TI FACCIO UN TASSO COSÌ! – LA SPAGNOLA BBVA ROMPE IL MURO DELLE BANCHE ITALIANE SUI CONTI CORRENTI E ALZA AL 4% LORDO ANNUO LA REMUNERAZIONE DEI DEPOSITI, SENZA CONDIZIONI NÉ DI SALDO MINIMO NÉ DI PERMANENZA, CON ACCREDITO MENSILE – È IL RENDIMENTO PIÙ ELEVATO NEL NOSTRO PAESE PER LE SOMME DEPOSITATE SENZA VINCOLO DI DURATA – UNA SFIDA AI GRANDI ISTITUTI NAZIONALI CHE SINORA TENGONO A ZERO IL RENDIMENTO (UNA DELLE RAGIONI USATE DALLA MELONI PER LA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Francesco Bertolino per www.corriere.it

 

BBVA PROPONE IL RENDIMENTO AL 4% SUI DEPOSITI BBVA PROPONE IL RENDIMENTO AL 4% SUI DEPOSITI

Bbva rompe il muro delle banche italiane sui conti correnti. La banca spagnola ha alzato al 4% lordo annuo la remunerazione dei depositi, senza condizioni né di saldo minimo né di permanenza, con accredito mensile.

 

Il tasso è il più elevato nel Paese per le somme depositate senza vincolo di durata e rappresenta una sfida ai grandi istituti nazionali che sinora hanno rifiutato di aumentare sopra lo zero il rendimento, sostenendo in più occasioni che il conto corrente è un servizio e non un investimento.

 

Bbva aveva già fatto la prima mossa a maggio quando aveva aumentato al 2% il tasso sui conti correnti. Quattro mesi più tardi l’istituto iberico ha raddoppiato la posta: la nuova offerta vale a partire dal 5 settembre fino al 31 gennaio 2025 e si aggiunge al deposito vincolato che propone un interesse fino al 5%.

 

LA BANCA SPAGNOLA BBVA LA BANCA SPAGNOLA BBVA

Sbarcata nel 2021 in Italia, del resto, Bbva sta cercando di farsi largo nel Paese con un’offerta interamente digitale. Oggi conta più di 240 mila clienti ma ha l’obiettivo di raggiungere quota 320 mila entro la fine del 2024.

 

[…]

 

 

Un eventuale successo dell’iniziativa di Bbva potrebbe spingere altre banche ad aumentare gli interessi sui conto correnti. Sinora, a dispetto dell’elevata inflazione, gli istituti italiani hanno subito modesti riscatti dai depositi, specie per quanto riguarda la clientela retail.

 

Le ragioni di tale ritardo non sono chiare: qualcuno ritiene dipenda dalla scarsa educazione finanziaria dei risparmiatori italiani, altri alla loro tradizionale prudenza, altri ancora alla scarsa concorrenza presente sul mercato bancario italiano.

 

BBVA PROPONE IL RENDIMENTO AL 4% SUI DEPOSITI BBVA PROPONE IL RENDIMENTO AL 4% SUI DEPOSITI

In ogni caso, la circostanza ha consentito agli istituti nazionali di incrementare il margine d’interesse, ossia la differenza fra il costo della raccolta di denaro e gli interessi applicati sugli impieghi di questo denaro in prestiti e altre forme di credito. Qualora i deflussi dovessero accelerare, allora gli istituti potrebbero vedersi infine costretti ad alzare la remunerazione dei conti correnti.

 

Verrebbe così meno una delle giustificazioni addotte dal governo per la tanto criticata tassa sugli extra-profitti bancari. L’aumento delle remunerazioni dei conti correnti, peraltro, non sarebbe utile soltanto ai clienti ma anche benefica per le casse pubbliche. Bisogna infatti considerare che sui rendimenti dei depositi è prevista una ritenuta fiscale del 25%: il rendimento lordo del 4% offerto da Bbva, per esempio, corrisponde a un tasso netto del 3%. Su 1000 euro depositati, così, la remunerazione effettiva per il cliente sarebbe di 30 euro all’anno, mentre 10 euro andrebbero alle casse dello Stato.

bbva compass branch houston tower 1024x410 bbva compass branch houston tower 1024x410 bbva. bbva.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…