VENDESI GIOIELLI DI FAMIGLIA! – IL MINISTERO DELL’ECONOMIA AVVIA LA CESSIONE DEL 2,8% DI ENI – LA NOTA DEL MEF: SARANNO CEDUTE 91.965.735 AZIONI ORDINARIE CON UNA PROCEDURA ACCELERATA DI RACCOLTA ORDINI - L'OPERAZIONE AVVERRÀ ATTRAVERSO UN CONSORZIO DI BANCHE (GOLDMAN SACHS, JEFFERIES E UBS), CON L'OBIETTIVO DI COLLOCARE LE AZIONI PRESSO INVESTITORI QUALIFICATI IN ITALIA E INVESTITORI ISTITUZIONALI ESTERI...

-

Condividi questo articolo


 

 

GIANCARLO GIORGETTI GIANCARLO GIORGETTI

(ANSA) - ROMA, 15 MAG - Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, in una nota, comunica di aver avviato una procedura accelerata di raccolta ordini per la cessione di 91.965.735 azioni ordinarie di Eni corrispondenti a circa il 2,8% del capitale sociale della società. 

 

L'operazione, spiega il ministero avviene "attraverso un consorzio di banche costituito da Goldman Sachs International, Jefferies e Ubs Europe in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, con l'obiettivo di promuovere il collocamento delle azioni presso investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali esteri.

 

Nell'ambito dell'operazione il Mef si è impegnato con i Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners a non vendere sul mercato ulteriori azioni della Società per un periodo di 90 giorni senza il consenso degli stessi Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners e salvo esenzioni, come da prassi di mercato. I termini finali dell'operazione saranno comunicati al termine del collocamento". (ANSA).

eni eni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)