1. NEGLI STATI UNITI SI PARLA MOLTO DEL THRILLER “GONE GIRL” CHE APRE CON LA LINGUA DI BEN AFFLECK CHE PRATICA UN CUNNILINGUS E TERMINA CON UN’INQUADRATURA SUL SUO PENE 2. IN PASSATO UNA SCENA SIMILE DI ORGASMO FEMMINILE, SAREBBE STATA CENSURATA E VIETATA AI MINORI DALLA “MOTION PICTURE ASSOCIATION OF AMERICA” (MPAA), CHE NEGLI ANNI HA FATTO DI TUTTO PER COPRIRE DI VERGOGNA QUALSIASI ATTO ORALE DI UOMINI VERSO DONNE 3. L’IPOCRISIA DELLA CENSURA USA: E' LECITO CHE UNA DONNA RICEVA PIACERE DA UN’ALTRA DONNA, COME IN “BLACK SWAN” DOVE MILA KUNIS SI ADOPERAVA PER FAR GODERE NATALIE PORTMAN, MA DA UN UOMO ASSOLUTAMENTE NO. QUINDI, VEDERE BEN AFFLECK CHE SODDISFA UNA DONNA IN UNO DEI FILM PIÙ ATTESI DELL’ANNO, È UN PASSO NELLA GIUSTA DIREZIONE

Condividi questo articolo

da www.dailybeast.com

 

BEN AFFLECK GONE GIRL BEN AFFLECK GONE GIRL

«Ecco com’è la femminilità della donna moderna» dice Rosamund Pike, l‘attrice inglese che interpreta Amy Elliott-Dunne nel film “Gone Girl”, diretto da David Fincher. La protagonista non viene rappresentata come il solito guscio di donna che desidera solo conferme dal suo uomo, e non si presta al passivo spettacolo erotico che soddisfa la brama maschile. Così, la prima volta che lei e suo marito Nick, interpretato da Ben Affleck, fanno l’amore, è lui che agisce e che pratica un cunnilingus. La telecamera riprende in primo piano la faccia estasiata di Amy.

 

In passato una scena simile di orgasmo femminile, sarebbe stata censurata e vietata ai minori dalla “Motion Picture Association of America” (MPAA), che negli anni ha fatto di tutto per coprire di vergogna qualsiasi atto orale di uomini verso donne. Recentemente è successo a Shia LaBeouf in una scena dove faceva godere Evan Rachel Wood, idem per Ryan Gosling e Michelle Williams in “Blue Valentine”.

 

Amy Elliott-Dunne nel film Gone Girl Amy Elliott-Dunne nel film Gone Girl

L’ipocrisia sta nel fatto che nello stesso periodo usciva in sala anche “Black Swan” dove Mila Kunis si adoperava per far venire Natalie Portman, e tutto andava bene. Il messaggio della MPAA è chiaro: lecito che una donna riceva piacere da un’altra donna, ma da un uomo assolutamente no.

 

Lo stesso Gosling si lamentò: «Ci sono tantissimi film in cui un uomo riceve sesso orale da una donna. Qui avviene il contrario e non so perché viene percepito come un atto pornografico». Stessa sorte era toccata al film “Boys Don’t Cry” nel 1999, tagliato proprio sull’orgasmo femminile che, secondo la MPAA, durava troppo a lungo.

 

Quindi, vedere Ben Affleck che soddisfa una donna in uno dei film più attesi e più caldi dell’anno, è un passo nella giusta direzione.

 

2. NON SOLO IL PENE, ANCHE IL CULO!

da www.vulture.com

 

BEN AFFLECK IN GONE GIRL CON RAGAZZA MORTA BEN AFFLECK IN GONE GIRL CON RAGAZZA MORTA

Del thriller coniugale “Gone Girl” si parla molto su internet, soprattutto fa furore la notizia che si veda per intero il pene di Ben Affleck. Non si capisce se sia vero. L’attore stesso assicura “una breve nudità”. I giornalisti che hanno visto il film, assicurano che ”il membro” c’è, al 100%, ma le giornaliste pare lo abbiano perso. Forse perché esiste una versione del “salame” tagliato.

 

Se il pene viene mantenuto nell’inquadratura, arriverà comunque verso la fine della pellicola, nel momento in cui Ben va a farsi la doccia. Memorizzatelo e non distraetevi. Potreste non vedere il pene, ma di sicuro vedrete il suo culo. Un bel culo, non c’è che dire.

ben affleck semi nudo in gone girl 3 ben affleck semi nudo in gone girl 3

 

Ma resistete alla tentazione di fissarlo, non focalizzatevi lì, perché è in questo momento che appare il suo pene. Evviva! C’è da stappare lo champagne. Se lo perdete, probabilmente lo vedrete presto fotografato su “Tumblr”.

ben affleck semi nudo in gone girl 1 ben affleck semi nudo in gone girl 1 ben affleck semi nudo in gone girl 2 ben affleck semi nudo in gone girl 2 BEN AFFLECK IN GONE GIRL CON RAGAZZA MORTA BEN AFFLECK IN GONE GIRL CON RAGAZZA MORTA ben affleck semi nudo in gone girl 4 ben affleck semi nudo in gone girl 4

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute