1. MENTRE UNA IMBIKINATA “MARYLIN” ELENA BOSCHI SCULETTAVA BOMBASTICA TRA GLI OMBRELLONI DI MASSA CARRARA, A QUALCHE KILOMETRO, A TORRE DEL LAGO, NELLA “SUA” RIDENTE, PROGRESSISTA TOSCANA, SI É TENUTA LA FINALISSIMA DI MISS DRAG QUEEN ITALIA 2. UN'AMMUCCHIATA DI UOMINI-SHEMALE, IN TACCHI A SPILLO, TRUCCO E PARRUCCO STRABORDANTI HA “OCCUPATO” HOTEL, LOCALI, RISTORANTI E “CESPUGLI” DELLA PINETINA 3. TRA ETERO IN CALORE, C’ERA DI TUTTO. DALLA DRAG FISICATA TRAVESTITA DA SIRENA CHE NELLA VITA FA L’IMBIANCHINO, ALLA “DRAG GIAPPONESE” CHE INSEGNA LATINO E GRECO AL LICEO, ALLA DRAG CHE FA LA DRAG (APPUNTO) NEI LOCALI GAY PER SBARCARE IL LUNARIO 4. IL TITOLO SE LO É AGGIUDICATO LA SIGNORINA LILLY BOAT, ALL’ANAGRAFE SAMUEL SIMONE, UN BEL RAGAZZONE 24ENNE MILANESE. MA LA PIÙ GETTONATA È STATA È STATA DITA, UNA DRAG DI 200 KG CHE SE N'È SBATTUTA DELLE TRIPPE E SI È MESSA MEZZA IGNUDA A FARE IL BURLESQUE CON FINALE MOZZAFIATO NELLA COPPA DI MARTINI. CHE PER FORTUNA HA RETTO

Condividi questo articolo


  • Alberto Dandolo per Dagospia

    miss drag queen italia 2014 (89) miss drag queen italia 2014 (89)

     

    miss drag queen italia 2014 (99) miss drag queen italia 2014 (99)

    Mentre la Ministra “Marylin” Elena Boschi imbikinata faceva passerella al bagno di Massa Carrara, nella “sua” ridente, progressista e pecoreccia Toscana un popolo di infoiatissime, galvanizzatissime e palliettatissime Drag Queen invadeva ogni pezzo di suolo pubblico e di spiaggia libera calpestabile.

     

    Ebbene si’, l’altro giorno si é tenuta in Versilia, ovviamente a Torre del Lago (la città più frociona d’Italia), la finalissima di Miss Drag Queen Italia 2014. Un esercito di uomini in tacchi a spillo, parruccone strabordanti e maquillage freschi di estetiste hanno letteralmente “occupato” hotel, locali, ristoranti e “cespugli” della ridente cittadina toscana e della sua pineta porcina.

    miss drag queen italia 2014 (98) miss drag queen italia 2014 (98)

     

    Una esplosione di colori, eccessi, frizzi, lazzi e cazzi che hanno attratto l’attenzione e risvegliato l’ormone anche dei pochi etero (sempre per mancanza di prove) presenti in città. E molti di loro hanno lasciato mogli e figli a casa e si sono riversati al Mamamia per assistere all’elezione della mejio Drag de‘ noantri.

    miss drag queen italia 2014 (96) miss drag queen italia 2014 (96)

     

    Il titolo se lo é aggiudicato la signorina Lilly Boat, all’anagrafe Samuel Simone, un bel ragazzone 24enne milanese trapiantato in Umbria e con l’amore per il teatro. All’evento erano presenti migliaia di Drag ma a sfilare in gara erano solo in 14. Le “raggazze” finaliste hanno dovuto superare nel corso degli ultimi mesi dure selezioni in “tutti i luoghi e tutti laghi” del Bel Paese. E sul palco ha effettivamente sfilato la “creme” delle Drag nostrane.

    miss drag queen italia 2014 (95) miss drag queen italia 2014 (95)

     

    C’era davvero di tutto. Dalla drag fisicata travestita da sirena che nella vita fa l’imbianchino, alla “drag giapponese” che insegna latino e greco al liceo, alla drag che fa la Drag (appunto) nei locali gay per sbarcare il lunario.

     

    miss drag queen italia 2014 (93) miss drag queen italia 2014 (93)

    Ma la più gettonata dal pubblico è stata è stata Dita (nome scelto in onore di Dita Von Teese), una drag di 200 kg scarsi che se ne è sbattuta del suo adipe in eccesso e si è messa mezza ignuda a fare il burlesque con finale mozzafiato nella famosa coppa di Martini. Che per fortuna ha retto.

     

    E poi dopo l’elezione si sono aperte le danze dentro e fuori dal locale. Gli etero presenti si sono scatenati e alcuni di loro hanno pure fatto una “conoscenza” più approfondita con le infoiatissime drag. Il finale non poteva essere che scontato: tutti nella pineta antistante la discoteca a “sfilare” in ben altre e più divertenti “posizioni”.

    miss drag queen italia 2014 (90) miss drag queen italia 2014 (90)

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

    business

    cronache

    DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

    sport

    “A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

    cafonal

    CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

    viaggi

    salute