L'AUTUNNO STA FINENDO – TORNA IL MALTEMPO A CAUSA DELLA DISCESA DI ARIA POLARE DAL NORD EUROPA - GIÀ DA DOMANI, E POI NEL WEEKEND, LE TEMPERATURE ANDRANNO SOTTO LA MEDIA STAGIONALE, CON PIOGGE, NUBIFRAGI E ANCHE NEVICATE - DA MARTEDÌ PROSSIMO DOVREBBE ESSERCI UN MIGLIORAMENTO, CON SOLE IN GRAN PARTE DELL'ITALIA, MA DI NOTTE FARÀ FREDDO E ARRIVERANNO LE GELATE….

-

Condividi questo articolo


FREDDO POLARE DAL NORD FREDDO POLARE DAL NORD

Da www.ilmessaggero.it

 

Colonnina di mercurio giù in picchiata nei prossimi giorni. Dopo una breve tregua, la discesa di aria polare dal Nord Europa che sta portando nuovamente il maltempo sull’Italia sta assumendo caratteristiche via via più rigide. Insomma dal prossimo weekend irrompe l'inverno vero, portando il rischio nubifragi in molte città italiane. A non lasciare molte speranze su un possibile ritorno al mite autunno è il meteorologo Edoardo Ferrara, di 3bmeteo.com.

pioggia 3 pioggia 3

 

Può dirci cosa ci aspetta nei prossimi giorni? 

«Stiamo assistendo in queste ore a  temporali e piogge abbondanti che stanno colpendo soprattutto Toscana, Lazio, Sicilia, Calabria e Puglia, ma in giornata pioverà anche sul resto delle regioni. Da domani poi inizierà ad affluire aria via via più fredda in quota e le perturbazioni colpiranno duramente le regioni tirreniche dalla Toscana alla Campania. Non si escludono anche nubifragi. Però quello di oggi è solo un piccolo assaggio di quello che accadrà nei prossimi giorni»

il vento il vento

 

In che senso, dobbiamo preoccuparci?

«No, ma le temperature caleranno notevolmente fino a raggiungere picchi sotto la media stagionale. Tra venerdì e il weekend  altri impulsi freddi e instabili dal Nord Europa affonderanno il colpo sull’Italia e il Mediterraneo in generale  con ulteriori piogge, rovesci e temporali specie al Nordest e ancora una volta sulle regioni tirreniche, ma con fenomeni sparsi possibili anche sul resto d’Italia. 

 

pioggia 2 pioggia 2

Non mancheranno precipitazioni locali di forte intensità,  tra l’altro anche con frequenti grandinate, seppur localizzate. In questa fase ulteriore ci sarà un ulteriore calo delle temperature a partire dal Nord, dove si respirerà aria d’inverno, ma progressivamente anche sul resto della Penisola. Il tutto accompagnato da venti a tratti forti e burrascosi tra Scirocco e Libeccio, con raffiche superiori agli 80km/h specie su Tirreno, Sardegna, Sicilia, Ionio e mari agitati».

 

Dobbiamo quindi aspettarci anche abbondanti nevicate?

neve a milano 2020 neve a milano 2020

«Come già anticipato le temperature saranno in diminuzione nei prossimi giorni con un calo notevole soprattutto al Nord, dove già oggi su basso Piemonte ed entroterra savonese la neve è scesa anche a 300 metri. Poi assisteremo a nevicate anche a quote medio-basse dapprima sulle Alpi, ma a seguire anche sull’Appennino centro-settentrionale a tratti anche a quote collinari al Nord. 

 

Nel weekend non è esclusa anche su Lombardia e Nordest. Poi sempre entro il weekend neve fino a 800-1300m sull’Appennino centro-settentrionale. Tra sabato e domenica poi, la neve scenderà ulteriormente di quota. Sulle Alpi scenderà fino in valle, mentre sugli Appennini e in Sardegna addirittura in collina (800 metri). Oltre alle precipitazioni ci sarà un netto rinforzo dei venti di Libeccio e poi di Maestrale con mareggiate intense lungo le coste esposte.

roma neve roma neve

 

Per una nevicata a Roma dovremo aspettare ancora quindi?

«Sì la neve nel centro Italia per ora è prevista solo sugli Appennini e non scenderà sotto gli 800 mt»

 

Possiamo dire che l'autunno è ormai finito?

«Da martedì prossimo assisteremo a un miglioramento e ad una pausa momentanea del maltempo. Tornerà il sole in gran parte dell'Italia, ma di notte le temperature scenderanno ancora molto con possibili gelate. Quindi clima più mite di giorno rispetto a questa settimana ma possiamo dire che sì, l'autunno è ormai alle spalle».

 

inverno inverno

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

È STATO DAVVERO UN “BLACK FRIDAY” – IERI LE BORSE EUROPEE HANNO BRUCIATO 390 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE PER LA PAURA CHE LA VARIANTE “OMICRON” DEL COVID PORTI A NUOVE CHIUSURE CHE DISTRUGGEREBBERO L’ECONOMIA – IGNAZIO VISCO: “IL NUOVO INCREMENTO DI CONTAGI SPOSTA IN AVANTI LA PROSPETTIVA POST-PANDEMIA”. CHE FARANNO I BANCHIERI CENTRALI, CHE STAVANO PENSANDO DI RIALZARE I TASSI PER SCONGIURARE L’INFLAZIONE? LA RISPOSTA ARRIVA DAL PETROLIO, CHE IERI È CROLLATO DEL 10%...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute