È ARRIVATO IL BOLLETTINO - OGGI 24.036 NUOVI CASI E 297 MORTI: IL NUMERO DI CONTAGI È ALTO COME A INIZIO DICEMBRE, L’INDICE RT NAZIONALE SALE A 1,06 DALLO 0,99 DELLA SCORSA SETTIMANA - SECONDO SILVIO BRUSAFERRO DELL’ISS CI SI INFETTA "SOPRATTUTTO A LIVELLO FAMILIARE" - SONO SEI LE REGIONI A RISCHIO ELEVATO: ABRUZZO, CAMPANIA, EMILIA-ROMAGNA, FRIULI VENEZIA-GIULIA, LOMBARDIA E MARCHE - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 5 MILIONI, GLI ITALIANI CHE HANNO FATTO IL RICHIAMO SONO PIÙ DI 1,5 MILIONI

-

Condividi questo articolo


Paola Caruso per www.corriere.it

 

il bollettino del 5 marzo il bollettino del 5 marzo

Sono 24.036 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri sono stati +22.865). Sale così ad almeno 3.023.129 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 297 (ieri sono stati +339), per un totale di 99.271 vittime da febbraio 2020.

 

Mentre le persone guarite o dimesse sono 2.467.388 complessivamente: 13.682 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri +13.488). E gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 456.470, pari a +10.031 rispetto a ieri (+9.018 il giorno prima). L’aumento degli attuali positivi di oggi — con il segno più davanti — è dovuto al fatto che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero inferiore rispetto ai nuovi casi.

 

SILVIO BRUSAFERRO SILVIO BRUSAFERRO

Più contagi in 24 ore rispetto a ieri. I casi sono in crescita e lo scenario peggiora. Secondo l’ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità, l’indice Rt nazionale sale a 1,06 dallo 0,99 della scorsa settimana.

 

«Questa non è una buona notizia» dice Silvio Brusaferro, presidente dell’Iss, che spiega la necessità di riportare questo dato sotto l’1 — il più rapidamente possibile — e incrementare le misure di contenimento. «Il contagio in questo momento avviene soprattutto a livello familiare — precisa Brusaferro —. Questo è un elemento importante».

 

vaccinazione anti covid vaccinazione anti covid

Sono sei le regioni a rischio elevato, «sostanzialmente sotto stress», sottolinea Brusaferro: si tratta di Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Lombardia e Marche.

 

I vaccinati

Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 5 milioni. I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono più di 1,5 milioni.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute