- VENDESI LA7, MA IN CINQUE ANNI HA ACCUMULATO PIU’ DI MEZZO MILIARDO DI PERDITE! - DA QUANDO TELECOM ITALIA MEDIA SI E’ SCISSA DA SEAT, I BILANCI SONO IN ROSSO - SALGONO LE SPESE PER I “BIG” MA L’ASCOLTO CALA: 3,5% MEDIO NEL PRIMO SEMESTRE 2012, -0,3% RISPETTO AL 2011 - CRESCONO IL MARGINE OPERATIVO LORDO E LA RACCOLTA PUBBLICITARIA - NEL PRIMO SEMESTRE 2012 SPOT PER 129,1 MILIONI CONTRO I 121 MILIONI DEI PRIMI SEI MESI DEL 2011… -

Condividi questo articolo

Laura Galvagni per "Il Sole 24 Ore"

Più o meno 490 milioni di perdite accumulate tra il 2006 e il 2011, alle quali, stando ai dati del primo semestre 2012, potrebbero aggiungersi almeno altri 35 milioni di rosso. È il bilancio, negativo, di Telecom Italia Media da quando è diventata puro broadcaster. Ossia dopo la cessione, avvenuta nel 2005, di quelle attività ancora legate al vecchio perimetro emerso in occasione della scissione da Seat Pagine Gialle (Buffetti e Tin.it), avvenuta nel 2003. Peraltro l'ebit di TiMedia tra il 2003 e il 2005 è stato comunque sempre negativo.

GIOVANNI STELLAGIOVANNI STELLA

A conti fatti, quindi, l'equity story che Telecom Italia punta a vendere al mercato non sembra essere una case history di assoluto successo. Certo, non sono mancati i progressi, nel 2010 e nel 2011 per esempio il margine operativo lordo è stato positivo rispettivamente per 13,2 milioni e per 28 milioni. Tuttavia, il primo scorcio del 2012 ha registrato la temuta inversione di tendenza con un ebitda negativo per 16,1 milioni.

Franco BernabèFranco Bernabè

Un risultato parzialmente da ricondurre al significativo incremento dei costi di palinsesto di Ti Media - La7, voluti per arricchire la programmazione con il lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete. Un impegno che sul fronte dello share non ha però garantito, allo stato attuale, il balzo tanto auspicato. Stando ai dati del primo semestre gli ascolti medi di La7 si sono attestati attorno al 3,5% di quota, contro il 3,8% medio del 2011.

la7la7

Va segnalato, tuttavia, che buona parte della nuova programmazione e dei nuovi volti ha debuttato solo recentemente sulla rete. Una rete che, sebbene non abbia mai raggiunto il break even operativo, dal 2008 ad oggi ha registrato un costante trend di crescita dei ricavi passati dai 97,4 milioni di quattro anni fa ai 140 milioni del 2011. Dato che probabilmente verrà confermato anche nel corso del 2012 considerato che nel primo semestre il giro d'affari è stato di 70 milioni.

santoro-mentanasantoro-mentana

E soprattutto la raccolta pubblicitaria, nonostante un mercato in affanno, continua a crescere. Nel primo semestre La 7 ha racimolato spot per 129,1 milioni contro i 121 milioni dei primi sei mesi del 2011 e i 185 milioni complessivi del passato esercizio. Progressi che, però, non si sono ancora riflessi sull'ultima riga del bilancio: La 7 ha chiuso il semestre con un risultato negativo di 37,5 milioni e complessivamente, tra il 2008 e il 2011, ha preso 225 milioni.

 

 

Condividi questo articolo

business

UNICREDIT, UNICAOS - LA SCONFITTA DI PADOAN (E DI GUALTIERI) SI CHIAMA ANDREA ORCEL: IL BANCHIERE HA GIÀ FATTO SAPERE CHE VUOL PROCEDERE CON I PIEDI DI PIOMBO SU MPS SENZA TRALASCIARE L'IPOTESI BANCO BPM – DALLA PARTE DI ORCEL IL PRESIDENTE DEL COMITATO NOMIME MICOSSI E IL CONSIGLIERE DE GIORGI MA SOPRATTUTTO IL FATTO CHE A LIVELLO INTERNAZIONALE (UNICREDIT È LA TERZA BANCA IN GERMANIA E LA PRIMA IN AUSTRIA), ORCEL HA PIÙ ESPERIENZA DEGLI ALTRI DUE CONTENDENTI, VALERI E GALLIA

LA GUERRA DEI VACCINI (FOLLOW THE MONEY) - L'UNIONE EUROPA, DOPO AVER ‘’STOPPATO’’ PER MESI, ATTRAVERSO L’EMA E FAKE NEWS (NON FUNZIONA NELLE PERSONE ANZIANE), L’ANTIDOTO DI ASTRAZENECA (2,80 EURO A DOSE) PER FAVORIRE LA VENDITA DI QUELLO TEDESCO-AMERICANO PFIZER-BIONTECH (20$ A DOSE), ORA RICEVE QUELLO CHE HA SEMINATO: A POCHI GIORNI DAL VIA LIBERA DELL'EMA, ASTRAZENECA ANNUNCIA UN TAGLIO DELLA DISTRIBUZIONE NELL'UE: DA 80 MILIONI DI DOSI A 31 – IL BUSINESS DEL VACCINO VALE 50 MILIARDI DI DOLLARI…

ZOMBIE DEI PASCHI DI SIENA – AVVISATE IL NUOVO AD DI UNICREDIT ANDREA ORCEL: I RICAVI DI MPS A SETTEMBRE 2020 SONO FERMI A 2,2 MILIARDI E IL MARGINE D’INTERESSE È CADUTO IN UN SOLO ANNO DEL 16%. DULCIS IN FUNDO, RISPUNTA L’ENNESIMA PERDITA DA 1,5 MILIARDI, CHE SI SOMMA AI 20 CHE IL MONTE HA COLLEZIONATO DAL 2009 IN POI. C’È ANCORA QUALCUNO CHE CREDE CHE L’UTILE DA 1,2 MILIARDI PREVISTO DAL BUSINESS PLAN SIA POSSIBILE? NO, MA DEL RESTO NESSUN BUSINESS PLAN NELL’ULTIMO DECENNIO È MAI STATO RISPETTATO…