- VENDESI LA7, MA IN CINQUE ANNI HA ACCUMULATO PIU’ DI MEZZO MILIARDO DI PERDITE! - DA QUANDO TELECOM ITALIA MEDIA SI E’ SCISSA DA SEAT, I BILANCI SONO IN ROSSO - SALGONO LE SPESE PER I “BIG” MA L’ASCOLTO CALA: 3,5% MEDIO NEL PRIMO SEMESTRE 2012, -0,3% RISPETTO AL 2011 - CRESCONO IL MARGINE OPERATIVO LORDO E LA RACCOLTA PUBBLICITARIA - NEL PRIMO SEMESTRE 2012 SPOT PER 129,1 MILIONI CONTRO I 121 MILIONI DEI PRIMI SEI MESI DEL 2011… -

Condividi questo articolo


Laura Galvagni per "Il Sole 24 Ore"

Più o meno 490 milioni di perdite accumulate tra il 2006 e il 2011, alle quali, stando ai dati del primo semestre 2012, potrebbero aggiungersi almeno altri 35 milioni di rosso. È il bilancio, negativo, di Telecom Italia Media da quando è diventata puro broadcaster. Ossia dopo la cessione, avvenuta nel 2005, di quelle attività ancora legate al vecchio perimetro emerso in occasione della scissione da Seat Pagine Gialle (Buffetti e Tin.it), avvenuta nel 2003. Peraltro l'ebit di TiMedia tra il 2003 e il 2005 è stato comunque sempre negativo.

GIOVANNI STELLAGIOVANNI STELLA

A conti fatti, quindi, l'equity story che Telecom Italia punta a vendere al mercato non sembra essere una case history di assoluto successo. Certo, non sono mancati i progressi, nel 2010 e nel 2011 per esempio il margine operativo lordo è stato positivo rispettivamente per 13,2 milioni e per 28 milioni. Tuttavia, il primo scorcio del 2012 ha registrato la temuta inversione di tendenza con un ebitda negativo per 16,1 milioni.

Franco BernabèFranco Bernabè

Un risultato parzialmente da ricondurre al significativo incremento dei costi di palinsesto di Ti Media - La7, voluti per arricchire la programmazione con il lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete. Un impegno che sul fronte dello share non ha però garantito, allo stato attuale, il balzo tanto auspicato. Stando ai dati del primo semestre gli ascolti medi di La7 si sono attestati attorno al 3,5% di quota, contro il 3,8% medio del 2011.

la7la7

Va segnalato, tuttavia, che buona parte della nuova programmazione e dei nuovi volti ha debuttato solo recentemente sulla rete. Una rete che, sebbene non abbia mai raggiunto il break even operativo, dal 2008 ad oggi ha registrato un costante trend di crescita dei ricavi passati dai 97,4 milioni di quattro anni fa ai 140 milioni del 2011. Dato che probabilmente verrà confermato anche nel corso del 2012 considerato che nel primo semestre il giro d'affari è stato di 70 milioni.

santoro-mentanasantoro-mentana

E soprattutto la raccolta pubblicitaria, nonostante un mercato in affanno, continua a crescere. Nel primo semestre La 7 ha racimolato spot per 129,1 milioni contro i 121 milioni dei primi sei mesi del 2011 e i 185 milioni complessivi del passato esercizio. Progressi che, però, non si sono ancora riflessi sull'ultima riga del bilancio: La 7 ha chiuso il semestre con un risultato negativo di 37,5 milioni e complessivamente, tra il 2008 e il 2011, ha preso 225 milioni.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO