LA TUTA BLU ME LA PORTO DALL’EST – STELLANTIS HA TRASFERITO 19 OPERAI DALLA SLOVACCHIA ALLO STABILIMENTO DI MIRAFIORI. LAVORERANNO ALLA PRODUZIONE DELLA 500 ELETTRICA. ARRIVANO CON IL CONTRATTO CHE NON È QUELLO ITALIANO. TRADOTTO: GUADAGNANO MENO E HANNO MENO TUTELE – LA DENUNCIA DEI SINDACATI: ”È DUMPING. NELLA FABBRICA TORINESE CI SONO QUASI 400 OPERAI IN SOLIDARIETÀ. RIPORTIAMO LORO IN LINEA E EVITIAMO DI ASSUMERE LAVORATORI DALL’ESTERO”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Christian Benna per www.corriere.it

 

produzione della 500 elettrica a mirafiori produzione della 500 elettrica a mirafiori

A Mirafiori arrivano le tute blu dell’Est Europa per lavorare, in trasferta, sulla linea della 500 elettrica. Oggi Stellantis ha comunicato alle Rsa che 17 operai slovacchi, in forza allo stabilimento del gruppo di Trnava, e altri due italiani dagli impianti Sevel Atessa, in tutto 19 lavoratori, verranno impiegati nella fabbrica torinese.

 

Un contributo di braccia e competenze per dare manforte allo sforzo produttivo richiesto dall’azienda (verso 130 mila 500e l’anno prodotte a Mirafiori) che però non piace ai sindacati metalmeccanici […]

 

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

«Dare occupazione non significa importare lavoratori dall’estero – commenta Gianni Mannori della Fiom Cgil – Da tempo denunciamo ritmi massacranti in fabbrica per stare dietro all’aumento di produzione della 500 elettrica. Servono assunzioni di giovani lavoratori, questa è l’occupazione che ci serve».

 

Negli scorsi giorni Stellantis ha scritto una lettera ai fornitori dell’indotto nella quale ribadisce l’intenzione di aumentare la produzione di 500e, dai 100 mila pezzi a 130 mila l’anno, entro il 2024, (in pratica un quarto della produzione di auto italiane si fa a Torino).

 

Fiat 500 elettrica Fiat 500 elettrica

La crescita dei volumi a Mirafiori segnala un successo di mercato ma si traduce in un impegno più gravoso sulle linee, quasi 2.800 vetture a settimana, più di 550 vetture al giorno. Stellantis, rispondendo anche alle richieste dei rappresentanti dei lavoratori che chiedono più operai in linea, ha fatto scouting tra i suoi stabilimenti per cercare personale disponibile al trasferimento. Da Melfi sarebbe arrivato un secco no, così come dagli stabilimenti francesi e spagnoli. Arrivano quindi le tute blu slovacche, trasfertisti con contratto in tasca ovviamente non italiano.

 

john elkann con la nuova fiat 500 elettrica john elkann con la nuova fiat 500 elettrica

«Non vorremmo che Stellantis, pur di non assumere personale, si cominciasse fare dumping con i lavoratori dell’Est Europa — dice Davide Provenzano di Fim Cils — Capiremo e valuteremo meglio nei prossimi giorni la proposta dell’azienda. Ma così come è stata formulata ci piace poco».

 

Anche Luigi Paone della Uilm frena sull’impiego di operai dall’Est a Mirafiori. «Tutti i lavoratori sono benvenuti, quelli dalla Slovacchia come quelli che arrivano da Atessa — spiega Paone — Ma non dimentichiamo che nella fabbrica torinese ci sono quasi 400 operai in solidarietà, quelli impiegati nelle linee Maserati e altri nella produzione di mascherine. Riportiamo loro in linea e evitiamo di assumere lavoratori dall’estero». […]

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

john elkann – quotazione stellantis john elkann – quotazione stellantis fiat 500 elettrica fiat 500 elettrica stellantis. stellantis. carlos tavares carlos tavares GIANNI AGNELLI A MIRAFIORI GIANNI AGNELLI A MIRAFIORI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)