CAFONALINO - IL FANTASMA DI GENTILONI LASCIA PALAZZO CHIGI E VA A PIEDI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MARCO CAUSI, EX ASSESSORE AL BILANCIO CON VELTRONI: ‘ROMA INGOVERNABILE? NON CREDO. COM’È CHE LA CITTÀ CRESCEVA QUANDO C’ERAVAMO NOI? COSA È SUCCESSO?’ - AL TEMPIO DI ADRIANO, ORMAI DEDICATO ALLE SEDUTE SPIRITICHE DEL PD ROMANO, ANCHE UN FILIPPO SENSI PROSCIUGATO, GUIDO FABIANI E MORASSUT

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

Da www.ilfoglio.it

 

Filippo Sensi Filippo Sensi

L'ultima volta insieme, su un palco, era stata lo scorso 25 febbraio. Teatro Eliseo. Walter Veltroni e Paolo Gentiloni a parlare delle “idee della sinistra di governo” a poco più di una settimana dal voto. Ieri l'ex segretario del Pd e il premier si sono ritrovati al Tempio di Adriano per la presentazione del libro di Marco Causi “Sos Roma. La crisi della capitale da dove viene, come uscirne”.

 

 

marco causi (2) marco causi (2)

Poco spazio, quindi, per parlare di governi di scopo, di alleanze post elettorali, della crisi del Pd. Attenzione focalizzata sulla Capitale e sulla crisi che la città sta attraversando. “Verso la fine del mio mandato - ha raccontato Veltroni - fui inviato dall’amministrazione di Milano per raccontate il modello Roma. E ricordo che nel 2006 la nostra campagna elettorale si svolse con il seguente slogan: 'Orgogliosi di essere romani'. La città in questo momento ha uno stato d’animo piegato. E con uno stato d’animo piegato una comunità non va da nessuna parte”

 

 

E ancora: “Roma è ingovernabile? Impossibile? Non credo. È difficile. Come Londra e Parigi. Non credo di più. Ed è come fosse un problema per il paese. Mentre di solito le capitali sono una risorsa. Non è impossibile governare Roma, bisogna avere visione. Com’è che la città cresceva quando c’eravamo noi? Cosa è successo? È successo che la città era governata. Roma può avere un grande futuro davanti a sé, dipende dallo spirito di squadra di un paese che insieme vince e insieme perde”.

libro presentato libro presentato

 

 

Insomma, si parla di Roma, ma sullo sfondo c'è l'Italia che in questo momento vive un momento di impasse. Un concetto ribadito anche da Gentiloni: “Il futuro del paese è il futuro della sua Capitale. Oggi, per tirarsi fuori, credo Roma abbia bisogno innanzitutto di visione e grandi progetti. Certamente anche di collaborazione istituzionale. Io penso che chiunque abbia la responsabilità di servire un’amministrazione pubblica debba servire in generale, quindi debba avere un atteggiamento di leale collaborazione tra i diversi livelli istituzionali”.

 

 

“Naturalmente - ha concluso - dobbiamo tradurre questa collaborazione in progetti ambiziosi e priorità comuni, questo era l’obiettivo del tavolo messo in capo dal ministro Calenda con sindacati, comune di Roma, e Regione. Individuare vocazione e progetti sui quali insistere. Ci sono settori sui quali Roma può sviluppare le proprie vocazioni moderne, proiettate sul futuro, senza immaginare di difendere un modello è un tipo di economia che è già molto cambiata”.

lorenzo tagliavanti lorenzo tagliavanti lorenzo tagliavanti walter veltroni paolo gentiloni marco causi guido fabiani lorenzo tagliavanti walter veltroni paolo gentiloni marco causi guido fabiani paolo gentiloni marco causi guido fabiani paolo gentiloni marco causi guido fabiani paolo gentiloni (2) paolo gentiloni (2) marco causi (1) marco causi (1) marco causi (3) marco causi (3) mariapia garavaglia mariapia garavaglia invitati invitati paolo gentiloni (1) paolo gentiloni (1) lorenzo tagliavanti waler veltroni lorenzo tagliavanti waler veltroni paolo gentiloni (3) paolo gentiloni (3) roberto morassut roberto morassut guido fabiani guido fabiani lorenzo tagliavanti walter veltroni paolo gentiloni lorenzo tagliavanti walter veltroni paolo gentiloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO