IL VALZER DEL MANAGER - FABIO VACCARONO LASCIA LA GUIDA DI GOOGLE ITALY: PASSERA' AL FONDO DI PRIVATE EQUITY "CVC" PER DIRIGERE IL POLO DELLA FORMAZIONE "MULTIVERSITY - UNIVERSITA' TELEMATICA PEGASO" - L'INDISCREZIONE DI "MILANO FINANZA": "TRA I POSSIBILI CANDIDATI ALLA SOSTITUZIONE DI VACCARONO IN GOOGLE CI SAREBBE LUCA JOSI, USCITO DA POCHI GIORNI DA TIM"

-

Condividi questo articolo


Andrea Montanari per MF

 

fabio vaccarono capo di google italia fabio vaccarono capo di google italia

Rivoluzione in arrivo ai vertici di Google Italy. Dopo quasi dieci anni di lavoro ai vertici (era arrivato nel luglio 2012), Fabio Vaccarono ha deciso di lasciare il gruppo di Mountain View. L’attuale managing director della branch locale del colosso del search, secondo quanto appreso da MF-Milano Finanza da più fonti di mercato, lascerà le cariche a breve (è anche membro del management board di Google Emea) per lanciarsi in una nuova avventura professionale.

 

Perché, come si sostiene in ambienti industriali, Vaccarono sta per accettare l’offerta del fondo di private equity internazionale Cvc per andare a guidare il polo della formazione digitale Multiversity-Università Telematica Pegaso, del quale lo stesso Cvc ha rilevato comprando nelle scorse settimane il 50% in mano all’imprenditore e fondatore Danilo Iervolino e salendo al 100%.

FABIO VACCARONO FABIO VACCARONO

 

Per il managing director di Google in Italia si tratta di un incarico che arriva dopo una carriera trascorsa in Bain&Co, Starcom Mediavest (Publicis) e al vertice delle concessionarie pubblicitarie dei gruppi editoriali Gedi, Sole24Ore e Rcs Mediagroup.

 

Adesso, pertanto, si apre la ricerca del nuovo top manager nazionale del motore di ricerca che è accreditato di una raccolta pubblicitaria di 1,5 miliardi su base annua, collocandosi alle spalle del leader di mercato Publitalia-Mediaset, mentre il bilancio relativo ai conti del 2020 fa riferimento, come già riferito da questo giornale il 24 agosto, a un giro d’affari di 505 milioni, costi per 486,2 milioni, un ebitda di 35,84 milioni e un utile netto di 13,77 milioni.

 

luca josi luca josi

Dalle prime indiscrezioni, tra i possibili candidati alla sostituzione di Vaccarono in Google ci sarebbe Luca Josi, uscito da pochi giorni da Tim, dove era il responsabile della divisione Brand strategy, media&multimedia entertainment (a inizio 2019 gli era stata affidata anche la responsabilità di Timvision).

 

In precedenza Josi, che in gioventù era stato segretario del Movimento giovanile socialista (1991-1994), nonché membro della direzione e dell’esecutivo Psi negli stessi anni, aveva fondato e guidato il gruppo Einstein Multimedia, attivo nella produzione di contenuti televisivi (serie tv, game&quiz show). Va ricordato che da Google nell’aprile dello scorso anno era uscito anche il presidente Emea Partnerships Google, Carlo D’Asaro Biondo, passato da un anno e mezzo in Tim, alla divisione cloud, e da gennaio ceo del progetto Noovle (cloud e Ict), sempre del gruppo Telecom Italia.

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...