CHE CE FREGA DE CAMPO DALL'ORTO, NOI C'AVEMO MONTALBANO (E DON MATTEO, E SANREMO...) - ALTRO CHE SERIE AMERICANE, NUOVI CONTENUTI, TWITTER E SOCIAL TV: PIÙ ANDIAMO AVANTI PIÙ IL PUBBLICO CERCA VECCHIE CERTEZZE E VECCHISSIME TRAME. INUTILE INSEGUIRE I MILLENNIAL, CHE SCARICANO O AL MASSIMO PAGANO NETFLIX E SKY

Quelli della nuova dirigenza Rai dicono: il pubblico ha esigenze nuove, bisogna cambiare parecchio se non tutto. Andarglielo a spiegare agli otto milioni (Don Matteo), undici milioni (Montalbano), quindici milioni (Sanremo) che si radunano solo per queste cose non sarà semplicissimo...

Condividi questo articolo


Silvia Fumarola per “la Repubblica

 

montalbano montalbano

Avvinti a Montalbano, in undici milioni — di media. Il Commissario dei sogni torna in tv e la platea televisiva perde ogni ritegno. Tutti addosso a Luca Zingaretti e ai suoi, per il più alto ascolto di sempre della serie tratta da Camilleri — che è iniziata nel 900, per dire, anche se era l’ultimo anno del secolo. Tutti vorrebbero tornare e trovare un’accoglienza simile: e in Rai, a RaiUno soprattutto, prendono atto, Sanremo, Don Matteo e Montalbano: per un grande ascolto ci vuole un grande appuntamento, che sia fatto in quel modo, popolare, rassicurante, fedele, amico. Con tanti saluti alla tv che cambia, o dovrebbe.

montalbano montalbano

 

Era, peraltro, Una faccenda delicata, uno degli episodi più aggrovigliati di sempre. C’era dentro una storia parallela di finta pedofilia che passava spegnendosi e basta.

 

Il ritmo era tirato per le lunghissime. E infine si cedeva anche alla tentazione dei molti sottofinali con più colpevoli possibili - che sai benissimo che non può essere quello l’assassino perché sono ancora le 23 e manca mezz’ora alla fine.

 

DON MATTEO DON MATTEO

Niente, Montalbano è: quindi il popolo tv si assiepa e non vuole sentire ragioni. Che poi le ragioni girano semmai in favore del successo: episodi centellinati, stavolta soltanto due, nessuna sorpresa spiazzante, al massimo cambia l’attrice-fidanzata e arriva un volto molto conosciuto come Sonia Bergamasco - dai dieci milioni al cinema con Checco Zalone agli undici milioni in tv.

 

don matteo con belen don matteo con belen

Catarella è tutti noi, fessacchiotto ma che risolve il caso, Fazio è tutti noi - saprebbe sbrigarli in due minuti questi omicidi con il suo puntiglio, ma esigenze superiori lo collocano in seconda fascia - Mimì Augello è tutti noi, ha messo la testa a posto certo, come no, e al primo stormir di sottana chi lo tiene più.

 

E lui, il Commissario più improbabile del mondo, nello scenario più irresistibile e impossibile del mondo, mare, terrazze: va in vacanza e la stanza d’albergo è uguale a casa sua, con terrazza, l’auto sgomma dentro vie deserte e parcheggia dove gli pare, sempre, lui Zingaretti che di nuovo nuota - e forse è la prima nuotata ripresa una volta sola anni fa, ma conta quanto è sexy uscendo dall’acqua a caccia di asciugamano: appunto Zingaretti, che gli vuoi dire?

carlo conti e gabriel garko carlo conti e gabriel garko

 

Il resto lo fa il clima in giro, segnalato da mesi: tutti che si affannano a rinforzare la tv del futuro, cose stra-glamour in giro, esibizioni twittatissime ovunque, per non dire delle serie tv Usa da urlo, bellissime, clamorose. Quando sono in un milione e mezzo di fronte, è tanto: mentre invece il tempo incerto là fuori, le ansie, le frustrazioni e le paure, il credere o non credere a chi ti vende un futuro decente, creano un casino emotivo che reclama rassicurazioni per il grande pubblico che alla fine conterà pure qualcosa.

 

E allora, per compattarlo tutto intero, basta un Sanremo centralizzato su Carlo Conti, basta Don Matteo che la fa in barba ai Carabinieri, fermo restando che anche i carabinieri scoprono il colpevole, ma il Don come dice Frassica - ha agganci in alto e lo scopre un minuto prima. E basta l’epopea di Montalbano che hai letto nei libri del Camilleri che sa anche intrigare assai e che approda in tv nella versione che tutti vogliono e aspettano. Quelli della nuova dirigenza Rai dicono: il pubblico ha esigenze nuove, bisogna cambiare parecchio se non tutto. Andarglielo a spiegare agli otto milioni, undici milioni, quindici milioni che si radunano solo per queste cose non sarà semplicissimo.

carlo conti e laura pausini carlo conti e laura pausini

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute