- VENDESI LA7, MA IN CINQUE ANNI HA ACCUMULATO PIU’ DI MEZZO MILIARDO DI PERDITE! - DA QUANDO TELECOM ITALIA MEDIA SI E’ SCISSA DA SEAT, I BILANCI SONO IN ROSSO - SALGONO LE SPESE PER I “BIG” MA L’ASCOLTO CALA: 3,5% MEDIO NEL PRIMO SEMESTRE 2012, -0,3% RISPETTO AL 2011 - CRESCONO IL MARGINE OPERATIVO LORDO E LA RACCOLTA PUBBLICITARIA - NEL PRIMO SEMESTRE 2012 SPOT PER 129,1 MILIONI CONTRO I 121 MILIONI DEI PRIMI SEI MESI DEL 2011… -

Condividi questo articolo


Laura Galvagni per "Il Sole 24 Ore"

Più o meno 490 milioni di perdite accumulate tra il 2006 e il 2011, alle quali, stando ai dati del primo semestre 2012, potrebbero aggiungersi almeno altri 35 milioni di rosso. È il bilancio, negativo, di Telecom Italia Media da quando è diventata puro broadcaster. Ossia dopo la cessione, avvenuta nel 2005, di quelle attività ancora legate al vecchio perimetro emerso in occasione della scissione da Seat Pagine Gialle (Buffetti e Tin.it), avvenuta nel 2003. Peraltro l'ebit di TiMedia tra il 2003 e il 2005 è stato comunque sempre negativo.

GIOVANNI STELLAGIOVANNI STELLA

A conti fatti, quindi, l'equity story che Telecom Italia punta a vendere al mercato non sembra essere una case history di assoluto successo. Certo, non sono mancati i progressi, nel 2010 e nel 2011 per esempio il margine operativo lordo è stato positivo rispettivamente per 13,2 milioni e per 28 milioni. Tuttavia, il primo scorcio del 2012 ha registrato la temuta inversione di tendenza con un ebitda negativo per 16,1 milioni.

Franco BernabèFranco Bernabè

Un risultato parzialmente da ricondurre al significativo incremento dei costi di palinsesto di Ti Media - La7, voluti per arricchire la programmazione con il lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete. Un impegno che sul fronte dello share non ha però garantito, allo stato attuale, il balzo tanto auspicato. Stando ai dati del primo semestre gli ascolti medi di La7 si sono attestati attorno al 3,5% di quota, contro il 3,8% medio del 2011.

la7la7

Va segnalato, tuttavia, che buona parte della nuova programmazione e dei nuovi volti ha debuttato solo recentemente sulla rete. Una rete che, sebbene non abbia mai raggiunto il break even operativo, dal 2008 ad oggi ha registrato un costante trend di crescita dei ricavi passati dai 97,4 milioni di quattro anni fa ai 140 milioni del 2011. Dato che probabilmente verrà confermato anche nel corso del 2012 considerato che nel primo semestre il giro d'affari è stato di 70 milioni.

santoro-mentanasantoro-mentana

E soprattutto la raccolta pubblicitaria, nonostante un mercato in affanno, continua a crescere. Nel primo semestre La 7 ha racimolato spot per 129,1 milioni contro i 121 milioni dei primi sei mesi del 2011 e i 185 milioni complessivi del passato esercizio. Progressi che, però, non si sono ancora riflessi sull'ultima riga del bilancio: La 7 ha chiuso il semestre con un risultato negativo di 37,5 milioni e complessivamente, tra il 2008 e il 2011, ha preso 225 milioni.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)