PERCHÉ I GIORNALI SONO UN BENE ESSENZIALE? – UN LETTORE SCRIVE A CAZZULLO LAMENTANDOSI DEGLI EDICOLANTI ‘PRIVILEGIATI’: “SE PER 15 GIORNI NON SI COMPRA IL GIORNALE NON CASCA IL MONDO” – IL GIORNALISTA NON VEDEVA L’ORA E RISPONDE LODANDO CHI GLI FA GUADAGNARE DAVVERO LO STIPENDIO (GLI EDICOLANTI, NON CAIRO): “FANNO UNA VITA DIFFICILE E TENGONO DURO IN MOMENTI CRITICI. SE C’È UNA CATEGORIA CUI NON SI PUÒ ACCOSTARE LA PAROLA PRIVILEGIO SONO LORO”

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Lettera di Andrea Comis al “Corriere della Sera”

 

edicolanti coronavirus 3 edicolanti coronavirus 3

Caro Aldo, mi deve spiegare in base a quale logica le edicole sono aperte mentre la gran parte dei negozi è chiusa. Se non si deve uscire di casa, non si deve uscire né per comprare un paio di scarpe né per comprare il giornale, tanto più che oggi stando a casa si possono avere tutte le notizie del mondo. Se si devono fare dei sacrifici, questi li devono fare tutti: gli edicolanti come gli altri esercenti, senza categorie privilegiate. Se per 15 giorni non si compra il giornale non casca il mondo.

 

La risposta di Aldo Cazzullo

edicolanti coronavirus 2 edicolanti coronavirus 2

 

Caro Andrea, non sono d' accordo con lei. Domenica scorsa il nostro direttore Luciano Fontana ha già spiegato perché è giusto che i giornali continuino a uscire, e le edicole a restare aperte. Lei dice che le notizie si sanno già.

 

aldo cazzullo foto di bacco aldo cazzullo foto di bacco

Non è sempre così. Moltissime persone non usano Internet. Non bisogna dare nulla per scontato. In tanti apprendono ancora le notizie dai quotidiani. Lei dirà: avranno visto i telegiornali. La mia opinione è che scrivere su un quotidiano consente una libertà di raccontare le cose come stanno che non sempre ci si può prendere in televisione, quando ci si rivolge a milioni - per un tg talora a decine di milioni - di persone che a volte non hanno filtri critici e sono talora altamente suggestionabili.

 

È vero che la carta è ormai solo una parte della grande macchina di notizie, dati, reportage, commenti, newsletter che sono diventate le nostre redazioni. Ma è una parte che si rivolge a una popolazione che - non sempre, ma spesso - usa poco il web e nello stesso tempo è avvertita, informata, bisognosa di approfondimenti anche critici.

 

edicolanti coronavirus edicolanti coronavirus

Lei, gentile signor Comis, scrive che gli edicolanti non devono avere privilegi. Ma se c' è una categoria cui non si può accostare la parola «privilegio» sono gli edicolanti. Fanno una vita difficile, si alzano nel cuore della notte, stanno al freddo d' inverno, al caldo d' estate, e tengono duro in momenti critici, rappresentano un presidio di informazione e di socialità. In questi anni ne ho conosciuti molti, e sono loro profondamente grato. E mi lasci ricordare anche i distributori dei giornali, che lavorano altrettanto duro, hanno diversificato l' offerta di servizi, e in questo tempo di quarantena sono utilissimi.

edicolanti coronavirus 1 edicolanti coronavirus 1 edicolanti coronavirus 4 edicolanti coronavirus 4 edicolanti coronavirus 5 edicolanti coronavirus 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute