CAFONALINO – AL CIRCOLO ANIENE DI ROMA ROBERTO ZACCARIA PRESENTA LA SUA BIOGRAFIA E PARLA DI RAI, POLITICA E POTERE: “NELL'ESTATE 2000 ORGANIZZAI UNA PARTITA DI TENNIS CON AMATO E BLAIR, E PER EVITARE CHE UNO DEI DUE POTESSE PERDERE, LI MISI IN COPPIA, MENTRE IO…” – E POI TOTTI VICINO DI CASA E LE CENE CON LETTA DA "MARIA-SAURA" ANGIOLILLO - A SCORTARE L'EX PRESIDENTE DI VIALE MAZZINI, LA MOGLIE MONICA GUERRITORE E WALTER VELTRONI – AVVISTATI ANCHE GIORGIO ASSUMMA, JAS GAWRONSKI,  TIZIANA FERRARIO, IL RENZIANO ENRICO BORGHI – FOTO BY DI BACCO

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

Estratto dell’articolo di Alberto Guarnieri per il “Corriere della Sera - cronaca di Roma”

 

roberto zaccaria monica guerritore foto di bacco roberto zaccaria monica guerritore foto di bacco

Riminese di nascita, professore a Firenze, presidente della Rai e poi deputato a Roma, per il Pd. Una vita intensa quella di Roberto Zaccaria, oggi a capo di un’associazione (il Cir) che aiuta i rifugiati. Una vita ora confluita nel libro Un professore chiamato presidente […] presentato al Circolo canottieri Aniene (ore 18.30) con, tra gli altri, Walter Veltroni, che del volume ha scritto la prefazione […]

 

Zaccaria, perché un libro biografico dopo saggi e manuali di diritto?

«Su invito dell’editore, che mi aveva ascoltato raccontare episodi della mia vita a una presentazione per un libro che parlava di Rai ho raccolto ricordi vicini e lontani come si estraggono foto da un cassetto».

 

[…]

monica guerritore foto di bacco monica guerritore foto di bacco

 

L’esperienza alla Rai, azienda che dicono abbia i vizi e anche le virtù della capitale. Anticipiamo qualche episodio: il libro ne è colmo.

«Un piccolo segreto per guidare la Rai senza essere troppo condizionati dalla politica è la velocità delle decisioni. Nell’aprile del 2000 quando dovevamo cambiare il direttore del Tg1 e il direttore della Rete 1, si applicò questo metodo. La decisione era stata presa informalmente la sera prima, ma il Consiglio era convocato per la mattina dopo. Nessuno degli interessati poteva coinvolgere i referenti politici.

 

walter veltroni foto di bacco walter veltroni foto di bacco

A cena nel salotto di Maria Angiolillo incontrai Gianni Letta che mi avvicinò amichevolmente ma al quale non diedi nessuna notizia. La decisione ufficiale sulle nomine fu presa a mezzogiorno del giorno dopo. Poi fu comunicata alla politica».

 

Alla politica lei però è sempre stato attento. Anche sul campo da tennis.

«Sempre nell’estate del 2000 fui invitato dal principe Girolamo Guicciardini Strozzi a un incontro di tennis nella sua villa a Cusona, vicino a San Giminiano, dove era ospite il premier britannico Tony Blair. Decidemmo di invitare come quarto il presidente del Consiglio italiano, Giuliano Amato, che stava passando le vacanze vicino ad Ansedonia.

 

Per evitare che uno dei due leader potesse perdere, nel combinare le coppie, facemmo giocare insieme Amato e Blair e io e il mio ospite ci schierammo contro. Un solo risultato era possibile e naturalmente quello fu. Una “cortesia” che mi fu molto utile successivamente nei rapporti con la Bbc dove fui introdotto proprio da Blair».

 

jas gawronski foto di bacco jas gawronski foto di bacco

Lei è un super tifoso dell’Inter ma si è trovato Totti come vicino di casa, nello stesso condominio. Lo ammira, gli ha parlato? Come sono i rapporti con la Roma?

«Totti è un monumento del nostro calcio. Impossibile non ammirarlo. Poi Monica Guerritore, mia moglie, ha interpretato al cinema il ruolo di sua madre, Fiorella. In una campagna di raccolta fondi per i rifugiati Totti è stato nostro testimonial. Cosa apprezzabile. Ci siamo incontrati solo un paio di volte, piacevolmente. Totti richiama all’atteggiamento verso la Roma per cui c’è stata simpatia con l’arrivo di Mourinho, ma l’affaire Lukaku ha compromesso molto».

 

Dopo essere stato presidente della Rai farà il presidente dell’Inter?

«Dopo la Rai mi sono state proposte alcune cariche. In un primo momento il mio nome fu abbinato alla Federcalcio, ma il turbolento epilogo della mia presidenza alla Rai sconsigliò vivamente quell’ipotesi.

monica guerritore roberto zaccaria foto di bacco monica guerritore roberto zaccaria foto di bacco

 

Mi fu proposta nel 2006 anche la possibilità di “correre” come sindaco di Milano. Rifiutai perché quella scelta mi avrebbe portato lontano da Monica che vive a Roma. Quanto all’Inter, con il progetto di azionariato popolare, messo in piedi con altri amici (Cottarelli, Mentana, Bonolis, Bocelli e tanti altri) punto solo a entrare nella società. Ad 80 anni anche i cardinali escono dal conclave.

libro presentato libro presentato

 

tiziana ferrario foto di bacco tiziana ferrario foto di bacco walter veltroni roberto romboli foto di bacco (2) walter veltroni roberto romboli foto di bacco (2) roberto zaccaria micaela palmieri walter veltroni roberto romboli foto di bacco roberto zaccaria micaela palmieri walter veltroni roberto romboli foto di bacco monica guerritore roberto zaccaria micaela palmieri walter veltroni roberto romboli foto di bacco monica guerritore roberto zaccaria micaela palmieri walter veltroni roberto romboli foto di bacco giorgio assumma foto di bacco giorgio assumma foto di bacco enrico borghi foto di bacco enrico borghi foto di bacco roberto di russo foto di bacco roberto di russo foto di bacco paolo masini foto di bacco paolo masini foto di bacco francesco cognetti foto di bacco francesco cognetti foto di bacco livio lavitola foto di bacco livio lavitola foto di bacco walter veltroni roberto romboli foto di bacco (1) walter veltroni roberto romboli foto di bacco (1)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…