BANG! GANGSTER ALL'ITALIANA - KALASHNIKOV, AUTO IN FIAMME, TRE SUV SCHIERATI: SULL'A14 VA IN SCENA LA RAPINA HOLLYWOODIANA A UN PORTAVALORI, APERTO COME UNA SCATOLETTA DI TONNO - MA I VIGILANTES RIESCONO A FAR SCATTARE LA TINTA SULLE BANCONOTE, E I BANDITI PRENDONO UNA MINIMA PARTE

A questo punto la fuga. Alcuni prendono la Volvo di un automobilista e una parte scappa percorrendo la carreggiata opposta gettando altri chiodi a tre punte. Altri invece si sarebbero dileguati scavalcando il guard-rail e scomparendo tra i campi. Dove forse avevano altre auto...

Condividi questo articolo


Alessandro Fulloni per il “Corriere della Sera

 

Le canne dei kalashnikov che spuntano dai finestrini.

rapina al portavalori a14 9 rapina al portavalori a14 9

Puntate contro l' autista di un tir. Ci vuol poco a capire l' ordine: rallenta, fermati. Qualcuno grida: «Mettiti di traverso».

 

Sono le 18, il tratto dell' autostrada A14, «l' Adriatica», è quello tra i caselli di Valle del Rubicone e Cesena Sud. È in corso una rapina a un furgone blindato. Commando di banditi organizzatissimo: sono una decina in tutto, si spostano su tre suv - due Range Rover e un X5 - con un addestramento quasi militare, mephisto sul volto e indumenti da reparti speciali. Bloccano il camion e arrestano il traffico in direzione Sud. Poi lanciano chiodi a tre punte sull' altra corsia. Caos anche lì, pneumatici che scoppiano, terrore. Alcuni automobilisti addirittura tornano indietro sulla corsia d' emergenza, sfidando il traffico.

 

rapina al portavalori a14 8 rapina al portavalori a14 8

Ma è solo l' inizio: con la corsia libera, i rapinatori inseguono il bersaglio, un furgone portavalori della società Civis scortato da un' auto. Obbligano a rallentare la macchina mettendosi davanti e centrandola con delle raffiche. Fermano il blindato con lo stesso sistema.

 

Alcuni dei banditi salgono sul tetto (pare non rinforzato) aperto come una scatoletta di tonno con un flessibile, la sega usata per tagliare il metallo.

Puntandogli contro i kalashnikov, il gruppo di fuoco «convince» le due guardie giurate nella parte posteriore a non reagire. Poi prelevano il contante custodito in sacche. Ma riescono a portare via solo una «minima parte» dei tre milioni trasportati perché i vigilantes riescono ad azionare il dispositivo anti-rapina: quello che fa «esplodere» una sostanza schiumogena che «tinteggia» le banconote, tracciandole e rendendole inutilizzabili.

rapina al portavalori a14 5 rapina al portavalori a14 5

 

A questo punto la fuga. Alcuni prendono la Volvo di un automobilista e una parte scappa percorrendo la carreggiata opposta gettando altri chiodi a tre punte. Altri invece si sarebbero dileguati scavalcando il guard-rail e scomparendo tra i campi. Dove forse avevano altre auto.

 

rapina al portavalori a14 4 rapina al portavalori a14 4

Prima di svanire hanno incendiato i suv per non lasciare tracce e per rendere ancora più complicato l' arrivo di carabinieri e polizia.

 

Dopo l' allarme sono scattati i posti di blocco lungo la dorsale adriatica, soprattutto a ridosso dei caselli più vicini, quelli del Cesenate e soprattutto del Riminese. Un elicottero della Polaria si è alzato in volo da Bologna per cercare i fuggitivi. Sulla A14, chiusa a lungo in entrambe le direzioni, si sono formate lunghissime code. Le indagini sono condotte dagli investigatori della squadra mobile di Forlì coordinati dal procuratore Sergio Sottani.

 

rapina al portavalori a14 3 rapina al portavalori a14 3

I numerosi colpi esplosi sono stati esaminati dalla Scientifica per capire se si tratti di armi usate per altre rapine.

 

L' A14 è stata infatti in passato teatro di assalti. Il più recente il 26 aprile, tra i caselli di Pescara Sud e Pescara Ovest. Il 30 settembre del 2015 un altro assalto a colpi di kalashnikov ad Ancona fruttò un bottino di circa di 5 milioni di euro. Ma il colpo più spettacolare fu il 30 giugno del 2008, nel Bolognese. Un raid in cui vennero impiegate quattro auto. Quella volta il bottino fu superiore ai tre milioni di euro.

rapina al portavalori a14 6 rapina al portavalori a14 6 rapina al portavalori a14 2 rapina al portavalori a14 2 rapina al portavalori a14 1 rapina al portavalori a14 1 rapina al portavalori a14 10 rapina al portavalori a14 10 rapina al portavalori a14 11 rapina al portavalori a14 11 rapina al portavalori a14 12 rapina al portavalori a14 12 rapina al portavalori a14 13 rapina al portavalori a14 13 rapina al portavalori a14 7 rapina al portavalori a14 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO