far funzionare il Nord Stream. L'11 luglio, Gazprom ha avviato lavori di manutenzione, la cui durata prevista è di 10 giorni. Ma la Germania e l'Europa temono che la riduzione potrebbe prolungarsi per una scelta politica del Cremlino. Il gigante russo del gas ha già ridotto in precedenza le sue forniture lamentando il problema delle turbine.

GAZPROM GERMANIA GAZPROM GERMANIA

 

Il quotidiano Globe and Mail ha scritto che una delle turbine sarebbe in viaggio verso l'Europa, mentre le altre cinque verranno riconsegnate entro due anni. L'Ue ha precisato che le tecnologie legate al trasporto del gas non sono oggetto di sanzioni, nonostante le obiezioni dell'Ucraina.

VLADIMIR PUTIN E IL GAS VLADIMIR PUTIN E IL GAS I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA le vie del gas russo le vie del gas russo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…