E VAI COL RISIKO MODAIOLO – ALESSANDRO MICHELE È IL NUOVO DIRETTORE CREATIVO DI VALENTINO: PRENDERÀ IL POSTO DI PIERPAOLO PICCIOLI – 51 ANNI, MICHELE HA RIVOLUZIONATO GUCCI NEI SETTE ANNI IN CUI HA GUIDATO LA CASA DI MODA FIORENTINA (2015-2022), RENDENDOLA IL MARCHIO ITALIANO PIÙ DESIDERATO SU SCALA ONDIALE. RIUSCIRÀ A FARE LO STESSO CON VALENTINO? - IL POST INSTAGRAM DI ALESSANDRO MICHELE: "PER ME È UN GRANDISSIMO ONORE..." - GIANCARLO GIAMMETTI FESTEGGIA: "CARO ALESSANDRO, BENVENUTO FRA NOI"

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Estratto dell’articolo di Federica Caiazzo per www.vanityfair.it

alessandro michele foto di bacco (1) alessandro michele foto di bacco (1)

 

I rumours, l’attesa e infine la conferma: Alessandro Michele è il nuovo direttore creativo della maison Valentino.

 

Un cambio d’assetto importante e significativo nel mondo della moda, un fulmine a ciel sereno di cui ancora si sente riecheggiare l’improvvisa uscita di scena – totalmente inaspettata – dell’ormai ex direttore creativo Pierpaolo Piccioli.

 

pierpaolo piccioli foto di bacco (3) pierpaolo piccioli foto di bacco (3)

A dare la notizia ufficiale è Vogue Business: «È un onore incredibile - dichiara Alessandro Michele alla fonte. - Sento l’immensa gioia e l’enorme responsabilità di entrare a far parte di una Maison de Couture che ha la parola “bellezza” scolpita in una storia collettiva, fatta di eleganza distintiva, raffinatezza ed estrema grazia. Sto cercando le parole per esprimere la gioia, per comunicare realmente ciò che sento; i sorrisi che sgorgano dal petto, lo stato di beatitudine che viene dalla gratitudine e illumina gli occhi, quel momento prezioso in cui necessità e bellezza si incontrano. La gioia, però, è un qualcosa di così vivo che temo di ferirla osando solo pronunciarne il nome».

 

alessandro michele 9 alessandro michele 9

La nomina di Alessandro Michele mette definitivamente un punto al (concluso) sodalizio tra Pierpaolo Piccioli e Valentino, durato un quarto di secolo. Prima nell’ufficio stile e poi come direttore creativo, lo stilista cinquantaseienne di Nettuno ha trascorso ben venticinque anni all’interno dell’azienda fondata nel 1959 a Roma dal grande Maestro Valentino Garavani. Incredibile pensare che tutto ciò sia finito in un battito di ciglia, eppure è già tempo di guardare al futuro. Anzi, al qui e ora. Da oggi comincia un nuovo capitolo, e sarà Alessandro Michele a portare avanti il corso della maison Valentino.

 

VALENTINO PICCIOLI VALENTINO PICCIOLI

Il bagaglio di esperienza che il designer 51enne di Roma porta con sé non è da poco, si potrebbe addirittura dire che è più unico che raro. Era il 23 novembre 2022 quando tuonò la notizia del suo addio a Gucci dopo solo cinque anni nel suo prestigioso ruolo. Quella decisione […] avvenne comunque nella piena consapevolezza di un grande merito: aver reso Gucci il marchio italiano più desiderato su scala mondiale. E la maison Valentino, che stando a WWD avrebbe attualmente un giro d’affari alquanto inferiore a Gucci, potrebbe beneficiare del fenomeno di hype che deriverà da tale scossone.

 

Quanto a cosa aspettarsi da Alessandro Michele alla guida di Valentino, tanti degli indizi sono proprio nelle ultime parole con cui il neodirettore salutò la maison fiorentina: «Che possiate continuare a nutrirvi di immaginari poetici ed inclusivi, rimanendo fedeli ai vostri valori. Che possiate sempre vivere delle vostre passioni, sospinti dal vento della libertà», aveva augurato al suo ufficio stile andando via.

 

Immaginari poetici, valori, libertà: concetti già noti alla maison Valentino, che con Pierpaolo Piccioli hanno toccato vette espressive altissime. Ma che con Alessandro Michele potrebbero adesso caricarsi di connotati completamente nuovi […].

alessandro michele foto di bacco (2) alessandro michele foto di bacco (2)

alessandro michele 7 alessandro michele 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)