RAI, IN TRE PER UNA POLTRONA: SANGIULIANO, SCIARELLI E PATERNITI IN CORSA PER IL TG1. LA PATERNITI, SORELLA DI FABIOLA GIÀ PORTAVOCE DI ANTONIO DI PIETRO, È MOLTO APPREZZATA DA MARIA CHIARA RICCIUTI, BRACCIO DESTRO DI ROCCO CASALINO - SEMBRA DEFINITIVAMENTE USCITO DALLA PARTITA PER IL TG DELLA RETE AMMIRAGLIA FRANCO DI MARE, DOPO IL RITRATTO DI TRAVAGLIO

-

Condividi questo articolo


Marco Antonellis per Dagospia

SCIARELLI IACONA COLETTA BERLINGUER SCIARELLI IACONA COLETTA BERLINGUER

 

Le tensioni politiche sulla manovra economica esplose nei giorni scorsi tra gli alleati di governo non potevano non avere dei riflessi anche sulla questione Rai, la cui soluzione è stata rimandata per cause di forza maggiore di qualche giorno. A riaprire le danze è stato subito Luigi Di Maio che ad approvazione della manovra economica ancora calda andava da Lucia Annunziata per dire che "Salini e Foa sono la nostra la garanzia di indipendenza e hanno il mandato di ristabilire il merito. Fossi in loro, valorizzerei le risorse interne alla Rai, dando il messaggio di premiare il merito".

 

Giuseppina Paterniti Giuseppina Paterniti

Fonti del settimo piano di Viale Mazzini danno per imminente la convocazione del Cda che dovrebbe decidere le direzioni di Reti e Tg, così come rivelano che sono continuati sottotraccia, a dispetto delle burrascose ore che si sono vissute a Palazzo Chigi, gli incontri e i colloqui tra gli sherpa delle due parti politiche (Lega e 5Stelle) per definire le caselle (Di Maio in prima persona ha seguito la vicenda mandando "messaggi" alle parti).

 

gennaro sangiuliano (2) gennaro sangiuliano (2)

Non tutti i nodi, però, sono ancora sciolti. La poltrona del Tg1, la più importante, è quella che sta dando i maggiori problemi. Federica Sciarelli rimane in corsa, così come non molla la presa Gennaro Sangiuliano (dato in grande ascesa in queste ultime ore e forte di un curriculum a prova di "meritocrazia").

 

Sembra definitivamente uscito dalla partita per il Tg della rete ammiraglia Franco Di Mare, dopo il ritratto che gli ha dedicato senza troppi complimenti Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano. Rimane in corsa anche Giuseppina Paterniti, sorella di Fabiola già portavoce di Antonio Di Pietro, molto apprezzata da Maria Chiara Ricciuti braccio destro di Rocco Casalino a Palazzo Chigi e un tempo anche lei con Di Pietro all'Italia dei Valori.

Maria Chiara Ricciuti Maria Chiara Ricciuti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO