I BOSS VOGLIONO "FARE LA FESTA" A DON PATRICIELLO – A CAIVANO IL 74ENNE VITTORIO DE LUCA, SUOCERO DEL BOSS DOMENICO CICCARELLI, SI È AVVICINATO CON UN COLTELLO A DON MAURIZIO PATRICIELLO, PARROCO SIMBOLO DELLA LOTTA ALLA CAMORRA - L'UOMO, GIÀ DENUNCIATO PER POSSESSO DI ARMA DA TAGLIO, È STATO FERMATO DALLA POLIZIA - IL PREFETTO DI NAPOLI, MICHELE DI BARI: "È UNA SITUAZIONE DELICATA" - VINCENZO DE LUCA HA DEFINITO DON PATRICIELLO UN "PIPPO BAUDO CON LA FRANGETTA"

-

Condividi questo articolo


SUOCERO BOSS SI AVVICINA ARMATO A DON PATRICIELLO, PRESO

meloni don maurizio patriciello meloni don maurizio patriciello

(ANSA) - ROMA, 11 GIU - "Ennesimo atto di intimidazione subito a Caivano da don Patriciello, dove un uomo, Suocero del boss Ciccarelli, armato di coltello, è stato fermato dalle forze dell'ordine mentre cercava di avvicinarsi a lui durante il consueto saluto ai fedeli".

 

Lo riferisce il presidente della commissione antimafia Chiara Colosimo esprimendo "solidarietà e vicinanza" al prete antimafia. "Il lavoro, insieme con l'evangelizzazione, che don Maurizio sta portando avanti è fondamentale per strappare quelle terre alla criminalità organizzata e noi saremo sempre al suo fianco in questa battaglia per la giustizia e la libertà", ha aggiunto Colosimo.

don maurizio patriciello don maurizio patriciello

 

SUOCERO BOSS BLOCCATO DA POLIZIA, AVEVA UN'ARMA DA TAGLIO

(ANSA) - NAPOLI, 11 GIU - Non è arrivato a contatto con il parroco anticamorra di Caivano don Maurizio Patriciello, il 74enne Vittorio De Luca, Suocero del boss Domenico Ciccarelli, denunciato dalla Polizia di Stato per possesso di arma da taglio. L'uomo, affetto da uno stato di salute psicologico precario, si è già reso protagonista di atti simili in passato.

 

L'uomo non ha fatto in tempo ad avvicinarsi al parroco anti-camorra in quanto gli agenti lo hanno bloccato e subito dopo poi allontanato. Lui stesso si è poi avvicinato alla Volante della Polizia di Stato, sempre presente sul posto nell'ambito del programma di monitoraggio sul presule, e ha mostrato un'arma da taglio agli agenti che gliel'hanno sequestrata prima di denunciarlo.

napolitano e don maurizio patriciello napolitano e don maurizio patriciello

 

PREFETTO NAPOLI, SEGUO SITUAZIONE DELICATA DI DON PATRICIELLO

(ANSA) - NAPOLI, 11 GIU - "E' una situazione delicata che io sto seguendo minuto dopo minuto, però con grande serenità da parte di Don Maurizio perché sa che al suo fianco c'è lo Stato". Lo ha detto il prefetto di Napoli Michele di Bari riferendosi al suocero del boss Ciccarelli, armato di coltello, che è stato fermato dalle forze dell'ordine mentre cercava di avvicinarsi a don Patriciello durante il saluto ai fedeli.

 

"La sera stessa - ha detto il prefetto - ero da don Maurizio Patricello. Noi lì siamo nel diritto di dire che Caivano ormai, anche dagli indici di delittuosità che abbiamo, è un territorio che è frequentato soprattutto dalle forze di polizia. Certamente l'episodio che è accaduto a don Maurizio Patriciello ci impone una riflessione sulla sicurezza di questa persona impegnatissima, non a caso personalmente gli sono vicino quasi tutti i giorni". Sul possibile rafforzamento della scorta a don Patriciello, il prefetto ha detto: "in questi casi c'è una sensibilità".

meloni don maurizio patriciello meloni don maurizio patriciello

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?