1. L'HOTEL RIGOPIANO FA UN ALTRO MORTO: SI SUICIDA IL COMANDANTE DEI FORESTALI GUIDO CONTI 2. ''HO AUTORIZZATO LA COSTRUZIONE DELLA SPA DOVE SONO MORTE DELLE PERSONE. QUELLE VITTIME MI PESANO COME UN MACIGNO'' - MA IL M5S SOLLEVA IL SOSPETTO: ''LOTTAVA CONTRO LE ECOMAFIE. SIAMO SICURI CHE SIA UN SUICIDIO?'' - QUEL MISTERO DELLA TERZA LETTERA DI ADDIO...

Condividi questo articolo


guido conti guido conti

 

Valentina Baldisserri per www.corriere.it

 

Si è ucciso venerdì 17 novembre con un colpo alla tempia destra, esploso da una pistola calibro 9 .Lo hanno trovato nella sua auto parcheggiata alle pendici del monte Morrone. Il suicidio di Guido Conti, 58 anni di Sulmona, comandante provinciale del corpo forestale di Pescara, da ottobre in congedo dall’arma dei carabinieri, è il dramma di un uomo alle prese con mille tormenti professionali e umani. Due lettere trovate dopo la sua morte, una indirizzata all’ex premier Matteo Renzi in cui il generale difendeva il Corpo forestale contro l’accorpamento nell’Arma deciso dal Governo.

valanga al rigopiano valanga al rigopiano

 

L’altra, che conteneva ancor più i segni della sua cupa disperazione, indirizzata ai familiari (lascia moglie e due figlie) in cui il Generale dei carabinieri forestali cita la vicenda di Rigopiano che era fonte per lui di grande angoscia. Secondo quanto riporta l’agenzia AdnKronos , Conti scrive: «Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti, ci sono anche prescrizioni a mia firma».

 

Conti entra poi nel merito, specificando: «Non per l’albergo, di cui non so nulla, ma per l’edificazione del centro benessere, dove solo poi appresi non esserci state vittime. Ma ciò non leniva il mio dolore. Pur sapendo e realizzando che il mio scritto era ininfluente ai fini della pratica autorizzativa mi sono sempre posto la domanda: Potevo fare di più?».

 

RIGOPIANO SOCCORSI RIGOPIANO SOCCORSI

 

Guido Conti era molto conosciuto a Sulmona e in Abruzzo per aver guidato l’inchiesta sulla mega discarica dei veleni di Bussi (Pescara) . Una carriera intensa e prestigiosa la sua con una serie di inchieste anche su traffici di rifiuti e sul terremoto in Abruzzo. Poi Conti era andato in pensione dal corpo forestale ed aveva assunto un importante incarico alla Total Erg, ma sembra che si fosse poi licenziato nei giorni scorsi.

 

HOTEL CROLLATO - RIGOPIANO HOTEL CROLLATO - RIGOPIANO

Secondo quanto hanno ricostruito gli inquirenti, il generale sarebbe uscito di casa a Sulmona venerdì mattina intorno alle 9 e con la sua Smart sarebbe prima andato in una cartoleria per acquistare tre fogli e tre buste , avrebbe quindi scritto le lettere e poi si sarebbe diretto vero un luogo che amava tanto, il monte Morrone per porre fine alla sua esistenza. Oltre alle due lettere già citate, ce ne sarebbe dunque una terza che non sarebbe stata lasciata in auto ma spedita, chi fosse il destinatario è ancora un mistero .

 

Inchiesta della magistratura

Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta. Il sostituto procuratore Aura Scarsella che coordina le indagini ha disposto il sequestro dell’autovettura personale e di quella aziendale, il telefonino che Conti ha lasciato a casa l’ipad, le sue agendine e le lettere ritrovate in auto.

 

hotel rigopiano 3 hotel rigopiano 3

C’è una nota dei parlamentari delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato del MoVimento 5 Stelle che chiedono chiarezza: «Apprendiamo della morte dell’ex generale Conti, che abbiamo conosciuto nel passato per la sua lotta contro le ecomafie. Abbiamo seguito il suo cambio di ruolo alla Total, da meno di un mese, e adesso la notizia del suo presunto suicidio ci lascia basiti. Proprio ieri abbiamo ricevuto una risposta evasiva all’interpellanza presentata da Mirella Liuzzi su un altro caso di strano suicidio che riguarda sempre il petrolio lucano, quello dell’ingegnere Griffa. Circostanze tutte poco chiare. Chiediamo che sia fatta assoluta chiarezza. Alla famiglia va il nostro cordoglio e la nostra vicinanza».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…