ARRIVA "CERBERUS", LA NUOVA SOTTOVARIANTE DEL COVID CHE CI ROMPERA' I COJONI - ENTRO L’INIZIO DEL 2023 POTREBBE DIVENTARE DOMINANTE NEL MONDO – I DATI SU SINTOMI O CARATTERISTICHE CLINICHE ANCORA NON ESISTONO, MA L'ECDC SU QUESTO FRONTE È OTTIMISTA: “NON CI SONO EVIDENZE CHE. SIA ASSOCIATA A UNA MALATTIA PIÙ SEVERA” 

-

Condividi questo articolo


Elena Dusi per “la Repubblica”

 

covid covid

L'inverno delle nuove varianti è alle porte. L'Ecdc (European centre for disease control) mette in guardia contro un nuovo lignaggio del coronavirus. Si chiama BQ.1, sui social è soprannominato Cerberus e sta accelerando la sua diffusione in Europa e Stati Uniti. L'Ecdc si aspetta che «tra metà novembre e inizio dicembre possa causare più del 50% delle nuove infezioni», cioè che diventi la nuova variante prevalente, possibile benzina per una nuova ondata.

 

varianti covid varianti covid

«Per l'inizio del 2023 - prosegue il centro europeo per le malattie infettive - ci si attende che più dell'80% dei casi siano provocati da BQ.1». In Asia nel frattempo, soprattutto a Singapore, un'altra variante figlia di Omicron sta accelerando sulle altre. Si tratta di XBB (per i social Gryphon). In Italia finora ne sono stati isolati 7 campioni.

 

varianti covid varianti covid

Carlo Federico Perno, virologo, direttore della microbiologia del Bambino Gesù a Roma, tiene però a fare una precisazione: «Non stiamo parlando di nuove varianti, ma di sottovarianti. La distinzione è importante. BQ.1 infatti ricade sempre nella famiglia di Omicron, non è particolarmente differente dal virus attuale. Può darsi che i contagi tornino ad aumentare, ma non ci aspettiamo dei balzi nella severità dell'infezione, né che i vaccini abbiano sostanziali cali di efficacia».

 

covid nuova sottovariante 7 covid nuova sottovariante 7

In Europa Cerberus, secondo l'Ecdc «contribuirà probabilmente a un aumento dei casi nelle prossime settimane e nei prossimi mesi». L'ente epidemiologico che ha sede a Stoccolma ha pubblicato i dati più recenti sulla diffusione di BQ.1 in alcuni paesi europei, e l'Italia vi figura in primo piano. L'ultima figlia di Omicron rappresenta già il 19% di tutti i nuovi contagi in Francia, il 9% in Belgio, il 7% in Irlanda, il 6% in Olanda e il 5% in Italia. Al di fuori dei paesi monitorati dall'Ecdc, BQ.1 è al 9% in Svizzera, all'8% in Gran Bretagna e al 16,6% negli Stati Uniti, dove i Cdc (Centers for disease control) hanno osservato un raddoppio della percentuale negli ultimi sette giorni.

covid nuova sottovariante 6 covid nuova sottovariante 6

 

L'immunologo americano Anthony Fauci ha definito Cerberus «piuttosto preoccupante».

BQ.1 sta prendendo il sopravvento nella ridda di nuove sottovarianti - negli ultimi mesi ne sono state censite diverse decine - a causa soprattutto di una sua caratteristica: «La capacità di sfuggire al sistema immunitario», spiega l'Ecdc. Dati su sintomi o caratteristiche cliniche ancora non esistono, ma l'Ecdc su questo fronte è ottimista: «Non ci sono evidenze che BQ.1 sia associata a una malattia più severa». 

covid nuova sottovariante 5 covid nuova sottovariante 5

 

Proprio perché la nuova variante ricade all'interno della famiglia Omicron, non ci si attendono grossi cali di efficacia dei vaccini, né dei farmaci antivirali. Diverso è invece il discorso per gli anticorpi monoclonali, che potrebbero non riuscire più a riconoscere e bloccare il virus con le nuove mutazioni.

covid nuova sottovariante 3 covid nuova sottovariante 3 covid nuova sottovariante 1 covid nuova sottovariante 1 covid nuova sottovariante 2 covid nuova sottovariante 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...