LA CONTRO-REPLICA DI FILIPPO FACCI A STEFANO LORENZETTO: “MI SPIACE MOLTO CHE SI SIA OFFESO PERCHÉ HO RILEVATO CHE HA SCRITTO DELLE INESATTEZZE PERALTRO SU UN TEMA NON PROPRIO SULLA BOCCA O SUL NASO DI TUTTI: L’ORDINARIO USO DI DROGHE ILLECITE QUANDO ERANO LECITE” – “QUANTO ALL’INTERVENTO CHE GLI CHIESI PER SEGNALARE IL MIO FRATELLASTRO A BERNARDO CAPROTTI, È TUTTO VERISSIMO: ANZI, MI SPIACE NON AVERLO MAI INCONTRATO PER RINGRAZIARLO” -  “DETTO QUESTO, NON CAPISCO PERCHÉ ROMPA TANTO E TIGNOSAMENTE I COGLIONI, MA PAZIENZA, IO…”

-

Condividi questo articolo


FILIPPO FACCI FILIPPO FACCI

Riceviamo e pubblichiamo

 

Caro Dago,

 

mi spiace molto che Stefano Lorenzetto si sia offeso perché ho rilevato che ha scritto delle inesattezze peraltro su un tema non proprio sulla bocca o sul naso di tutti: l’ordinario uso di droghe illecite quando erano lecite, ed erano considerate dei medicinali formidabili persino da due papi.

 

Quanto a «l’incredulo cattolicone veronese», anche qui: l’incredulo era riferito al suo atteggiamento circa quanto avevo scritto, non stavo soppesando la sua fede cattolica d’ambiente «Verità» e dintorni. Quanto alle mie fonti «formidabili», trovo singolare che un giornalista ne chieda a un collega, ma per così poco mi è sufficiente segnalargli il libro di Tim Madge «White Mischief: A cultural History of cocaine» che si trova anche su Amazon.

 

STEFANO LORENZETTO STEFANO LORENZETTO

Per quanto infine riguarda l’intervento che chiesi a Lorenzetto per segnalare il mio fratellastro a Bernardo Caprotti, ai tempi presidente dell’Esselunga, è tutto verissimo, e, anzi, mi spiace solo di non aver mai incontrato Lorenzetto per ringraziarlo: il mio fratellastro, fresco di laurea in Scienze della produzione alimentare col massimo dei voti, fu poi assunto all’Esselunga, anche se neppure io ho mai saputo se ci sia stato un intervento di Caprotti o no.

leone xiii, pubblicita vin mariani leone xiii, pubblicita vin mariani

 

Detto questo, Lorenzetto resta un cattolicone (grosso, grande cattolico) e resta di Verona (dove è nato) e non capisco che cosa ci sarebbe di «disonorevole» nella qualifica geografica, considerando che una parte dei parenti è veneta. Non capisco, insomma, perché rompa tanto e tignosamente i coglioni, ma pazienza, io torno comunque a ringraziarlo per quel probabile favore che mi fece – da lui elegantemente esibito – e sappia lo ricordo solo con simpatia: mi vanto di avere molti amici ebrei, gay, interisti e persino cattolici veronesi.

 

Filippo Facci

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

TAFACCI - MEME BY EMILIANO CARLI TAFACCI - MEME BY EMILIANO CARLI

 

 

 

 

 

 

 

filippo facci filippo facci IL PASSAGGIO INCRIMINATO DELL ARTICOLO DI FILIPPO FACCI SUL CASO LA RUSSA IL PASSAGGIO INCRIMINATO DELL ARTICOLO DI FILIPPO FACCI SUL CASO LA RUSSA

 

 

STEFANO LORENZETTO STEFANO LORENZETTO

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?