CI MANCAVANO SOLO I FASCIOPIRLA - TRE MINCHIONI DI ESTREMA DESTRA BRACCANO UN OPERAIO ROMENO E GLI MOZZANO DUE DITA: “MI SONO DIFESO IL COLLO CON LE MANI E UNO DI LORO HA AFFONDATO IL COLTELLO, VOLEVA UCCIDERMI”

I nuovi fascistelli sono diversi: non più quelli imbottiti di ideologia ma adolescenti svuotati da ogni idea, che dalla storia riescono a prendere solo slogan e violenza - Le loro pagine Facebook sono piene di saluti romani, teste del duce, svastiche. Stessi simboli con cui imbrattano i muri della capitale…

Condividi questo articolo

Maria Corbi per “la Stampa”

 

NEOFASCISTI NEOFASCISTI

Piazza Tuscolo, zona sud est della capitale, uno degli angoli di quel triangolo che comprende le periferie di Tor Sapienza, Torre Angela e Tor Bella Monaca, una polveriera di disagio su cui soffiano da tempo non solo i partiti che puntano sul nazionalismo e l’intolleranza ma anche associazioni di neofascisti.

 

E qui, a via Britannia, una manciata di chilometri dalla sede storica dell’Msi di Acca Larentia e da quella di Fronte Nuovo, due giorni fa tre ragazzi romani ventenni, di estrema destra, accompagnati da un amico minorenne, hanno braccato un romeno di 33 anni che stava tranquillamente prendendo un caffè al bar prima di andare a lavorare.

NEOFASCISTI NEOFASCISTI

 

«Mi vedevo morto», ha confessato ai sanitari che all’ospedale hanno tentato di ricucire le due falangi delle mani che gli sono state brutalmente tagliate. «Erano belve». Per un dito non c’è stato niente da fare. «Mi sono difeso il collo con le mani e uno di loro ha affondato la lama del coltello che ha preso sul bancone del negozio, voleva uccidermi, mi ha tagliato due dita».

 

UN QUARTIERE A RISCHIO

NEOFASCISTI NEOFASCISTI

Un racconto dell’orrore. «No, la realtà di queste zone», dice una signora che porta a spasso il cane e che ha paura. «Prima questa zona era tranquilla, stiamo a un passo da San Giovanni e dal centro, ma da quando si sono estese le periferie verso est, quella maledetta strada Collatina ha portato da noi la feccia. E non faccio differenza tra italiani e stranieri».

 

Ma Giulio, 20 anni, che frequenta Fisica a La Sapienza e qui c’è nato ha un’altra spiegazione: «Questa zona è sempre stata piena di fascisti, ma dopo gli anni ’70, periodo bollente, erano rimasti come in letargo. Ogni tanto una canzoncina idiota, scritte sui muri, folklore nostalgico nazifascista. Tranne poche eccezioni. Ma adesso è diverso».

 

MANIFESTI NEOFASCISTI MANIFESTI NEOFASCISTI

Sono diversi i ragazzi, non più quelli imbottiti di ideologia di un tempo, ma adolescenti svuotati da ogni idea, che dalla storia riescono a prendere solo slogan e violenza. Le loro pagine Facebook sono piene di saluti romani, teste del duce, svastiche. Stessi simboli con cui imbrattano i muri della capitale. Un esercito di nostalgici di un passato che non conoscono nemmeno sui libri di storia. Rimbambiti dalle canne e dalle birre, girano pub e discoteche e si fanno forza in branco.

 

COS’È SUCCESSO

E in branco l’altro giorno hanno aggredito il povero romeno che lavora ogni giorno a cottimo e che vive poco lontano da qui. Erano le 8,30 di mattina quando hanno puntato R. in un bar gridandogli «sporco rumeno, te ne devi andare». Lui ha abbassato la testa, ha cercato di uscire senza raccogliere la provocazione, ma lo hanno inseguito. Ha bussato ai carabinieri vicino, poi si è rifugiato in una panetteria dove si è chiuso in bagno.

 

NEOFASCISTI NEOFASCISTI

Ma i tre hanno forzato la porta e uno di loro ha affondato il coltello. Adesso sono in carcere con l’accusa di tentato omicidio e lesioni gravissime, resistenza a pubblico ufficiale. Un carabiniere racconta che uno di loro si è vantato di avere inferto la coltellata. È una miscela di ignoranza, droga e vuoto che rende dei ragazzi dei potenziali assassini.

 

«Sì, è così. Ma anche la mancanza di futuro. Ho un figlio di 16 anni che vive per queste strade con gli amici, noi lo seguiamo, ma a volte il fascino del gruppo è più forte». E i gruppi di estrema destra che a San Giovanni spopolano ma che sono diffusi in tutta Roma sono bravi ad affascinare nuove reclute. Casapound e Blocco Studentesco pescano nelle scuole. Poi c’è Forza Nuova e anche la new entry di «Azione Frontale» il cui leader Ernesto Moroni aveva inviato un anno e mezzo fa tre pacchi contenenti teste di maiale alla sinagoga, al Museo della memoria a Trastevere e all’ambasciata israeliana ai Parioli. Bande nate dal disagio e che aumentano il disagio della capitale. La grande bruttezza.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute