1. NESSUNO PRESTA TROPPA ATTENZIONE AI RAGAZZI NEL PORNO. SI VEDONO I PENI MA NON I VOLTI. POCHI SONO I ROCCO SIFFREDI . PER LE DONNE È TUTT’ALTRA STORIA E I RISPETTIVI GUADAGNI LO DIMOSTRANO: LE ATTRICI PORNO ARRIVANO A GUADAGNARE 1.000 DOLLARI PER UNA SCENA ETERO, GLI ATTORI PORNO MOLTO MENO E DEVONO TENERE L’EREZIONE PER ORE E FARE UN GRAN FINALE CON EIACULAZIONE (ALTRIMENTI SI USA IL LATTE DI COCCO) 2. RISPETTO ALLE PERFOMANCE FEMMINILI, LA NOTIZIA DI UNA “CILECCA” FA PRESTO IL GIRO DELL’AMBIENTE. IN QUESTO CAMPO VALI SOLO SE HAI FATTO BENE L’ULTIMA SCENA. UN’ATTRICE PORNO INESPERTA INVECE HA TUTTE LE ATTENZIONI E GUADAGNA ANCHE 1000 DOLLARI A SCENA 3. TUTTE NOTIZE RACCOLTE VISITANDO UN SET PORNO NEL REGNO DI SAN FERNANDO VALLEY

Condividi questo articolo
  • set di un film porno 9 set di un film porno 9

    da www.menshealth.com

     

     

    Nessuno presta troppa attenzione agli attori porno. Ci sono eccezioni: il settore “gay-porn” ha prodotto tante star negli anni, da Ron Jeremy a James Deen, da Tommy Pistol e Xander Corvus a Johnny Castle. Ce ne sono tanti che non fanno rumore, sopratutto quelli che partecipano alle gangbang, dei quali si vedono i peni ma non i volti. Per le donne è tutt’altra storia e i rispettivi guadagni lo dimostrano: le attrici porno arrivano a guadagnare 1.000 dollari per una scena etero, gli attori porno molto meno.

     

    set di un film porno 8 set di un film porno 8

    Ad esempio, visitando un set porno nel regno di San Fernando Valley, si può assistere a un paio di scene girate per un mini-film di trenta minuti, nuovo format per creare narrativa senza allungarsi troppo. La convocazione per i performers è alle 8 di mattina, ma Ginger,  la protagonista ventenne, arriva con molte ore di ritardo, non le piace il trucco e si lamenta. Non è nota nell’ambiente, mentre il suo partner Tyler, un fusto alto e bello, è molto rispettato. Ha dieci anni di esperienza e ha girato oltre 500 scene, dal softcore all’hardcore.

    set di un film porno 5 set di un film porno 5

     

    Eppure, lui, viene pagato centinaia di dollari in meno di lei. Tra l’altro, dovendo tenere l’erezione per tutte quelle ore. Ginger e Tyler fanno il loro dovere, una sequenza di normale penetrazione, dove purtroppo Tyler buca il gran finale. Il condizionatore è stato spento per non registrare il rumore del motore e il caldo è insopportabile.

     

    set di un film porno 7 set di un film porno 7

    Tyler va in un’altra stanza per riprendersi, poi torna: «Sono pronto». Gli operatori vanno in postazione. Ma niente. Tyler non ce la fa per la seconda volta. Il regista si innervosisce e gli grida: «Puoi continuare a scopartela o puoi masturbarti. Non mi interessa, basta che vieni!».

     

    Si fa una pausa. Si ricomincia. Tyler è molto più insicuro di prima. E’ ansioso, non riesce. Dopo avergli lanciato diversi insulti, il regista prende una birra fredda dal frigorifero e gli dice: «Ehi amico, scusa. Puoi avere una birra anche tu, ma solo se schizzi». La cosa si è ripetuta per otto volte, finché, alla fine, la troupe ha optato per la simulazione dell’eiaculazione.

    set di un film porno 4 set di un film porno 4

     

    set di un film porno 6 set di un film porno 6

    Ci sono tre modi per fingerla: spruzzo di sapone sulla telecamera, inquadratura di finto spruzzo all’interno della vagina o finto schizzo da pompino (non con sapone ma con latte di cocco). In mezz’ora è tutto fatto. Ginger se ne è andata sotto la doccia sorridente, Tyler aveva la testa bassa. Era imbarazzato, umiliato.

     

    La notizia della sua mancata performance farà presto il giro dell’ambiente. In questo campo vali solo se hai fatto bene l’ultima scena. Tyler, quel giorno, si è ridotto il compenso per non aver fatto bene il suo lavoro, ha guadagnato meno del meno. Nessuno presta troppa attenzione ai ragazzi nel porno.

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    ‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

    politica

    CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    viaggi

    “SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

    salute