“DOMANI” È VICINO -  DE BENEDETTI HA DATO APPUNTAMENTO IL 2 GIUGNO A DOGLIANI ALLA DIRIGENZA E ALLO STAFF CHE PARTECIPERÀ ALL'AVVENTURA DEL NUOVO QUOTIDIANO DIRETTO DA STEFANO FELTRI, "DOMANI" -  L’ATTACCO DI CDB AI FIGLI: “NON DOVEVANO PERMETTERSI DI VENDERE ‘REPUBBLICA’. UNA DECISIONE SCIAGURATA. I REGALI NON SI VENDONO - IL PRESTITO SACE A FCA? SERVONO CONDIZIONI” - LUCIA ANNUNZIATA CI SCRIVE: "NON SONO E NON SONO MAI STATA PARTE DEL PROGETTO DEL GIORNALE DI DEBENEDETTI E FELTRI" -  VIDEO

-

Condividi questo articolo

MAIL - LUCY SMENTITA

Caro dago grazie della citazione ma non sono e non sono mai stata parte del progetto del giornale di DeBenedetti e Feltri. grazie Lucia Annunziata

 

1 - DAGONEWS

CARLO DE BENEDETTI CARLO DE BENEDETTI

Carlo De Benedetti ha dato appuntamento il 2 giugno a Dogliani alla dirigenza e allo staff che parteciperà all'avventura del nuovo quotidiano diretto da Stefano Feltri, "Domani". Come madrina, ci sarà Lucia Annunziata che, pare, dicono, sembra, ha concluso un contratto con CDB di 150mila euro.

 

2 - INTERVISTA DI CARLO DE BENEDETTI A “PIAZZAPULITA”

https://www.la7.it/piazzapulita/video/lintervista-di-corrado-formigli-a-carlo-de-benedetti-28-05-2020-327591

 

lucia annunziata foto di bacco lucia annunziata foto di bacco

3 - CARLO DE BENEDETTI A PIAZZAPULITA CONTRO I FIGLI: "SCELTA SCIAGURATA VENDERE REPUBBLICA. ELKANN E IL PRESTITO FCA? SERVONO CONDIZIONI"

Da www.liberoquotidiano.it

 

"Non dovevano permettersi". Carlo De Benedetti, a Piazzapulita, critica nuovamente con durezza spropositata i suoi figli per la decisione (che definisce "sciagurata")  di vendere Gedi e cedere Repubblica a John Elkann. "Io avevo regalato ai miei figli l'azienda, e a me da piccolo hanno insegnato che i regali non si vendono". Pentito di aver ceduto la sua creatura agli eredi, l'Ingegnere però vuole "guardare avanti, a Domani (il suo nuovo giornale, ndr), non senza polemiche nei confronti del rivale Elkann.

stefano feltri stefano feltri

 

Corrado Formigli lo punzecchia sul caso del prestito di Stato per l'emergenza coronavirus a FCA e De Benedetti non si sottrae: "Credo che dovrebbero essere poste delle condizioni. L'Olanda, il Paese dove FCA ha sede legale, ha detto che gli aiuti che le aziende avranno dal governo impediranno alle stesse di distribuire i dividendi e aumentare gli stipendi dei manager. Copiamo l'Olanda...".

rodolfo carlo edoardo de benedetti con il paadre rodolfo carlo edoardo de benedetti con il paadre

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute