CHI TOCCA LE BOOK INFLUENCER, MUORE (DI NOIA) - MASSIMILIANO PARENTE CANCELLATO DA INSTAGRAM PER AVER OSATO SFOTTERE QUELLE STELLINE SOCIAL CHE PROMUOVONO I LIBRI IN VETRINETTE TANTO CARINE CON TAZZE DI CAFFE' FUMANTE - GIPI, FUMETTISTA ADORATO A SINISTRA, COSTRETTO A DIFENDERE LA SUA AMICIZIA CON LO SCRITTORE: ''PREFERIRÒ SEMPRE LE PIÙ STORTE, IGNOBILI, INFELICI CREATURE  A QUESTA NUOVA GENERAZIONE DI PRETI ALLA QUALE FATE A GARA PER APPARTENERE. DOVETE MORI'''

-

Condividi questo articolo


 

 

1. CANNIBALI E NECROFILI

Mattia Feltri per ''La Stampa''

 

MASSIMILIANO PARENTE KING KONG MASSIMILIANO PARENTE KING KONG

Sul Giornale di mercoledì c' era un pezzo di Massimiliano Parente, scrittore notevole, giudicato sessista dal supremo tribunale di Twitter. Non è importante se lo fosse o no (non lo era), è importante il passaggio in cui Parente racconta di intrattenersi in accese sfide ai videogame con Gipi, fumettista di gran rango. Il suddetto supremo tribunale, con scrupoloso arbitrio attribuito Gipi alla sinistra più illuminata e Parente alla destra più becera, ha chiesto al primo di rinnegare l' abominevole amicizia, pena l' espulsione dal club della sinistra più illuminata (e già l' aggettivo s' indeboliva).

 

Mentre gustavo le risposte di Gipi (e di Parente), che a differenza dei suoi giudici da diporto forse non è di sinistra, ma di sicuro è illuminato, e sa che l' amicizia è faccenda intima e insindacabile, sempre su Twitter ho saputo con dolore della morte di Nellina Laganà.

BOOK INFLUENCER - JULIE DEMAR BOOK INFLUENCER - JULIE DEMAR

 

Era una brava attrice, aveva lavorato con Tornatore e Lavia, e l' ho saputo perché qualche sito di destra titolava sulla sua morte e sul suo ultimo tweet, contro Matteo Salvini. Non era l' ultimo ma vabbè. Era una foto di Salvini fra forme di parmigiano e Nellina aveva scritto «il verme nel formaggio».

 

Altri hanno ripreso il medesimo tweet per salutarla, ringraziandola di essere stata antisalviniana fino alla fine. E così con i vivi non ci sono riusciti, Gipi e Parente se la sono cavata sminchionando le raffiche etiche d' insulti, mentre con la morta sì, ce l' hanno fatta: Nellina se n' è andata con tutta la sua vita nel mondo e nell' arte giudicata su un tweet antisalviniano, a uso opposto e speculare di sacerdoti della purezza antropofaga e necrofila.

 

 

2. GUAI A CRITICARE LE INFLUENCER: IO «LAPIDATO» DALLE FEMMINISTE

Massimiliano Parente per ''il Giornale''

GIPI 1 GIPI 1

 

Dunque, non sono più su Instagram, il mio account è stato chiuso. Ma facciamo un passo indietro, sentite questa. L' altro ieri è uscito un mio articolo satirico sul Giornale sulle book influencer di Instagram, prendendo spunto da Carolina Capria, una influencer che legge solo libri di donne, dandole della sessista, perché non c' è niente di più offensivo per una donna che pensare che i libri siano belli perché scritti da una donna per le donne.

Concetto semplice.

 

E poi divagando su altre book influencer, definendole delle vetriniste, perché a tutte quelle fotine di tavole apparecchiate e fiorellini che mettono insieme Fabio Volo e William Faulkner già Baudelaire avrebbe dato fuoco. Insomma, un attacco contro il gusto kitsch di queste tizie.

 

Non l' avessi mai fatto, anzi siccome sono io meno male che l' ho fatto. Partono centinaia di insulti su Twitter, secondo cui sarei un vecchio maschilista impotente che non capisce le giovani generazioni. Una mi scrive «si vede che non trombi», molto femminista. Nel mio articolo en passant parlavo del mio amico Gipi, grande fumettista, per dire che con lui gioco a Call of Duty, ed è stato sommerso da richieste di dissociarsi da me, ha dovuto fare un post per dichiarare che è mio amico a prescindere da quello che scrivo, ripreso dal Corriere della Sera, dove apprendo di essere «uno scrittore di destra» (strano, al Giornale pensano io sia di sinistra, mi sopportano per questo).

 

BOOK INFLUENCER - VERONICA GIUFFRE BOOK INFLUENCER - VERONICA GIUFFRE

Finita qui? No. Anche al mio amico Nicola Lagioia, direttore del Salone del Libro di Torino, viene chiesto di dissociarsi dal mio articolo, e si dissocia dicendo che litighiamo da anni ma questo non significa non poter essere amici. Roberto Burioni, su Twitter, invece esprime apprezzamento, e viene bersagliato da femministe impazzite, e va da sé anche a lui chiedono di dissociarsi.

 

Burioni non ha paura di nessuno e twitta: «Non mi piace la scrittrice Elena Ferrante. Ho riso di un articolo di Massimiliano Parente dove definiva i suoi libri ottimi per appoggiarci il caffè e mi hanno dato del maschilista. Se avessi scritto la stessa cosa di Camilleri (che egualmente non mi piace) sarei stato femminista?». Interviene poi Emilio Pappagallo, il direttore di Radio Rock, che sulla questione ieri mattina ci ha portato avanti due ore di trasmissione, non dissociandosi ma anzi rincarando la dose, e definendo queste signorine «un branco fascista che usa gli stessi mezzi del peggior machismo».

 

MASSIMILIANO PARENTE MASSIMILIANO PARENTE

Finita qui? No. Questa mattina mi sveglio e devo cancellare un centinaio di insulti dal mio account Instagram, bersagliato da commentatrici con nick evocativi tipo Clitoridea e accuse di sessismo soprattutto sotto una foto di mia figlia di 7 anni: «Poveretta», «che padre di merda ti troverai», «stai attenta chissà cosa può farti».

 

Finita qui? No, nel pomeriggio Instagram cancella il mio account, per le migliaia di segnalazioni scatenate da queste invasate senza arte né parte.

BOOK INFLUENCER - VERONICA GIUFFRE BOOK INFLUENCER - VERONICA GIUFFRE

Che tra l' altro dicono a me, che scrivo romanzi da quasi 25 anni, ristampati e studiati nelle università, di documentarmi su chi sono loro, il mondo al contrario. E che rosico.

Come no, rosico perché non sono un book influencer e non ricamo l' uncinetto davanti a un libro della Ferrante.

 

Finita qui? Quasi. Interviene per ultimo, Piersandro Pallavicini, uno dei più lucidi ed eleganti scrittori italiani, con un lungo post che potete leggere sulla sua pagina Facebook, che finisce così: «La reazione più frequente è stato il vecchio, penoso, classico commento derisorio: Scrittore poco noto che cerca di farsi pubblicità. Ora magari mi confondo, e questo genere di commenti è arrivato non dai book influencer stessi ma dai loro sostenitori, e in questo caso come non detto. Se fossero arrivati proprio dai book influencer citati da Massimiliano, o da altri che svolgono la medesima attività, in una specie di forma di solidarietà, ecco che la mia paranoia diventerebbe paura di qualcosa di reale: ma che parli a fare di libri se non sai neanche chi è Massimiliano Parente?».

 

Finita qui? Sì, e meno male non ho più voglia di fare sesso con nessuna per conto mio, altrimenti me l' avrebbero fatta passare loro. Sebbene, a parte il mio account Instagram, che chissenefrega, speriamo non riescano a far chiudere per sessismo anche Youporn, almeno quello.

 

BOOK INFLUENCER - PETUNIA OLLISTER BOOK INFLUENCER - PETUNIA OLLISTER MASSIMILIANO PARENTE PIERSANDRO PALLAVICINI MASSIMILIANO PARENTE PIERSANDRO PALLAVICINI BOOK INFLUENCER - PETUNIA OLLISTER BOOK INFLUENCER - PETUNIA OLLISTER mattia feltri mattia feltri nicola lagioia salone del libro nicola lagioia salone del libro BOOK INFLUENCER - JULIE DEMAR BOOK INFLUENCER - JULIE DEMAR

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

cronache

“MI SONO INNAMORATA DI UN UOMO BISESSUALE” – IL LUNGO RACCONTO DI MONICA, UNA DENTISTA 38ENNE DI ROMA: “QUANDO L’UOMO CHE FREQUENTAVO MI HA RACCONTATO DEI SUOI EX, NON SAPEVO COME COMPORTAMI. AVEVO MILLE DOMANDE CHE MI FRULLAVANO PER LA TESTA. UNA SERA, AD UNA CENA CON DEI SUOI AMICI, UN UOMO CHE NEANCHE LUI CONOSCEVA HA INIZIATO A STUZZICARLO, IGNORANDO TOTALMENTE IL FATTO CHE STAVAMO ASSIEME E LUI…” – LA PSICOLOGA: “UNA DELLE PAURE PIÙ RICORRENTI È PENSARE DI NON ESSERE IN GRADO DI SODDISFARE IL PROPRIO PARTNER, DI NON ESSERE PIÙ L’UNICO OGGETTO DI DESIDERIO…”

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute