IL FLOP “FORTE, FORTE, FORTE” DELLA FARAONA CARRÀ STA AVENDO PESANTI RIPERCUSSIONI IN CASA RAI, ZONA CASSA. SECONDA E TERZA PUNTATA RIDOTTA A UNA E LA QUARTA GETTATA NEL CESTINO. DANNO CALCOLATO: CIRCA DUE MILIONI DI EURO

Per Heatjìher Parisi il talent “Assomiglia a certe recite scolastiche, ai saggi di fine corso, agli spettacoli da villaggio turistico. Concorrenti senza talento, una giuria incapace di andare oltre alle solite banali frasi di circostanza” – La Carrà scaricabarile…

Condividi questo articolo


1. DAGOREPORT

forte forte forte prima puntata (1) forte forte forte prima puntata (1)

Il flop “Forte, Forte, Forte” della faraona Carrà sta avendo pesanti ripercussioni in casa Rai, zona cassa. Visto che Japino, regista e padrone del talent, vive ormai da un pezzo nelle Filippine e avendo fretta di tornare a casa ha avuto l’ardire di registrare ben quattro puntate, così “al buio”, senza attendere l’esito, e Giancarlo Leone ora è costretto, davanti al disastro, di rimontare in un’unica puntata la seconda e la terza e di gettare nel cestino la quarta (in questo momento in registrazione). Danno calcolato: circa due milioni di euro (ogni puntata costa un milione e centomila).

forte forte forte giuria2 forte forte forte giuria2

 

2. PER HEATHER PARISI NON È UN TALENT MA UNA RECITA SCOLASTICA

E RAFFAELLA È L’ICONA CHE VUOLE FARE LA GIOVANE A OGNI COSTO

marco castoro per www.lanotizia.giornale.it

 

Il buongiorno si vede dal mattino. In tv invece si vede dalla prima puntata di un programma. “I talent sono il crepuscolo di una televisione a corto di idee. E Raffaella Carrà è la triste conferma che si vive di ricordi”. A dare questo giudizio sul suo blog è Heather Parisi, non l’ultima arrivata. Che non si limita a un commento superficiale ma affonda lo stiletto: “La mia idea di professionalità nello spettacolo è lavoro, studio e tanta gavetta. Esattamente il contrario di quanto accade in un talent.

giancarlo leone e giovanni minoli giancarlo leone e giovanni minoli

 

Lo show della Carrà fa di peggio. Assomiglia a certe recite scolastiche, ai saggi di fine corso, agli spettacoli da villaggio turistico. Concorrenti senza talento, una giuria incapace di andare oltre alle solite banali frasi di circostanza”. Un’analisi molto lucida e spietata che si conclude con questa sentenza: “La Carrà è un’icona che vuole fare la giovane a tutti i costi. E non sono sorpresa – conclude la Parisi - che Lorella Cuccarini non sia stata presa come giudice in uno show del genere. Le sue capacità e la sua professionalità, avrebbero fatto risaltare ancor di più la pochezza degli altri giurati”. 

 

3. CARRA’ SCARICABARILE

Alessandra Menzani per http://tremenza.it/carra-scaricabarile-con-il-silenzio-avrebbe-fatto-una-figura-migliore/

parisi heather 001 parisi heather 001

 

Non mi è piaciuta Raffaella Carrà che scarica la colpa sugli altri. D’accordo, lei è un’icona della nostra tv, ha fatto la storia del costume e non c’è nulla da dire. Ma la professionalità non sta solo in come ti mostri  sullo schermo, ma anche nella correttezza delle dichiarazioni che fai.

 

La prima puntata di Forte forte forte è stata un flop. Per gli ascolti (15% di share su Raiuno) e per critica. Giudici insulsi, formula vecchia, il format non è piaciuto.

Lorella Cuccarini Lorella Cuccarini

All’indomani della prima puntata, e dopo poche ore dai dati d’ascolto, Raffaella ha commentato la performance. E dalle sue parole sembra dare la colpa agli altri.

Primo: a Sergio Japino. “Sergio non mi ha fatto vedere la puntata durante il montaggio… Insomma anche io l’ho vista per la prima volta ieri sera, ma sono soddisfatta”.

 

Secondo: al conduttore Ivan Olita. “Ci sono state delle sbavature, solo quello però. Quanto al conduttore, è tutto nuovo per lui, in realtà un po’ per tutti…”.

Terzo: ai giudici. Joaquin Cortés Philipp Plein: “Solo io ho esperienza e Asia, una grande artista che capisce tutto al volo. Ivan ha 25 anni, è secco e diretto nella conduzione, deve ammorbidirsi un po’. Ma meglio secco che verboso”.

Non so chi curi la comunicazione della Carrà. Secondo me il silenzio sarebbe stata una scelta più azzeccata.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…