1- ALLONTANATE I BAMBINI, RESPIRATE FORTE E CIUCCIATEVI LA PIÙ ECCITANTE, STRACULT SCENA DI SESSO “ATTIVO” MAI APPARSA SU UNA PELLICOLA LONTANA DAL SOFT-PORNO, CON UNA BOMBASTICA CAROLINA CRESCENTINI CHE SI GODE UN CUNNILINGUS DA MICHELE RIONDINO - 2- TRAI TANTI, TROPPI FILM IN USCITA, ATTENTI A NON LASCIARVI SFUGGIRE “HENRY”, TERZO NOIR VIOLENTO E BIZZARRO DI ALESSANDRO PIVA, AUTOPRODOTTO CON UN MILIONE E TRECENTOMILA EURO SCUCITI DALLO STESSO REGISTA (UN EROE), DISTRIBUITO DALL’INDIPENDENTE IRIS, CON UN CAST DEI MIGLIORI NOMI DEL NOSTRO CINEMA PIU’ GIOVANE - 3- E’ UN VIAGGIO IN UNA INEDITA ROMA NOTTURNA FATTA DI STRAFATTONI, SPACCIATORI, MIGNOTTE, GANGSTER BIANCHI E NERI, POLIZIOTTI CORROTTI SUL MODELLO PIU’ DEI VECCHI FILM DI MAURIZIO MERLI E TOMAS MILIAN CHE LA NUOVA FICTION ALLA “ROMANZO CRIMINALE”

Condividi questo articolo


Henry di Alessandro Piva. In sala dal 2 marzo.

HOT VIDEO - http://www.youtube.com/watch?v=7N6zXxbeu58

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

Marco Giusti per Dagospia

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

Settimana zeppa di nuovi film. Troppi. Attenti a lasciarvi sfuggire il piu' stracult di tutti, "Henry", terzo noir ironico, violento e bizzarro di Alessandro Piva dopo l'incredibile doppietta pugliese formata da "La capagira" e "Mio cognato".

Anche qui si gira attorno a una serie di eccessi e di personaggi malavitosi e grotteschi che si sparano e si uccidono allegramente in nome di un cinema d'azione alla Fernando Di Leo che Piva sembra venerare. "Il mondo si divide in due parti. Ci sono quelli che sgusciano le vongole prima di mangiare gli spaghetti e quelli che le sgusciano durante. Io faccio parte dei primi.", e' la grande massima del boss napoletano interpretato da Alfonso Santagata di fronte al suo killer di fiducia, certo Martino, un Dino Abbrescia scatenato che parla un napoletano pesante e dalla pistola facile.

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

"Lasciamene almeno uno vivo", gli chiede Santagata. Autoprodotto con un milione e trecentomila euro scuciti dallo stesso regista (un eroe), distribuito dall'indipendente Iris Film, con un cast che vanta i migliori nomi del nostro cinema piu' giovane, Carolina Crescentini, Michele Riondino, Claudio Gioe', Paolo Sassanelli, e' un viaggio in una inedita Roma notturna fatta di strafattoni, spacciatori, mignotte, gangster bianchi e neri, poliziotti corrotti sul modello piu' dei vecchi film di Maurizio Merli e Tomas Milian che su quelli della nuova fiction alla "Romanzo criminale".

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

Piva applica la lezione dei suoi primi due film al poliziesco romano insistendo particolarmente sulla costruzione di tutti i personaggi che mette in gioco, dal poliziotto buono Claudio Gioe' alla ragazza traviata Carolina Crescentini, dai killer Davide Coco-Dino Abbrescia ai neri finalmente credibili, Aurelien Gaya e Eriq Ebouaney, stella del cinema internazionale gia' visto in "The Horde", "Le crociate", "Femme fatale", dal ragazzo che non c'entra niente Michele Riondino, ormai diventato il giovane Montalbano della tv, a Alfonso Santagata, grande attore teatrale a suo tempo riscoperto da Moretti e Garrone.

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

La storia ruota attorno all'omicidio di uno spacciatore romano, il Max Mazzotta di "Paz", e alla scomparsa di un carico di coca che mette in agitazione due bande rivali, quella degli africani e quella dei napoletani. In mezzo un gruppo di ragazzi che si ritrova invischiato nel caso e i due poliziotti che cercano di trovare una soluzione all'omicidio e alla sparizione della droga.

HENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILMHENRY DI ALESSANDRO PIVA SCENA DEL FILM

Decisamente superiore alla media dei film italiani prodotti in queste ultime stagioni, forma con "Acab" di Stefano Sollima una decisa resistenza al predominio della commedia e una bella incursione nel cinema di genere italiano. E offre a Carolina Crescentini uno dei suoi ruoli migliori di sconvoltona romana. Ha pure una grande scena di sesso con Michele Riondino offerta in esclusiva per i lettori di Dagospia dal regista.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL DIVANO DEI GIUSTI - I FAN DI JERRY CALÀ E DEL TRASH ITALIANO PIÙ DIVERTENTE IMPAZZIRANNO CON “CHICKEN PARK”, PARODIA DI “JURASSIC PARK” DIRETTA DALLO STESSO CALÀ, PRODOTTA E IDEATA DAL VULCANICO GALLIANO JUSO, IL NOSTRO ED WOOD, CON EFFETTI SPECIALI RIDICOLI, MA PERFETTI PER LA RIUSCITA DEL FILM - RICORDO LO SBALLATISSIMO, MA STRACULTISSIMO “SAI COSA FACEVA STALIN ALLE DONNE?”, CINE 34 ALLE 4, 20, IDEATO E DIRETTO DAL CRITICO DI PAESE SERA MAURIZIO LIVERANI.INUTILE DIRE CHE MARGARETH LEE E SILVIA MONTI SONO NUDISSIME E SCOSTUMATE COME MAI… - VIDEO

politica

CARLO PETRINI CONTRO GLI SCIENZIATI ANTI-BIO – ‘’IN UNA SOCIETÀ DOVE IL SISTEMA ALIMENTARE INQUINA, SPRECA E AMMALA, DEFINIRE L'AGRICOLTURA BIODINAMICA UNA PRATICA ESOTERICA O UN'ABERRAZIONE DA CIARLATANI MI SEMBRA UN GIUDIZIO PRESSAPOCHISTA E SINTOMO DI NON CONOSCENZA. LA PREROGATIVA NON È PIÙ PRODURRE DI PIÙ CON MENO, MA MEGLIO. NEL RISPETTO DELLA TERRA E DI TUTTI NOI CITTADINI CHE ABBIAMO IL DIRITTO A UN CIBO SANO - SEMBRA STRANO CHE CHI COLTIVA IN MODO NATURALE È SOTTOPOSTO A CONTROLLI, MENTRE CHI USA CHIMICA A MANETTA NON È SOGGETTO A NESSUNA VERIFICA’’

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute