LA SCALA DIVISA! IN PALCO REALE COL FEZ, IN "SALA" CON LILIANA SEGRE E LA CGIL! DAVANTI ALL'INCUBO DI SEDERE ACCANTO A LA RUSSA, SALVINI E SANGIULIANO, AL SINDACO DI MILANO GIUSEPPE SALA È VENUTO UN COLPO. E SICCOME AVEVA DA TEMPO INVITATO LA SENATRICE A VITA, CHE NON CI PENSA PROPRIO A STARE ACCANTO AI LA RUSSA E AI SALVINI, SALA LI LASCIA AL LORO DESTINO E SIEDERÀ NELLA FILA D'ONORE IN PLATEA, VICINO A SEGRE - DEL RESTO, SERGIO MATTARELLA L'AVEVA CAPITO SUBITO COME SAREBBE FINITA E SE L'È DATA A GAMBE LEVATE - LA COMPAGINE GOVERNATIVA SARÀ NUTRITA ANCHE DA CASELLATI E SGARBI – L'AD RAI, ROBERTO SERGIO, PATTI SMITH E, FORSE, IL REGISTA PEDRO ALMODOVAR: LA LISTA DI CHI CI SARÀ…

Condividi questo articolo


 

sergio mattarella arriva alla scala sergio mattarella arriva alla scala

DAGOREPORT

La Scala divisa: in palco reale col fez, in "sala" con Liliana Segre e la Cgil! Davanti all'incubo di una prima fila in palco reale con La Russa, Salvini e Sangiuliano, al sindaco di Milano Giuseppe Sala, che è anche presidente del Teatro alla Scala, è venuto un colpo.

 

E siccome aveva da tempo invitato Liliana Segre, che non ci pensa proprio a stare accanto ai La Russa e ai Salvini, Sala siederà accanto a lei nella fila d'onore in platea. Del resto, Sergio Mattarella l'aveva capito come sarebbe finita e se l'è data a gambe levate.

 

Per la serata inaugurale del cartellone del teatro milanese, oltre al Capo dello Stato, ha dato forfait anche Giorgia Meloni. Le più alte cariche istituzionali (per assenza di istituzioni) che arriveranno sotto la Madonnina saranno dunque il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, il Vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, la Ministra per le Riforme Istituzionali, Maria Elisabetta Alberti Casellati, i Sottosegretari alla Cultura Gianmarco Mazzi e Vittorio Sgarbi, il Prefetto Claudio Sgaraglia, il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, i Senatori a vita Liliana Segre e Mario Monti, il Capo di Stato Maggiore Giuseppe Cavo Dragone.

ignazio la russa giorgia meloni alla scala ignazio la russa giorgia meloni alla scala

 

Per la Rai è atteso l’AD Roberto Sergio. Numerose le personalità del mondo dell’arte, dello spettacolo e della cultura: il soprano Raina Kabaivanska (che è stata Elisabetta nel 1964 con Gabriele Santini e nel 1969 con Claudio Abbado), le cantanti Ornella Vanoni e Patti Smith, l’artista Francesco Vezzoli, che ha partecipato alla mostra “Fantasmagoria Callas” presso il Museo Teatrale, curata dal Direttore Artistico del Maxxi di Roma Francesco Stocchi, anch’egli presente.

 

federica corsini e gennaro sangiuliano prima della scala 2022 federica corsini e gennaro sangiuliano prima della scala 2022

Sono attesi inoltre il Presidente della Triennale Stefano Boeri, l’architetto Mario Botta, che ha completato con la nuova torre di via Verdi il progetto di ampliamento dell’edificio storico del Piermarini, e l’editore Luca Formenton. Tra i numerosi volti del giornalismo spiccano Natalia Aspesi e Corrado Augias. Sorpresa dell’ultimo minuto potrebbe essere il regista spagnolo, Pedro Almodovar.

 

maria elisabetta alberti casellati alla scala 2022 maria elisabetta alberti casellati alla scala 2022

Il mondo del Teatro è rappresentato dall’attrice Andrea Jonasson, il direttore del Piccolo Teatro Claudio Longhi, la direttrice del Teatro Franco Parenti Andrée Ruth Shammah e la scenografa Margherita Palli;

 

particolarmente nutrita la pattuglia dei Teatri d’Opera con il Direttore Generale dell’Opèra di Parigi Alexandre Neef, il Direttore Generale e Artistico della Monnaie di Bruxelles Peter de Caluwe, il Direttore artistico del Real di Madrid Joan Matabosch e i Sovrintendenti dell’Accademia di Santa Cecilia Michele dall’Ongaro, dell’Opera di Roma Francesco Giambrone, del Carlo Felice di Genova Claudio Orazi, del Regio di Torino Mathieu Jouvain, del Comunale di Bologna Fulvio Macciardi. Con loro gli ex sovrintendenti del Teatro alla Scala Carlo Fontana e Alexander Pereira.

beppe sala dominique mayer attilio fontana beppe sala dominique mayer attilio fontana

 

Anche quest’anno il Sovrintendente ha voluto dare evidenza anche il 7 dicembre al balletto scaligero: seduti al suo fianco ci saranno le étoile Nicoletta Manni e Roberto Bolle e in sala troveranno posto i primi ballerini Antonella Albano, Martina Arduino, Alice Mariani, Virna Toppi, Marco Agostino, Timofej Andrijashenko, Claudio Coviello, Nicola Del Freo e Antonino Sutera.

IL PALCO REALE - PRIMA DELLA SCALA 2022 IL PALCO REALE - PRIMA DELLA SCALA 2022 beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022 beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022

 

beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022 beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022 beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022 beppe sala ursula von der leyen sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni palco reale scala 2022

ignazio la russa prima scala 2022 ignazio la russa prima scala 2022 PRIMA DELLA SCALA 2022 - STANDING OVATION PER SERGIO MATTARELLA PRIMA DELLA SCALA 2022 - STANDING OVATION PER SERGIO MATTARELLA

MEME SULLA PRIMA DELLA SCALA - BY DEMARCO MEME SULLA PRIMA DELLA SCALA - BY DEMARCO

 

federica corsini gennaro sangiuliano prima della scala 2022 federica corsini gennaro sangiuliano prima della scala 2022 gennaro sangiuliano federica corsini prima della scala 2022 1 gennaro sangiuliano federica corsini prima della scala 2022 1 sergio mattarella prima scala 2022 sergio mattarella prima scala 2022

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP