VUOI FARE IL GIORNALISTA? TROVATI UN PADRONE RICCO - AL PETTINATISSIMO FESTIVAL DEL GIORNALISMO DI PERUGIA UNO DEGLI EVENTI È DEDICATO A ''FARSI FINANZIARE DALLE FONDAZIONI PIÙ IMPORTANTI'' (TESTUALE) E TRA I RELATORI CI SARANNO UN MEMBRO DI OPEN SOCIETY (SOROS) E UNO DELLA BILL & MELINDA GATES FOUNDATION. PER IMPARARE A SCRIVERE ARTICOLI-MARKETTA SUI TEMI CHE STANNO A CUORE AI PADRONI ''BUONI'' - AH, IL 'MAIN SPONSOR' DEL FESTIVAL E' FACEBOOK

-

Condividi questo articolo

Gustavo Bialetti per ''La Verità''

 

FESTIVAL DEL GIORNALISMO DI PERUGIA COME FARSI PAGARE DALLE FONDAZIONI FESTIVAL DEL GIORNALISMO DI PERUGIA COME FARSI PAGARE DALLE FONDAZIONI

Cosa fa parte del bagaglio del buon giornalista? Le «cinque W», un' esposizione lineare e asciutta, la cura delle fonti, la capacità di destreggiarsi nelle aule della politica e della giustizia, le basi deontologiche. E poi, che altro? Ma certo, il fatto di essere bravo a mettersi a libro paga di una fondazione milionaria.

Ne sembrano convinti al Festival internazionale del giornalismo, che si terrà a Perugia dal 3 al 7 aprile 2019.

 

Uno degli eventi in programma si intitola proprio così, senza alcun paludamento: «Come farsi finanziare dalle più importanti fondazioni al mondo». La spiegazione è pure peggio: «In che modo alcune delle fondazioni più importanti al mondo che si occupano di supportare i media e il giornalismo decidono chi o cosa finanziare? Cosa cercano veramente? Quali idee le entusiasmano e quali non le convincono? Perché dicono di no alla tua proposta?». Tra i relatori, un membro di Open society (quella di George Soros) e uno della fondazione di Bill Gates.

 

GEORGE SOROS EMMA BONINO GEORGE SOROS EMMA BONINO

Mettere nero su bianco che un giornalista si debba chiedere «cosa cercano veramente» degli enti di questo tipo, con una loro agenda politica ben precisa, e poi regolarsi di conseguenza, significa più o meno recitare l' epitaffio di una professione che, un tempo, dell' autonomia dal potere si faceva un vanto.

 

E, tanto per gradire, main sponsor dell' evento è Facebook. Cioè una multinazionale che, da posizione di forza, dettando le sue regole al mondo dell' informazione, ben sapendo che una modifica del tutto arbitraria al suo algoritmo può significare la morte istantanea di una testata on line. È la stampa, bellezza. O quel che ne rimane.

MARK ZUCKERBERG OCULUS MARK ZUCKERBERG OCULUS zuckerberg zuckerberg

bill gates bill gates

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute