CHE PACCO CHE FU! - PRECIPITANO GLI ASCOLTI DI FAZIO E LA RAI RISCHIA DI DOVER RISARCIRE GLI INSERZIONISTI PUBBLICITARI. “CHE TEMPO CHE FA” VENDUTO GARANTENDO UNA MEDIA TRA IL 16 E IL 18% DI SHARE, MA E’ PRECIPITATO AL 14,9%. L’ESPERTO SILIATO: “SE VA SOTTO AL 14,5% I CONTRATTI VANNO RINEGOZIATI” - PER FORTUNA DI FAZIO DOMENICA PROSSIMA C’È DI NUOVO LA FORMULA UNO

-

Condividi questo articolo


DAGONOTA - Per “fortuna” di Fazio, la Rai sia domenica scorsa che la prossima ha deciso di mandare in onda la Formula Uno invece del suo programma. Una scelta bizzarra: di solito i Gran Premi vanno (in differita) su Rai2, quindi Viale Mazzini avrebbe potuto tranquillamente tenere in palinsesto il programma di Fazio e in parallelo mandare le tappe americana e messicana del circus.

FABIO FAZIO E L ACQUARIO DI CHE TEMPO CHE FA FABIO FAZIO E L ACQUARIO DI CHE TEMPO CHE FA

 

Ma l’ordine è chiaro: Fazio non può essere disturbato, figuriamoci sfidato da un evento che attira molti spettatori. Così questi turni di stop danno anche un po’ tempo per ‘risintonizzare’ il programma alla ricerca degli ascolti perduti, magari con l’apporto del neo-direttore di Rai1 Teodoli…

 

 

Antonella Piperno per “Panorama

 

Un contratto quadriennale da 8,9 milioni di euro è il prezzo giusto per il conduttore di un programma che nelle sue prime quattro puntate è passato dal 20,8 al 14,9 per cento di share? La Rai continua a difendere Fabio Fazio e il suo Che tempo che fa, il deputato Pd Michele Anzaldi, molto Centrodestra e il Codacons lo defenestrerebbero. Ma alle tante cifre che dalla firma del supercontratto stanno ballando attorno al programma che, sostiene Fazio, si finanzia con la pubblicità incassata, ora se ne aggiunge una, inedita e decisiva: il 14,5 per cento.

 

ANGELO TEODOLI ANDREA VIANELLO ANGELO TEODOLI ANDREA VIANELLO

La fornisce a Panorama l`analista dei media Francesco Siliato dello studio Frasi e si riferisce alla soglia di ascolti del break pubblicitario sotto alla quale gli investitori che stanno sborsando 90 mila euro per 15 secondi di spot nel programma di Raiuno (secondo i costi di listino) potrebbero chiedere di rinegoziare il contratto. O decidere dopo il 31 dicembre, quando molti scadranno, di andarsene.

 

Per adesso a Raipubblicità, che, informano da viale Mazzini, ha venduto gli spot «garantendo una media di ascolti tra il 16 e il 18 per cento» si dicono tranquilli. La media è rispettata. Ma, la graduale erosione degli ascolti c`è, cosi come la desertificazione che ha subito Raitre con il trasloco della trasmissione di punta su Raiuno. E, se non dovesse fermarsi, saranno dolori. Anche perchè se per molti inserzionisti Che tempo che fa è solo uno dei programmi della loro pianificazione, la Rai prevede anche campagne «monoprogramma». Così chi ha puntato tutte le sue fiches su Fazio, potrebbe toglierle. Allora sì che i costi andrebbero a gravare pesantemente sui proventi del canone.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE