UN INCENDIO È SCOPPIATO NEL TIMBERLINE LODGE IN OREGON, L'HOTEL UTILIZZATO NEL 1980 DA STANLEY KUBRICK PER  "SHINING" - I VIGILI DEL FUOCO SONO RIUSCITI A SALVARE L'EDIFICIO DALLE FIAMME, PROVOCATE DALLE CENERI ARDENTI DI UNO DEI CAMINI - IL REGISTA USO' L'ALBERGO PER SCENE IN ESTERNO DELL'OVERLOOK HOTEL, ANCHE SE IN REALTA' STEPHEN KING SI ISPIRO' A… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


incendio al timberline lodge 1 incendio al timberline lodge 1

(ANSA) - Un incendio è scoppiato ieri sera nello storico hotel dell'Oregon usato nel 1980 da Stanley Kubrick per il suo classico dell'horror Shining. Le fiamme, provocate dalle ceneri ardenti di uno dei camini e limitate alle soffitte, sono state contenute due ore più tardi grazie all'intervento di quattro squadre di vigili del fuoco. Il Timberline Lodge di Mount Hood fu usato da Kubrick per girare scene del film con Jack Nicholson e Shelley Duvall tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King.

il timberline lodge in shining il timberline lodge in shining

 

Costruito interamente a mano e inaugurato nel 1937 dall'allora presidente Franklin Delano Roosevelt e dalla First Lady Eleanor, divenne monumento nazionale nel 1977. Kubrick usò l'albergo per scene in esterno, anche se King era stato ispirato da un altro grande hotel, lo Stanley in California. Vedute aeree del Timberline, trasformato nell'Overlook Hotel nella fiction cinematografica, aprono il film i cui interni furono girati negli Studi Elstree Studios dell'Hertfordshire in Inghilterra. (ANSA).

incendio al timberline lodge 4 incendio al timberline lodge 4 incendio al timberline lodge 2 incendio al timberline lodge 2 incendio al timberline lodge 3 incendio al timberline lodge 3 incendio al timberline lodge 5 incendio al timberline lodge 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI