CHOPIN PIPPAROLO, VASCO ROSSI CON LA PASSIFLORA, PUTIN CON LA SINDROME DEL MICROPENE – LO SHOW DI CHECCO ZALONE AL TEATRO BRANCACCIO DI ROMA. PERCULA LA FERILLI, SEDUTA NELLE PRIME FILE, PER IL MAGLIONE. IRONIZZA SU MINA E CELENTANO NEL BRANO “L’ARTERIOSCLEROSI” E NEI PANNI DEL MAESTRO MUTI SI SCAGLIA CONTRO LE CANTANTI D’OPERA: “CHE CAZZO DICONO QUESTE? ORIETTA BERTI E IVA ZANICCHI ALMENO SI CAPISCONO…” – L’OMAGGIO A JANNACCI DIVENTA UNA SATIRA SULLE INFLUENCER RAGAZZINE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

 

CHECCO ZALONE AL BRANCACCIO DI ROMA - UOMINI SESSUALI

CHECCO ZALONE AL BRANCACCIO DI ROMA - LA PRIMA REPUBBLICA

 

Francesco Persili per Dagospia

CHECCO ZALONE AL TEATRO BRANCACCIO CHECCO ZALONE AL TEATRO BRANCACCIO

“Vincenzina si inquadra la natica/finalmente la prima notifica/ma non è certo una coccola, le scrivono zoccola”. L’omaggio a Enzo Jannacci, che cantava la struggente "Vincenzina davanti alla fabbrica", diventa una esilarante satira del mondo social e delle influencer ragazzine con "Vincenzina davanti allo smartphone": “Quando tornate a casa, prima di entrare nelle camere delle vostre figlie bussate: magari le ragazze stanno lavorando...”. 

 

Checco Zalone conquista anche il Teatro Brancaccio di Roma con il suo spettacolo “Amore più Iva” tra le imitazioni di un Vasco Rossi che si cura con le erbe (“Prendi la passiflora che ti fa bene”), i notturni con una mano sola di Chopin, irriducibile onanista, i tormenti del rapper Ragadi ("Quando cammini per strada vedi l'insegna di Prada/ Ma senti una voce amara che ti dice "Zara") e l’esilarante maestro Muti che si scaglia contro le cantanti d’opera: “Che cazzo dicono queste? Orietta Berti e Iva Zanicchi almeno si capiscono…”.

CHECCO ZALONE NEI PANNI DI RICCARDO MUTI AL TEATRO BRANCACCIO DI ROMA CHECCO ZALONE NEI PANNI DI RICCARDO MUTI AL TEATRO BRANCACCIO DI ROMA

 

CHECCO ZALONE NEI PANNI DI VASCO AL TEATRO BRANCACCIO CHECCO ZALONE NEI PANNI DI VASCO AL TEATRO BRANCACCIO

Nel mirino della sua ironia politicamente scorretta finiscono anche Putin in versione Grande Dittatore di Chalin che ascolta i Ricchi e Poveri e soffre per il pene piccolo e Mina e Celentano nel brano “L’arteriosclerosi”. Non mancano il filosofo Clitoride, le parodie musicali di Tiziano Ferro e i cavalli di battaglia come “La samba del culu piattu”, “La Prima Repubblica”e “Angela”. Ad applaudire Zalone, nelle prime file, anche Sabrina Ferilli a cui il comico pugliese non ha risparmiato battute sul biglietto “che non ha pagato” e sul maglione…

 

checco zalone spettacolo amore + iva checco zalone spettacolo amore + iva CHECCO ZALONE NEI PANNI DI PUTIN CHECCO ZALONE NEI PANNI DI PUTIN checco zalone spettacolo amore + iva 5 checco zalone spettacolo amore + iva 5 checco zalone spettacolo amore + iva 3 checco zalone spettacolo amore + iva 3 checco zalone spettacolo amore + iva 2 checco zalone spettacolo amore + iva 2 checco zalone spettacolo amore + iva 1 checco zalone spettacolo amore + iva 1 checco zalone spettacolo amore + iva 4 checco zalone spettacolo amore + iva 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"