IL VIRUS È NELL’ECONOMIA! - IL 2020 SARÀ UN BAGNO DI SANGUE PER L’EXPORT ITALIANO: LA CADUTA SARÀ DEL 12% E SE NON CI SARANNO SECONDE ONDATE IL RECUPERO ARRIVERÀ SOLTANTO NEL 2022. SE CI SARÀ ANCORA QUALCOSA DA ESPORTARE  – E PENSARE CHE NEI PRIMI DUE MESI DELL’ANNO I DATI ERANO INCORAGGIANTI. POI È ARRIVATO IL LOCKDOWN E IL BLOCCO DEGLI SCAMBI COMMERCIALI

-

Condividi questo articolo

recessione coronavirus recessione coronavirus

Gi.Fr. per “il Messaggero”

 

Andava tutto bene, la macchina era «in marcia» con risultati «brillanti» da anni, confermati nel 2019. E anche nei primi due mesi del 2020. Poi sulla strada si è palesato il Covid causando «una brusca frenata».

 

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

E adesso ci vorranno almeno tre anni affinché l'export italiano ritorni a marciare alla velocità del 2019. È questa la sintesi della XXXIV edizione del Rapporto Ice sul commercio estero realizzato in collaborazione con Prometeia, Istat, Fondazione Masi, Università Bocconi e Politecnico di Milano e presentato ieri.

 

disoccupazione coronavirus disoccupati disoccupazione coronavirus disoccupati

Con l'intero mondo in lockdown, dall'Europa, alla Cina fino agli Stati Uniti, l'esportazione delle nostre merci ha subìto un crollo fortissimo. Si prevede che l'anno chiuderà con -12% di export. Se non ci sarà la temuta seconda ondata di contagi, un po' alla volta inizierà il recupero: nel 2021 l'export aumenterà del 7,4% e poi nel 2022 metterà a segno un ulteriore progresso sull'anno precedente del 5,2% . Queste le previsioni.

 

La caduta di quest' anno è stata più rovinosa anche perché - come detto - si usciva da un anno positivo. Il 2019 infatti ha fatto registrare una crescita del 2,3% dell'export, portando la bilancia commerciale a un saldo positivo di 53 miliardi di euro (stabile al 2,84% la quota di mercato sul commercio mondiale) .

 

chiuso per virus chiuso per virus

E nei primi due mesi del 2020 sembrava che le cose andassero ancora meglio: : +4,7% tendenziale. Insomma prima del Covid il nostro export «godeva di ottima salute» con Germania (12.2% sull'export totale italiano), Francia (10.5%) e Stati Uniti (9.6%) rimasti i primi tre mercati di sbocco.

 

fabbrica coronavirus fabbrica coronavirus i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 5 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 5 fabbrica coronavirus 2 fabbrica coronavirus 2

 

 

Condividi questo articolo

business