SARÒ FRANCA - IL 22 GIUGNO LA LEOSINI RICEVERÀ IL “PREMIO HEMINGWAY”: “UN GRANDE COMPLIMENTO CHE MI HANNO FATTO È CHE HO LE OSSA ELEGANTI. LE QUOTE ROSA? NON SONO D'ACCORDO, LE RITENGO UNA SORTA DI GHETTIZZAZIONE IMPROPRIA. CREDO SOLO ALLA "QUOTA QUALITÀ" - COME NASCE LA MIA MESSA IN PIEGA? MI LAVO E MI ASCIUGO I CAPELLI, SPAZZOLA E PHON, POI MI METTO I…”

-

Condividi questo articolo

Silvia Fumarola per “la Repubblica”

 

franca leosini intervistata foto di bacco franca leosini intervistata foto di bacco

Ha uno stile da lady anche quando parla di «ardori lombari», spiega asciutta a Sabrina Misseri: «Lei era sentimentalmente genuflessa» o sintetizza: «Lui inforcò le mutande».

Franca Leosini, regina di Storie maledette su Rai 3 (a giugno andrà in onda uno speciale, in autunno ricomincerà la serie) è una donna di rara simpatia. Parla di delitti efferati come se dovesse scegliere un taglio di shantung, studia migliaia di carte e ha un lessico tutto suo. Il 22 giugno con Emmanuel Carrère, Federico Rampini, Eva Cantarella e Riccardo Zipoli riceverà il premio Hemingway. I "leosiners" la seguono come un guru, sui social è un fenomeno («Vorrei la Leosini come voce fuori campo della mia vita»).

franca leosini franca leosini

 

Che effetto fa?

«Mi fa molto piacere, ma la mia più grande soddisfazione è vedere la mia foto nel negozio del verdumaio (lei chiama così il verduraio, ndr ), tra pomodori e peperoni».

 

Signora Leosini, come si diventa un' icona?

«Intanto, mi faccia il favore, non usi la parola signora. Non mi piace».

 

Non è una signora?

«Sono Franca. E basta. Le signore stanno nei salotti, le giornaliste sui marciapiedi».

 

Lei più spesso nelle carceri.

franca leosini e i fratelli castagna franca leosini e i fratelli castagna

«È vero. Ma è così interessante studiare i delitti, puoi raccontare l'Italia e i cambiamenti del paese attraverso la cronaca nera. I delitti passionali avvengono al Sud come al Nord. Sono sempre stata una lettrice onnivora ma l'attenzione per il noir è iniziata con Telefono giallo. Scrivevo del delitto Grimaldi per Il Tempo. Fui chiamata da Corrado Augias per ricostruire l'inchiesta. Il direttore di Rai 3 Angelo Guglielmi mi chiese di raccontare altre storie».

 

franca leosini storie maledette franca leosini storie maledette

Cosa la incuriosisce dei delitti?

«L'aspetto umano. Ci sono storie pazzesche, cinematografiche. Matteo Garrone ha tratto due film da due casi di Storie maledette: il collezionista di anoressiche ha ispirato Primo amore e il nano di Termini L'imbalsamatore ».

 

Come lavora?

massimo e franca leosini massimo e franca leosini

«Studio le carte. L'avvocato Coppi per il delitto di Avetrana mi consegnò diecimila pagine».

 

Non le avrà lette tutte.

«Studio caso per caso e so come leggere le carte processuali. Devo sapere come sono andate le cose. A febbraio per i 110 anni dell'Associazione nazionale magistrati ho parlato davanti a cinquecento giudici».

 

I fan che la incontrano cosa le chiedono?

«Perché non scrive un libro? E io rispondo: perché aspetto in libreria la biografia di Belen. Devo fare le cose al meglio, in ogni puntata scrivo un libro. Se pensa che Sciascia scriveva un libro sette volte».

 

È napoletana: cosa la colpisce di quello che succede nella sua città?

franca leosini 2 franca leosini 2

«La paranza dei bambini, sono ragazzini che sparano senza pietà. Ma nel disprezzo della vita, mai toccherebbero i propri genitori».

 

Cosa la impressiona negli incontri che fa?

«Quello che colpisce il pubblico, credo: che spesso gli assassini non sono professionisti del crimine, sono caduti nel vuoto di una storia maledetta. Non somigliano al delitto che hanno commesso».

 

Capisce sempre chi ha davanti?

«Mi formo un' idea precisa, sì. Non giudico, cerco di capire e racconto».

 

Ha un lessico tutto suo, come nasce?

«Il linguaggio è importante, e quello è il mio modo di parlare. Bisogna avere la fortuna di avere un talento, detto senza arroganza. C' è chi sa suonare uno strumento. Io ho una certa capacità dialettica».

 

La fermano per strada come una star. Suo marito, che dice?

franca leosini franca leosini

«Mio marito è mio fan. Che fa? Sopporta. Devi avere accanto uomini pazienti se fai televisione. Però dico sempre che quando si ha poco tempo per stare insieme si ha anche poco tempo per litigare».

 

Lei è un' icona gay.

«Da sempre. I gay si sono avvicinati a me e alle mie idee perché sono idee di grande libertà e apertura. La parola tolleranza non esiste nel mio vocabolario, perché non devo tollerare nessuno. Sono stata felice per i matrimoni gay. Cosa viene tolto agli altri se gli omosessuali conquistano i diritti civili? Secondo me si accresce la serenità sociale quando le persone sono regolarmente inserite».

franca leosini franca leosini

 

Sostiene anche le adozioni delle coppie gay?

«Ma certo. Chi ha avuto la fortuna di avere figli in modo naturale dovrebbe appoggiare chi vuole diventare genitore con un atto di grande generosità e sensibilità».

 

Andrà al Gay pride?

«Andrò il 2 giugno a una serata speciale prima del Gay pride che non mi convince, perché per me quello è un modo per ghettizzarsi. Nessuno è diverso. I diversi sono quelli che rubano e uccidono».

 

È sempre elegantissima, ha un debole per la moda?

«Mi piace essere in ordine. Compro io i vestiti. Un grande complimento che mi hanno fatto è che ho le ossa eleganti».

 

Quella messa in piega che intimorisce un po' come nasce?

franca leosini sulle magre franca leosini sulle magre

«Ma per carità, mi lavo e mi asciugo i capelli, spazzola e phon, poi mi metto i bigodini. Ho tanti capelli».

 

Riccardo Milani l'ha voluta nel film "Come un gatto in tangenziale", Baglioni l' ha invitata a Sanremo, ma non va spesso in tv.

«Dico tanti no, e mi scuso coi colleghi. Ma non amo andare in giro, lavoro. Quando mi ha chiamato Riccardo l'idea mi ha divertito, anche se all'inizio ho pensato a uno scherzo».

franca leosini avetrana franca leosini avetrana

 

Che pensa delle battaglie delle donne?

«Non sono d' accordo con le quote rosa, credo solo alla "quota qualità". Ritengo le cosiddette quote rosa una sorta di ghettizzazione impropria».

franca leosini e rudy guede storiemaledette 19 franca leosini e rudy guede storiemaledette 19 franca leosini e rudy guede storiemaledette 17 franca leosini e rudy guede storiemaledette 17 franca leosini e rudy guede storiemaledette 23 franca leosini e rudy guede storiemaledette 23 franca leosini e rudy guede storiemaledette 24 franca leosini e rudy guede storiemaledette 24 franca leosini e rudy guede storiemaledette 18 franca leosini e rudy guede storiemaledette 18 franca leosini e rudy guede storiemaledette 25 franca leosini e rudy guede storiemaledette 25 franca leosini franca leosini franca leosini queen franca leosini queen claudio baglioni franca leosini copia claudio baglioni franca leosini copia franca leosini interviste possibili franca leosini interviste possibili FRANCA LEOSINI BERLUSCONI SARX FRANCA LEOSINI BERLUSCONI SARX franca leosini style franca leosini style Franca Leosini Come un gatto in tangenziale Franca Leosini Come un gatto in tangenziale franca leosini franca leosini franca leosini storie maledetti sabrina misseri franca leosini storie maledetti sabrina misseri

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO-BOMBA! MERCOLEDÌ A ''LIVE - NON È LA D'URSO'' ELIANA MICHELAZZO, UNA DELLE AGENTI DI PAMELA PRATI, RIVELERÀ CHE MARK CALTAGIRONE NON ESISTE, E ANCHE IL SUO MARITO SIMONE COPPI È UN PERSONAGGIO DI FANTASIA - LEI SAREBBE DA 10 ANNI PRIGIONIERA DELL'INCANTESIMO DI PAMELA PERRICCIOLO, E DICE DI AVERE DUE POSSIBILITA': O ESPATRIARE E SPARIRE PER SEMPRE, O ENTRARE NELLA CASA DEL ''GRANDE FRATELLO''! UN FINALE DIABOLICO PER LA GRANDE TRUFFA DEL GOSSIP - ORA ARRIVA IL COMUNICATO STAMPA DI MEDIASET

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute