TUTTO E’ BONO, CIO’ CHE FINISCE BENE - PER GIUSEPPE BONO, DAL 2002 AMMINISTRATORE DELEGATO DI FINCANTIERI, ARRIVA FINALMMENTE L'ENDORSEMENT DI FABRIZIO PALERMO, NUMERO UNO DELLA CDP, AZIONISTA DI MAGGIORANZA DEL COLOSSO DELLA CANTIERISTICA NAVALE CON IL 71,6% DEL CAPITALE. UNA SORTA DI BLINDATURA PER IL POTENTISSIMO MANAGER CHE, NELLE ULTIME SETTIMANE, È FINITO NEL MIRINO DEL 5STELLE BUFFAGNI

-

Condividi questo articolo

Sofia Fraschini per Il Giornale

Fabrizio Palermo Giuseppe Bono Fabrizio Palermo Giuseppe Bono

 

Per Giuseppe Bono, boiardo di Stato, dal 2002 amministratore delegato di Fincantieri, arriva l'endorsement di Fabrizio Palermo, numero uno della Cdp, azionista di maggioranza del colosso della cantieristica navale con il 71,6% del capitale. Una sorta di blindatura per il manager che, nelle ultime settimane, è finito nel mirino delle speculazioni politiche in vista del rinnovo dei vertici del gruppo, al centro di un rimpasto con altre controllate di Stato (come Snam, Italgas, Sace). 

 

Giuseppe Bono Giuseppe Bono

«Fincantieri è una realtà importante del Paese su cui ho avuto l'onore di lavorare contribuendo, con Giuseppe Bono, a svilupparla e trasformarla in un gruppo internazionale», ha dichiarato ieri Palermo mettendo una parola quasi definitiva alle polemiche che vedevano contrapposti i due vicepremier, Matteo Salvini (Lega) e Luigi Di Maio (M5s), il primo a favore di Bono e il secondo più propenso a un cambiamento. 

 

Buffagni Buffagni

«La preoccupazione è garantire lo sviluppo e il giusto percorso di crescita dell'azienda che ricordo essere anche una importante realtà internazionale, ma anche una importante realtà che dà lavoro a tante persone in Italia», ha concluso Palermo. Parole che hanno rassicurato il mercato: il titolo ha guadagnato il 6,87% a 1,26 euro dopo il +15% di martedì. D'altra parte la gestione Bono si presenta all'assemblea dell'8 aprile, quando saranno ufficialmente confermati i vertici, con risultati positivi: il 2018 si è chiuso con un utile consolidato di 69 milioni, dai 53 milioni dell'anno prima, e i ricavi hanno raggiunto i 5,5 miliardi (+9%).

STEFANO BUFFAGNI LUIGI DI MAIO STEFANO BUFFAGNI LUIGI DI MAIO

 

A questo punto, dunque, la riconferma di Bono pare scontata (sarebbe il quinto mandato). La partita tra le parti non è però del tutto chiusa: all'orizzonte potrebbe anche profilarsi un ridimensionamento delle deleghe in favore di un nuovo presidente (attualmente è Gianpiero Massolo e si fa il nome di Paolo Simioni, presidente e dg di Atac, come successore). 

 

Giuseppe Bono Giuseppe Bono

Negli ambienti romani c'è comunque chi dice che difficilmente un manager della levatura di Bono accetterebbe un incarico «indebolito». Il manager 75enne sa, infatti, come muoversi e ha incassato nei giorni scorsi l'appoggio di tutti i sindacati: grazie a Bono, Fincantieri è tornata all'utile (nel 2016), si è quotata in Borsa ed è tra i leader europei della cantieristica. È inoltre in pista per la ricostruzione del Ponte Morandi e deve chiudere l'affare Stx France per il quale c'è una delicata disputa con il governo francese.

 

giovanni tria giancarlo giorgetti giovanni tria giancarlo giorgetti

Tutti aspetti che sarebbero stati al centro dell'incontro avvenuto ieri al Mef tra Palermo e il ministro dell'Economia Giovanni Tria servito per fare il punto sulle nomine delle controllate di Cdp in vista delle liste da presentare il 6 marzo.

 

Condividi questo articolo

business

TRIVELLA TREVI - DOPO AVER TRIVELLATO MEZZO MONDO, LA FAMIGLIA TREVISANI SI È FATTA SCAPPARE LA MANO, CON IL RISULTATO DI SCAVARE ALTRI BUCHI, MENO PIACEVOLI, QUELLI NEI CONTI DEL LEADER MONDIALE NELL’INGEGNERIA DEL SOTTOSUOLO. MA ALLA SOPRAVVIVENZA DELL’AZIENDA, I TREVISANI SEMBRANO PREFERIRE LA MESSA IN SICUREZZA DEL GRUZZOLO FAMILIARE. UN GIOCO PERICOLOSO CHE POTREBBE FAR SALTARE IL BANCO E PORTARE L’AZIENDA IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA, CON TANTI SALUTI AI 7 MILA DIPENDENTI