SPERIAMO CHE GLI ECONOMISTI DI DAVOS SBAGLINO ANCHE QUESTA PREVISIONE – I DUE TERZI DEI CAPI ECONOMISTI DI BANCHE E AZIENDE, PRESENTI AL “WORLD ECONOMIC FORUM”, RITENGONO “ESTREMAMENTE PROBABILE” UNA RECESSIONE GLOBALE – TUTTI SI ASPETTANO UNA CRESCITA DEBOLE, O MOLTO DEBOLE, IN EUROPA, E IL 91% NUTRE LO STESSO GIUDIZIO PER GLI USA…

-

Condividi questo articolo


RECESSIONE RECESSIONE

(ANSA) - Il 2023 porterà una recessione globale, con l'economia che continuerà ad essere segnata dalle tensioni geopolitiche e la Fed e la Bce che continueranno nella stretta monetaria.

 

E' la sintesi del Chief Economists Outlook, una survey fra i capi economisti delle maggiori istituzioni finanziarie e aziende. Fra i quali ben due terzi - il doppio che nello scorso settembre - considerano una recessione globale "estremamente probabile". Tutti gli economisti sentiti nella survey si aspettano una crescita debole, o molto debole, in Europa, il 91% nutre lo stesso giudizio per gli Usa. GIudizio diviso per la CIna, dove la scelta di abbandonare la policy zero Covid darebbe una spinta alla crescita, ma con ripercussioni dall'impatto sanitario tutte da valutare.

world economic forum davos world economic forum davos ITALIA RECESSIONE ITALIA RECESSIONE recessione e1548258663644 1 recessione e1548258663644 1

 

Condividi questo articolo

business

UN GOVERNO DI POSTINI – PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “POLIS” DI POSTE ITALIANE, C’ERA SCHIERATO PRATICAMENTE TUTTO IL GOVERNO, OLTRE A MATTARELLA E LA RUSSA. SU TUTTI BRILLAVA IL BOSS DELLA RAI BRUNO VESPA, SVOCIATO DOPO LA PERFOMANCE D'UGOLA AL CAFONAL-PARTY DI SANDRA CARRARO DELLA SERA PRIMA - MATTEO DEL FANTE PUNTA MOLTO SUL PIANO "POLIS", IN CUI VERRÀ INVESTITO 1,2 MILIARDI DI EURO, PER LA RICONFERMA COME AD (IL GRAN VALZER DELLE NOMINE DELLE AZIENDE DI STATO  INIZIERA' A "BALLARE" DOPO L'ESITO DEL VOTO DELLE REGIONALI...)