VITA(LIZIO) DA SPIA - IL BANCHIERE BIRKENFELD CHE HA SPIFFERATO AL FISCO USA MOLTE INFORMAZIONI SULLE STORIE DI EVASIONE ALL’INTERNO DI UBS INCASSA UN PREMIO DI 104 MLN $ - CHE POTRA’ SPENDERE TRA 40 MESI: ATTUALMENTE E’ IN CARCERE - METODO DISCUTIBILE, MA INTANTO, COSÌ FACENDO, NELLE CASSE DELLO STATO SONO ENTRATE VAGONATE DI DOLLARI...

Condividi questo articolo


1 - QUANDO LA «SOFFIATA» VIENE BEN RETRIBUITA...
Dal "Sole 24 Ore" - Può lasciare perplessi ogni meccanismo che incentivi economicamente la delazione. Soprattutto per gli effetti distorti che può comportare da parte di chi, pur di guadagnare un compenso, è pronto a testimoniare su reati non del tutto accertati. Il caso di Bradley Birkenfeld, che ha ottenuto ben 104 milioni di dollari dal fisco americano per aver informato le autorità su operazioni di evasione da parte di facoltosi contribuenti facilitate dalla banca svizzera Ubs, può anche sollevare dubbi sulla proporzionalità dell'enorme ricompensa. Ma così è.

Bradley BirkenfeldBradley Birkenfeld

La legge degli Stati Uniti prevede una relazione tra le entrate recuperate dal Fisco grazie alle soffiate e il compenso allo "spione". E nel caso di Birkenfeld il gettito recuperato è stato davvero tanto. Giusto anche sottolineare, con oggettività, che le innovative e aggressive tattiche che le autorità americane stanno dispiegando nella lotta a truffe e irregolarità finanziarie e fiscali di ogni genere, saranno anche discutibili, ma apportano grandi benefici della casse federali.

BRADLEY BIRKENFELD SPIA UBSBRADLEY BIRKENFELD SPIA UBS


2 - MAXI-PREMIO ALLA TALPA DI UBS
BIRKENFELD ANCORA IN CARCERE, SCONTA UNA CONDANNA DI TRE ANNI

Luca Fornovo per "la Stampa"

Da banchiere spregiudicato a cacciatore di evasori. Anche se ha cambiato vita (per ora è in carcere) il collaboratore di giustizia Bradley Birkenfeld, balzato agli onori della cronaca come la talpa di Ubs, è riuscito a strappare un mega bonus. Stavolta a pagarlo per i suoi servigi non sarà la banca svizzera ma il presidente Barack Obama, o meglio un'agenzia del governo americano. L'ex banchiere si è aggiudicato un premio da 104 milioni di dollari per aver fornito alle autorità Usa informazioni su come molti ricchi americani eludevano il fisco. Si tratta del premio più alto mai distribuito a un singolo collaboratore della giustizia dall'agenzia statunitense Internal Revenue Service (Irs).

BARACK OBAMA A BOCCA APERTABARACK OBAMA A BOCCA APERTA

«L'Irs ha inviato un messaggio da 104 milioni di dollari alle talpe di tutto il mondo, ovvero che c'è un modo sicuro per denunciare la frode fiscale e che l'Irs riconosce premi. L'agenzia invia un messaggio chiaro anche alle banche, smettetela di consentire l'evasione fiscale o sarete prese» affermano gli avvocati di Birkenfeld, Stephen Kohn e Dean Zerba, precisando che il loro cliente ha offerto una «collaborazione eccezionale» con «informazioni che l'Irs non era stato in grado di individuare».

Logo Logo "Ubs"

Il premio riflette «le ampie informazioni fornite» che hanno fatto da base «ad azioni senza precedenti nei confronti di Ubs» mette in evidenza l'Irs. Nel 2009 la banca svizzera ha pagato 780 milioni di dollari per risolvere la disputa con le autorità Usa e si è accordata per fornire le informazioni su oltre 4 mila conti correnti segreti di contribuenti americani in Svizzera, aprendo una breccia nel famoso segreto bancario svizzero.

«La nostra agenzia ritiene che lo statuto degli informatori - sottolinea il portavoce dell'Irs, Michele Eldridge sia uno strumento di valore per combattere l'evasione e questo premio riflette il nostro impegno al rispetto della legge». Peccato che per ora Birkenfeld non potrà spendere quei soldi: è ancora in carcere, dove sta scontando una condanna da 40 mesi di reclusione negli Usa.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...