1. NÉ TRUCCO NÉ PARRUCCO! A FINE STAGIONE ANTONIO CONTE DIRÀ ADDIO ALLA JUVE: IN STATO AVANZATO LE TRATTATIVE PER APPRODARE AL CHELSEA DI ABRAMOVICH - 2. IL CERVELLO ANDREA AGNELLI E IL CASSIERE KAKY ELKANN NE SONO A CONOSCENZA E NON DISPIACE LORO GRANCHÈ: ALL’ORIGINE DELLA DECISIONE DI CHIUDERE CON LE ZEBRE, LE DIVERGENZE (EUFEMISMO: NON SI PARLANO) CON CLAUDIO ALBANESE, RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE DELLA SOCIETÀ E UOMO-RELAZIONI DI ANDREA AGNELLI - 3. MONOMANIACO SUL CALCIO, IL PARRUCCHINATO NON APPROVA LE DECISIONI MARKETING DI AGNELLI-ALBANESE DI MONETIZZARE I DIRITTI D’IMMAGINE DELLA SQUADRA

Condividi questo articolo

DAGOREPORT
La sua panchina è sempre stata considerata blindata e nel toto-allenatori non c'è mai finito. Neanche per gioco. E invece Antonio Conte e la sua folta criniera a fine stagione lasceranno la Juventus. Sono in stato avanzato, infatti, le trattative che dovrebbero portarlo alla guida del Chelsea. Roman Abramovich vuole a tutti i costi l'allenatore bianconero per avviare un nuovo ciclo vincente con i "blues".

ANDREA AGNELLI ANTONIO CONTEANDREA AGNELLI ANTONIO CONTE antonio conteantonio conte

Andrea Agnelli, che gioca a fare il presidente con i soldi di Yaki Elkann, è a conoscenza delle intenzioni del magnate russo e non hanno posto alcun veto all'addio. Anzi. I rapporti tra Conte e la dirigenza juventina sono ai minimi termini già da tempo. Azzerati anche i contatti con il "pontiere" Claudio Albanese - responsabile della comunicazione della società e uomo-relazioni di Andrea Agnelli.

Alla base della frattura, i contrasti sulle modalità di gestione della squadra.
La dirigenza (che ha bisogno di maggiori incassi dopo gli maxi-investimento sullo stadio) vorrebbe sfruttare al massimo i diritti d'immagine dei calciatori, monetizzando su ogni occasione di marketing (spot, amichevoli all'etero, promozioni) mentre il tecnico salentino reclama una gestione più disciplinata e senza fronzoli.

ANDREA AGNELLI ANTONIO CONTE JOHN ELKANNANDREA AGNELLI ANTONIO CONTE JOHN ELKANN

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

PIPPITEL – I FRIGNONI E GLI SCAZZI FAMILIARI DI “C’È POSTA PER TE” SU CANALE 5 NON HANNO RIVALI: MARIA LA SANGUINARIA CONQUISTA IL SABATO SERA CON IL 29.6% - SU RAI1 “AFFARI TUOI” SI FERMA AL 16.8% - SU RAI3 “LA DANNAZIONE DELLA SINISTRA – CRONACHE DI UNA SCISSIONE” (4.4%), SU ITALIA 1 “KUNG FU PANDA 3” (4.6%) – “STRISCIA” (17.2%), GRAMELLINI SU RAI 3 (6.9%), GENTILI (5%), GRUBER (4.8%) – NEL POMERIGGIO “AMICI”  20.6% ANNIENTA LA PEREGO CHE CALA ANCORA AL 2.4%

politica

“DOBBIAMO DIRE MESSA CON I FRATI CHE CI SONO” – IL VOLTO DEL DECADIMENTO DELLA CLASSE POLITICA ITALIANA E' BEN RAPPRESENTATO DA BRUNO TABACCI. UN POLITICO PER TUTTE LE MEZZESTAGIONI CHE CONTE HA ARRUOLATO COME “PASTORE” PER CERCARE PECORELLE “RESPONSABILI”: “CREDO CHE PUNTELLARE LA MAGGIORANZA SIA POSSIBILE, ANCHE SE SERVE UN VENTAGLIO DI FORZE PIÙ AMPIO. IL RIMPASTINO NON BASTA. PERÒ NON C'È ALTERNATIVA A CONTE” – “IPOTESI GOVERNISSIMO? UNA SCIOCCHEZZA TOTALE. DRAGHI? IL SUO NOME NON È SUL TAVOLO: È UNA BUFALA DI RENZI…”

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute