L'EX PREMIER DEL PAKISTAN, IMRAN KHAN, E SUA MOGLIE BUSHRA BIBI SONO STATI CONDANNATI OGGI A 14 ANNI DI CARCERE PER CORRUZIONE NEL COSIDDETTO CASO “TOSHAKHANA” OVVERO IRREGOLARITÀ SUL DEPOSITO DI DONI DI STATO RICEVUTI QUANDO ERA AL POTERE - IN UN ALTRO PROCEDIMENTO, KHAN E’ STATO CONDANNATO A DIECI ANNI DI CARCERE PER AVER DIVULGATO SEGRETI DI STATO…

-

Condividi questo articolo


IMRAN KHAN E BUSHRA BIBI IMRAN KHAN E BUSHRA BIBI

(ANSA-AFP) - ISLAMABAD, 31 GEN - L'ex premier del Pakistan, Imran Khan, e sua moglie sono stati condannati oggi a 14 anni di carcere per corruzione: lo riportano i media locali. Khan era stato condannato ieri a dieci anni di carcere in un caso in cui era accusato di aver divulgato segreti di Stato.

 

IMRAN KHAN IMRAN KHAN

L'ex primo ministro pachistano e sua moglie Bushra Bibi sono stati condannati per corruzione nel cosiddetto caso Toshakhana (archivio delle donazioni statali). La sentenza fa seguito a una denuncia presentata contro di loro dal National accountability bureau (Nab), l'organismo anti-corruzione del Paese, per irregolarità sul deposito di doni di Stato ricevuti quando Imran Khan era al potere. La sentenza giunge pochi giorni prima delle elezioni legislative e provinciali dell'8 febbraio prossimo, per le quali l'ex premier era già ineleggibile.

IMRAN KHAN IMRAN KHAN IMRAN KHAN IMRAN KHAN imran khan imran khan IMRAN KHAN E BUSHRA BIBI IMRAN KHAN E BUSHRA BIBI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...