LA TEMPESTA PERFETTA È ARRIVATA: LA BANCA SVIZZERA CREDIT SUISSE PERDE IL 28% IN BORSA E RISCHIA IL CRAC, DOPO CHE IL PRINCIPALE AZIONISTA, SAUDI NATIONAL BANK, SI È OPPOSTO ALLA RICAPITALIZZAZIONE. EFFETTO (ANCHE) DEL FALLIMENTO DELL’ISTITUTO AMERICANO SILICON VALLEY BANK: IL PROBLEMA È CHE, A DIFFERENZA DI SVB, L’ISTITUTO SVIZZERO HA DIMENSIONI MOLTO GRANDI – LA PROFEZIA DI ROBERT KIYOSAKI (“CREDIT SUISSE SARÀ LA PROSSIMA A CROLLARE”) E L'AVVERTIMENTO DI LARRY FINK DI BLACKROCK - VIDEO

Condividi questo articolo


 

 

credit suisse credit suisse

CREDIT SUISSE: IN BORSA -28%, AZIONI AI MINIMI STORICI

(ANSA) - Il Credit Suisse amplia il calo in Borsa con il titolo che tocca il minimo storico, con il costo dell'assicurazione sulle insolvenze a livelli molto alti per gli investitori, dopo che il principale azionista Saudi National Bank ha escluso di aumentare la sua partecipazione a causa di vincoli normativi. I sauditi hanno escluso la possibilità di fornire supporto finanziario in caso ulteriori richieste di liquidità. A Zurigo le azioni della banca svizzera cedono il 28% a 1,59 franchi.

 

silicon valley bank silicon valley bank

CREDIT SUISSE AFFONDA DOPO IL NO DEI SAUDITI AL SALVATAGGIO, BORSE IN CADUTA LIBERA: COSA SUCCEDE

Estratto dell’articolo di Federico Fubini per www.corriere.it

 

[...] Le tensioni attorno alle banche e la fragilità della fiducia degli investitori sono brutalmente riemerse in superficie mercoledì mattina, con un crollo del titolo di Credit Suisse di quasi il 22% attorno a mezzogiorno.

credit suisse 1 credit suisse 1

 

A innescare il brusco movimento di Borsa […] è stato l’annuncio del principale azionista della banca, la Saudi National Bank, che ha annunciato di non pensare di ricapitalizzare la partecipata con ulteriori risorse. Proprio 24 ore prima Credit Suisse aveva comunicato che il suo revisore dei conti, PwC, ha identificato «debolezze sostanziali» nei controlli sulle sue comunicazioni finanziarie.

 

A differenza di Silicon Valley Bank, Credit Suisse non sembra oggetto - almeno in questo momento - di una corsa dei creditori e dei depositanti al ritiro delle proprie esposizioni.

 

larry fink blackrock 5 larry fink blackrock 5

Ma la fiducia del mercato è fragile e l’istituto ha dimensioni sostanziali: un bilancio con passività per 486 miliardi di franchi svizzeri (525 miliardi di euro) alla fine del 2022 e una capitalizzazione di Borsa ridotta ormai a soli 7 miliardi.

 

Gli spread sui «credit default swap» di Credit Suisse, derivati che assicurano sull’insolvenza di un debitore, sono saliti da 350 punti base (3,5%) all’inizio del mese a 565 adesso: il mercato sta facendo pagare di più l’assicurazione sull’insolvenza della banca. Il suo titolo azionario è già caduto del 39% dall’ultimo giorno di febbraio.

 

CAMPUS CREDIT SUISSE CAMPUS CREDIT SUISSE

Il contagio di Borsa sulle banche è subito ripreso stamattina. Deutsche a metà giornata perde l’8,9%, Unicredit il 7,3% e Société Générale l’11,9%. Il contagio sul settore bancario covava sotto la cenere. E adesso è riemerso alla luce del sole, in attesa delle decisioni della Banca centrale europea e della Federal Reserve nei prossimi giorni.

 

E le parole di Larry Fink — amministratore delegato di Black Rock — agli investitori fanno pensare a ulteriori smottamenti in arrivo.

 

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

Fink — nella sua lettera, che è un appuntamento ormai consolidato, nel mondo della finanza — commenta il contesto in cui si trovano a navigare gli investitori […]:

 

«Credo che l'inflazione persisterà», scrive, e «per i banchieri centrali, sarà più difficile domarla». E «ulteriore chiusure di banche» non sono da escludere, perché sono il frutto di «anni di denaro facile […]».

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ftse 100 ftse 100

credit suisse credit suisse credit suisse 2 credit suisse 2 Credit Suisse Credit Suisse CREDIT SUISSE SEDE ZURIGO CREDIT SUISSE SEDE ZURIGO

credit suisse azioni credit suisse azioni

 

CREDIT SUISSE CREDIT SUISSE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE