UNA VITA IN TRASFERTA – PER LAVORARE, CIRCA 400 OPERAI DEL GRUPPO “STELLANTIS”, SONO COSTRETTI A SPOSTARSI CONTINUAMENTE. IL CASO DI RICCARCO BUONUOMO, 33 ANNI, ASSUNTO NELLO STABILIMENTO FCA DI MELFI (IN BASILICATA) QUANDO NE AVEVA 25: DOPO POCO È STATO SPEDITO IN ABRUZZO POI A TERMOLI, SUBITO DOPO IN FRANCIA E ALLA FINE IN CAMPANIA: “PIUTTOSTO DI ASSUMERE PERSONALE STELLANTIS PREFERISCE SPEDIRCI IN GIRO PER LUNGHI PERIODI E PAGARCI L’INDENNITÀ. A FINE MESE MI RITROVAVO IN BUSTA PAGA ANCHE 4MILA EURO” (MA A CHE PREZZO?)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Christina Benna per www.corriere.it

 

Riccardo Buonuomo E SUA MOGLIE Riccardo Buonuomo E SUA MOGLIE

«Nel 2015 sono stato assunto come operaio di linea nello stabilimento Fca di Melfi, ma alla fine a Melfi ci sono stato pochissimo». Erano i tempi del Jobs Act e del governo Renzi quando Riccardo Buonomo di Pescopagano, piccolo comune della provincia di Potenza, indossava per la prima volta la tuta bianca per assemblare la 500X e la Renegade nell’impianto lucano che contava quasi 8 mila addetti. Renzi si diceva «gasatissimo» dai progetti di Sergio Marchionne e a Melfi incontrava i 1.500 giovani neo-assunti, tra questi anche Riccardo Buonuomo.

 

Oggi, a 33 anni, e tanti chilometri sulle spalle, Buonuomo fa parte di quel gruppo sempre più nutrito, circa 400 operai, quasi in «trasferta perenne», pendolari delle fabbriche del gruppo Stellantis.

 

stellantis stellantis

«Prima un distacco alla Sevel di Atessa, impiegato ai banchi nella produzione di furgoni, poi a Termoli, a tu per tu con gli ultimi motori a scoppio, dove ci sono rimasto quasi due anni, e poi ancora, con la nascita di Stellantis, in Francia a Mulhouse sulle linee della Peugeot 408; e oggi sono in forza all’impianto di Pomigliano, ma chissà se domani dovrò venire a Torino, a Mirafiori».

 

Più di duecento chilometri in auto al giorno, da Pescopagano a Melfi, per andare a lavorare e tornare a casa, motivato soprattutto dagli incentivi riservati a chi accettata il pendolarismo delle tute blu.

 

fca melfi fca melfi

«Oggi l’azienda spinge per fare trasferte, tanto che vorrebbe renderle obbligatorie e non più facoltative. In pratica lunghi trasferimenti in altri siti produttivi — racconta il lavoratore — Ci sono impianti scarichi di produzione, come è capitato a noi a Melfi, e altri invece che devono gestire un incremento della capacità produttiva, come capita a Torino e Pomigliano.

 

Piuttosto di assumere personale Stellantis preferisce spedirci in giro per lunghi periodi e pagarci l’indennità». Riccardo Buonomo è entrato in Stellantis appena 25enne. Con le «trasferte», lunghe anche sei mesi o due anni come nel caso dell’avventura di Termoli, ha messo su casa e famiglia.

fca melfi 7 fca melfi 7

 

«In Francia, oltre allo stipendio base, ci pagavano 135 euro lordi al giorno. A fine mese mi ritrovavo in busta paga anche 4mila euro. Per me è stata un’esperienza positiva ma mi rendo conto che il mio trasferimento vale un posto di lavoro in meno per il territorio». […]

FIAT POMIGLIANO FIAT POMIGLIANO FIAT POMIGLIANO FIAT POMIGLIANO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”