CAFONALINO ALL’ANIMA DEL PREMIO - C’È ANCHE L’IMPAVIDO DIRETTORE DEI MUSEI SIRIANI AL PREMIO ANIMA ORGANIZZATO DA SABRINA FLORIO. I GIURATI LUIGI ABETE, CIPOLLETTA, DELLI COLLI E GIAMPAOLO LETTA HANNO CONSEGNATO TARGHE A FIAMMA SATTA E LIVIA POMODORO, GIANLUCA NICOLETTI E MELANIA MAZZUCCO

-

Condividi questo articolo
  •  

    Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

     

    Roberta Petronio per il Messaggero – Roma

     

    padre camillo ripamonti con giancarlo e luigi abete padre camillo ripamonti con giancarlo e luigi abete

    «Come ogni anno vogliamo sensibilizzare le imprese, le istituzioni e l’opinione pubblica sui temi della responsabilità sociale e della sostenibilità, e su valori importantissimi come l’inclusione e l’impegno civile e sociale». Con queste parole Sabrina Florio, presidente di Anima e vice presidente di Unindustria con delega all’Etica e Legalità, ha aperto ieri la cerimonia del Premio Anima. Sulla Terrazza Caffarelli, punto di osservazione privilegiato dal Campidoglio sul dedalo dei tetti e delle cupole del centro, il tramonto dà spettacolo, e gli ospiti arrivano all’ora del cocktail.

     

    nicola zingaretti luigi abete nicola zingaretti luigi abete

    La consegna dei riconoscimenti ideati da Anima per il sociale nei valori d’impresa, è entrata da tempo nel calendario degli eventi irrinunciabili d’autunno, e coinvolge Istituzioni, imprenditori, personalità della cultura nazionale e internazionale. Ad esempio, il premio speciale dell’edizione 2017 dedicata alla Terra, intesa dal punto di vista ambientale e antropologico, è Maamoun Abdulkarim, direttore generale delle Antichità e dei Musei di Damasco, che ha portato avanti con impegno e coraggio in Siria la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico.

    maamoun abdulkarim e livia pomodoro maamoun abdulkarim e livia pomodoro

     

    Eccolo mentre conversa con Antonio Calbi, direttore del Teatro di Roma. Nel parterre, fra saluti e foto di rito, i premiati. Fiamma Satta è qui con una menzione speciale per il suo libro “Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla”. Gianluca Nicoletti viene premiato per il documentario “Tommy e gli altri”. L’ex presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro per l’impegno e il coraggio con cui porta avanti No’hma, un’idea di Teatro d’Arte per tutti.

     

    Nel palmares anche Davide Enia per il libro “Appunti per un naufragio”, e Agnese Purgatorio per la fotografia. L’attore Andrea Carpenzano ritira un multiplo dell’opera di Annarita Aversa per il film “Tutto quello che vuoi”, insieme con la moglie del regista Francesco Bruni, Raffaella Lebboroni.

     

    maamoun abdulkarim francesco rutelli paolo matthiae maamoun abdulkarim francesco rutelli paolo matthiae

    La scrittrice Melania Mazzucco e il pianista Ludovico Einaudi, inviano una videoclip per ringraziare la giuria presieduta da Luigi Abete, e rappresentata, fra gli altri, da Innocenzo Cipolletta, Laura Delli Colli, Giampaolo Letta.

     

    Nel parterre: il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, Filippo Tortoriello, presidente di Unindustria, Maurizio Stirpe, vice presidente di Confindustria, Pierluigi Stefanini, presidente Gruppo Unipol, Aurelio Regina, presidente Fondazione Musica per Roma, Giancarlo Abete, Carlo Tamburi, direttore generale Enel Italia, Paola Mainetti, Federica Cerasi Tittarelli, Angelo Bucarelli, e moltissimi altri ancora.

    invitati invitati innocenzo cipolletta innocenzo cipolletta i fratelli abete giancarlo e luigi i fratelli abete giancarlo e luigi giancarlo abete giancarlo abete francesco grollo francesco grollo carlo bonini carlo bonini aurelio regina pierluigi stefanini sabrina florio aurelio regina pierluigi stefanini sabrina florio gennaro migliore gennaro migliore berta zezza josefa idem berta zezza josefa idem antonio calbi con laura delli colli antonio calbi con laura delli colli luca bergamo luca bergamo

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY


    media e tv

    IL CORTOMETRAGGIO SPOT SULLA CALABRIA, FIRMATO DA GABRIELE MUCCINO, E’ COSTATO 1,7 MILIONI DI EURO - LA DIFESA DI “LIBERO”: “VIENI FUORI UNA REGIONE PHOTOSHOPPATA. COI CALABRESI IN BRETELLE E COPPOLE A BIGHELLONARE E I VECCHIETTI A GIOCARE A CARTE; SONO CLICHÉ L'ASINELLO NEI CAMPI E LE CLEMENTINE MA PUR SEMPRE DI SPOT SI TRATTA. PER VENDERE UN PRODOTTO BISOGNA UN PO' DEFORMARE LA REALTÀ, A COSTO DI FARNE UNA CARTOLINA: SI VENDE LA CALABRIA CHE VORREMMO, NON QUELLA CHE ABBIAMO”

    politica

    IL DPCM CHE VERRÀ – BAR E RISTORANTI CHIUSI LA DOMENICA E GIORNI FESTIVI; ORE 18.00 CHIUSURA ALTRI GIORNI; SOSPESI TEATRI E CINEMA; DIDATTICA A DISTANZA SUPERIORE AL 75%; RACCOMANDAZIONE (MA SOLA RACCOMANDAZIONE) SPOSTAMENTO DA PROPRIA RESIDENZA O DOMICILIO SOLO PER MOTIVI DI URGENZA LAVORO E SALUTE; SOSPESI EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE CHE NON SIANO RICONOSCIUTI DA CONI E FEDERAZIONI... - SE SIAMO ALLA VIGILIA DI UN NUOVO LOCKDOWN LA COLPA È CHE IN ESTATE NESSUNO, NÉ GOVERNO, NÉ REGIONI, HA FATTO NIENTE PER PREVENIRE LA SECONDA ONDATA

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    viaggi

    CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

    salute