“X FACTOR”, COME SI CAMBIA PER NON MORIRE - È ARRIVATO L'ANNUNCIO UFFICIALE DI SKY E FREMANTLE SULLA PROSSIMA EDIZIONE DEL TALENT: COME CANDELA-ANTICIPATO, GIORGIA È LA NUOVA CONDUTTRICE MENTRE AL TAVOLO DEI GIUDICI ARRIVANO ACHILLE LAURO, PAOLA IEZZI, JAKE LA FURIA E MANUEL AGNELLI – IL PROGRAMMA RIPARTIRÀ A SETTEMBRE MENTRE LE REGISTRAZIONI DELLE PRIME AUDIZIONI SONO PREVISTE PER IL 6 E IL 7 GIUGNO – UN CAMBIO OBBLIGATO VISTO I RISULTATI DELUDENTI DEGLI ULTIMI ANNI…

-

Condividi questo articolo


x factor 2024 x factor 2024

(ANSA) - Da settembre si riparte e tutto cambia, o quasi. È arrivato l'annuncio ufficiale sulla prossima edizione di X Factor: Giorgia è la nuova conduttrice del talent in onda su Sky (e in streaming su Now) e al tavolo dei giudici siede una formazione inedita, composta da Achille Lauro, Paola Iezzi, Jake La Furia e da Manuel Agnelli, giudice veterano al suo ritorno nel programma.

 

X Factor riparte a settembre completamente rinnovato, dunque, e le registrazioni delle prime audizioni partono il 6 e 7 giugno. Per Giorgia, che prende il posto di Francesca Michielin, si tratta di un ruolo inedito, anche se quest'anno è stata co-conduttrice di una serata di Sanremo.

 

paola iezzi paola iezzi

È quindi un'altra cantante, nonché una delle voci più apprezzate e riconoscibili della musica italiana, a guidare lo show già dalle selezioni quando, dietro le quinte, accoglierà i talenti in gara prima e dopo la loro esibizione, e poi fino al palco dei Live Show in diretta, quando darà i tempi alla gara tra artisti sul palco, giudici al tavolo e gli ospiti in arrivo tra le puntate.

 

Il quartetto dei giudici vede invece tra le proprie fila tre new entry e un ritorno: grande novità è l'arrivo di Achille Lauro che, dopo l'esperienza ad Extra Factor nel 2019, questa volta si cimenta con un ruolo più corposo, portando la sua personalità istrionica, tra urban e glam, al servizio dei nuovi talenti. Paola Iezzi, metà del duo Paola & Chiara, rappresenta l'anima più pop del tavolo, mentre dal rap duro e puro arriva Jake La Furia, ovvero uno dei tre Club Dogo. Il rocker Manuel Agnelli è infine il giudice più rodato, in rientro a X Factor forte di un'esperienza di cinque edizioni. Tutte da scoprire le dinamiche fra loro e soprattutto le scelte in merito ai concorrenti.

manuel agnelli manuel agnelli

 

Antonella d'Errico, executive vice president content Sky Italia, ha tenuto a sottolineare: "Inauguriamo X Factor 2024 con grandi novità, per un'edizione rinnovata nel cast artistico e con la missione costante di ricercare il vero talento e aiutarlo a sbocciare. C'è una grande energia al nuovo tavolo dei giudici, voglia di scoprire nuovi progetti musicali, intrattenere e divertirsi.

 

jake la furia jake la furia

Diamo quindi un caloroso benvenuto a Paola, Achille e Jake, e un grande bentornato a Manuel, uno dei giudici più amati di X Factor. E con grande soddisfazione annunciamo una conduzione inedita e sorprendente: Giorgia entra a far parte della famiglia di X Factor. Per lei e per la sua carriera gli aggettivi non bastano mai, siamo stati letteralmente travolti dalla sua voglia di mettersi alla prova in una veste ancora nuova e siamo orgogliosi che abbia deciso di farlo sul nostro palco. E non posso non ringraziare di vero cuore la nostra Francesca Michielin".

giorgia 1 giorgia 1

 

Per Marco Tombolini, ceo Fremantle: "Una delle grandi doti di X Factor è sempre stata la capacità di reinventarsi ogni volta, pur rimanendo fedele alla sua storia. È questa la sfida, dal punto di vista produttivo ed editoriale: consolidare un format iconico, accogliendo stimoli e suggestioni dalla contemporaneità con l'ambizione di guardare al futuro.

 

achille lauro achille lauro

È per questo che siamo felici di continuare a collaborare con Sky a una nuova stagione di X Factor all'insegna del cambiamento e dell'eccellenza. Insieme, con un cast artistico che ci entusiasma, costruiremo il palcoscenico che i sogni e le aspirazioni dei nostri concorrenti meritano".

achille lauro 1 achille lauro 1 giorgia giorgia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...